morrone1(ASI) Roma, . “La fase di sperimentazione dell’utilizzo del taser da parte della Polizia di Stato sta proseguendo con ottimi risultati. Credo sia giunto il momento di pensare al medesimo percorso per la Polizia Penitenziaria”.


Ne è convinto Jacopo Morrone, sottosegretario alla Giustizia, che sostiene da tempo “la necessità di dotare ogni Istituto di pena di questo strumento di deterrenza in caso di situazioni di particolare pericolosità. Non si tratta di fornire una pistola a impulsi elettrici a ogni agente, ma di formare, in ogni struttura carceraria, un nucleo di pronto intervento, che possa utilizzare questo mezzo in contesti di estrema necessità, secondo un preciso disciplinare. Certo non si può che concordare sul fatto che l’ambiente carcerario rappresenti un contesto delicato e richieda particolari attenzioni, tuttavia dobbiamo anche tutelare chi opera al suo interno, provvedendo a fornire agli agenti formazione, addestramento e strumentazioni più moderne e adeguate all’attuale situazione degli istituti detentivi”.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2018 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.