(ASI) L’Atalanta approfitta dei passi falsi di Juventus, Inter e Napoli, e si porta a soli tre punti dalla vetta della classifica. La Dea può lottare realmente per il titolo? È questa la domanda che si pongono gli sportivi. Difficile, se non impossibile contro questa Juventus.

 

Ma i nerazzurri bergamaschi possono tranquillamente bissare la qualificazione in Champions League. La loro continuità è un’arma importante. Da un nerazzurro ad un altro, quello dell’Inter. Dopo il 2-2 contro il Parma, Conte si è lasciato andare ad uno sfogo carico di preoccupazioni.

Troppo corta è la coperta, e giocare ogni tre giorni è difficile. Conte può e deve prendersela solo con la malasorte che ha privato l’Inter di Sensi, D’Ambrosio, Alexis Sanchez e Vecino. Ma non può imputare nulla alla società, che lo ha accontentato in tutto e per tutto in sede di mercato. Il suo pupillo Lukaku continua a segnare, ed è a quota 6 dopo 9 gare. Come lui, solo Diego Milito, e scusate se è poco.

Se Conte non ride, Pioli piange. Un misero punto in due partite, e una crisi senza fine che non accenna a placarsi. Il diavolo cade sotto gli esorcismi di Dzeko e Zaniolo, e mantiene solamente tre punti di vantaggio dalla terzultima in classifica. La sensazione è che se non dovesse arrivare una svolta, il nome di Spalletti potrebbe tornare a circolare dalle parti di Casa Milan.

Sono lontani i tempi del Milan vincente di Berlusconi e dei colpi di mercato di Galliani. Entrambi si sono trasferiti nella vicina Monza. I brianzoli sono saldamente in testa alla classifica nonostante il 2-2 contro il Renate che ha rammaricato - e non poco – il patrón. “Mai visto un errore del portiere così...” ha tuonato Berlusconi a fine partita.

Il presidente vuole sempre vincere, e in cuor suo ha in serbo di disputare quanto prima il derby contro il Milan. In serie A naturalmente, a meno che il Milan...

Zitti, zitti...

Raffaele Garinella -  Agenzia Stampa Italia

Twitter: @RGarinella

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.