(ASI) Roma  – “La legge sul fine vita, all’esame del senato, è inaccettabile. Non condividiamo, in particolare, la possibilità di sospendere l’idratazione e l’alimentazione del malato terminale, accompagnata dalla sua sedazione profonda. Questi atti equivalgono all’eutanasia”. Lo ha dichiarato il senatore di Forza Italia, Scilipoti Isgrò, nel dibattito in aula relativo alla proposta di legge sul biotestamento.

“Non valutiamo positivamente, inoltre, – ha aggiunto il presidente di Unione Cristiana – l’impossibilità del medico di opporre l’obiezione di coscienza davanti all’obbligo di attuazione delle disposizioni eutanasiche. La vita è un dono di Dio e deve essere difesa, pertanto, dal concepimento fino alla morte naturale.

Tale principio – ha concluso l’esponente azzurro - è alla base della cultura giudaico – cristiana che tutela, da sempre, la sana laicità dello Stato e riflette gli ideali della stragrande maggioranza degli italiani”.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.