Le Opinioni di Roberto Napoletano

gualtieri(ASI) Siamo di fronte a un Pil che crolla come non mai e a una crisi sanitaria persistente a livello globale. Ignorarlo è da folli. Siamo di fronte all’irresponsabilità perché si trasmette una fiducia mal riposta. Ma è possibile che il ministro dell’Economia non si renda conto che il Mezzogiorno è già tutto in piena depressione e l’intero Paese balla sull’orlo del baratro?

gualtieri(ASI) Di seguito l'editoriale del direttore Roberto Napoletano dell'edizione odierna. Per salvare se stesso e il Paese, il ministro Gualtieri ha una sola possibilità: fare un vero decreto liquidità che garantisca la sopravvivenza alle imprese con contributi a fondo perduto.

Risultati immagini per ZAIA agenziastampaitalia.it (ASI) C’è un Sud anche al Nord, caro Governatore Zaia, pensi a Belluno e a Rovigo, ad esempio.

Roberto Napoletano (ASI) "Il Paese dalle Alpi a Pantelleria può mettere a frutto gli euro del Recovery Fund con la rete della fibra unica, pubblica e indipendente. Cdp ha fatto un buon lavoro. E noi che facciamo? Perdiamo tempo con le manovre dei pirati francesi, degli investitori americani interessati solo a fare soldi, e dei loro “garbati”protettori. Ma il ministro dell’Economia che fa?

Roberto Napoletano (ASI) LA SVOLTA che servirebbe oggi all’Italia dovrebbe avere la tensione morale del primo centrosinistra che fece la scuola media unica e la nazionalizzazione elettrica, consolidò la scelta del piano casa e avviò la prima riforma urbanistica che fece di Fiorentino Sullo il bersaglio di tutti i conservatorismi, non solo quello dei cementieri.

Roberto Napoletano (ASI) "Bisogna cominciare a dirlo con chiarezza assoluta e ripeterlo, se necessario, in maniera ossessiva. C’è un solo modo certo per fare sì che l’Italia intera resti nelle sabbie mobili della sua mancata crescita e si avviluppi in una spirale di finti alibi (l’Europa, i mercati e così via) che hanno il solo scopo di coprire errori e egoismi fatali.

Roberto Napoletano (ASI) "Solo con un vincolo esterno europeo di forte condizionalità la Sinistra Padronale potrà capire che dobbiamo prendere i 36 miliardi del Mes non per coprire i buchi di bilancio delle Regioni ricche ma per fare investimenti al Mezzogiorno in ospedali pubblici e soprattutto che il Recovery Fund deve finanziare le infrastrutture di sviluppo nelle regioni meridionali

Roberto Napoletano (ASI) "Povera Italia! L’ineffabile Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, e lo stuolo di plaudenti consiglieri italiani possono prendere il meglio della banca, le sue attività internazionali, e conferirlo in una subholding senza che nessuno dica niente.

salvirenzi(ASI) "Se non si vuole che Salvini arrivi al 50% dei consensi nei sondaggi e stravinca poi nelle urne quando si tornerà al voto, il Conte bis deve partire dall’operazione verità sulla ripartizione della spesa pubblica e deve dimostrare con gli atti di avere non solo cultura ma capacità di governo.

(ASI) "Con l’incoscienza di prolungare a voce lo stato di emergenza si comincia a dare un messaggio alla gente che la pandemia non finirà mai. Risultato: consumiamo ancora di meno, quel poco che consumiamo lo facciamo con paura, la saracinesca che pensavamo di riaprire rimane chiusa.

(ASI) Fare peggio di quello che si è fatto in questi mesi è impossibile. Si è partiti con l’Iva da disinnescare e ci si è persi in una miriade di nuove micro tasse. A ogni ora della mattina e della sera argomento unico: tetto al contante, commissioni bancarie, lotta all’evasione. Molto rumore, molta ideologia. La parola investimenti: bandita.

Roberto Napoletano (ASI) "Avere sostituito la ministra Pinocchio, Erika Stefani, con una persona di valore e di comprovata competenza come Francesco Boccia nel governo della Repubblica italiana ci mette di buonumore. Solo in Italia si può consentire a un rappresentante di governo di mentire spudoratamente in Parlamento e di rimanere al suo posto."

Page 1 of 2

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.