(ASI) Sembra non esserci pace in Siria. Un nuovo attentato, che non è stato al momento rivendicato, è avvenuto oggi con un’ autobomba, nel nord del paese vicino alla moschea al Uthman e non lontano dal terminale dei bus, causando la morte di 15 persone.

Altre 40 sono rimaste gravemente ferite, a causa di lesioni profonde, per la potente deflagrazione. Lo ha comunicato, nelle ultime ore, l'Osservatorio nazionale per i diritti umani presente nella nazione guidata dal governo di Damasco . Il tragico evento è accaduto nei pressi dell’area di Aleppo e in particolare ad al Bab, centro urbano situato a pochi chilometri dalla frontiera turca, in una zona controllata da milizie cooptate da Ankara. Il presidente, Bashar al – Assad, è tornato intano ad accusare Tayyp Erdogan di interferenze, in quanto fomenta la violenza e attività illecite. “Tutti sanno – ha spiegato il rais in n’intervista a Sputnik - che l'ISIS vendeva il petrolio siriano attraverso la Turchia sotto copertura delle forze armate americane e che il Sultano partecipava “al commercio del greggio. Questi sono i suoi scopi ed è pericoloso”.

Marco Paganelli – Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.