AMSIMED(ASI) Roma - Da oggi la prevenzione della morte cardiaca improvvisa è possibile quando la ricerca scientifica e l'innovazione strumentale vanno di pari passo, e pongono al centro la tutela della vita delle persone.
Con questa premessa, e per rispondere ai frequenti e tristi avvenimenti di morti improvvise, la multinazionale produttrice di dispositivi medici d'avanguardia BTL Industries lancia SDS “Sudden Death Screening”. Si tratta di un sistema unico al mondo in grado di “Prevenire la Morte Cardiaca Improvvisa” di giovani atleti, semplicemente effettuando uno screening ECG di base. Il sistema si basa al 100% sui criteri di Seattle (oggi denominati Criteri internazionali) ed ha un’accuratezza del 98%. A provarlo sono stati gli atleti della Lazio, con il coordinamento del Dr. Ivo Pulcini, Direttore sanitario della S.S. Lazio 1900, che ritiene lo strumento estremamente attendibile e importante nella prevenzione della morte cardiaca improvvisa. Il dispositivo è stato inoltre testato dai giocatori della U.S. Salernitana 1919.

Così, il Dr. Ivo Pulcini dichiara a riguardo: "La prevenzione è l'anima della medicina sportiva che tratta prevalentemente soggetti in buona salute e cioè gli sportivi. Purtroppo non sempre l'occhio umano puo' cogliere delle sfumature che possono aggravarsi nel tempo e creare problemi alla salute e alla vita. Grazie alla tecnologia avanzata - prosegue - e ai criteri scientifici di Seattle, è possibile prevedere con largo anticipo un eventuale problema grave per atleti ritenuti sani e idonei all'attività agonistica, e farne una diagnosi precoce. Questi mezzi strumentali, attraverso il sistema SDS (Sudden Death System), possono fare accendere degli alert durante un esame elettrocardiografico, che permettono di scoprire in anticipo un eventuale problema cardiaco".

Il Prof. Foad Aodi, da parte sua, in qualità di Presidente dell'Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI) e Presidente Onorario del Comitato Scientifico B-Academy, (Centro Studi Accademico Scientifico Culturale), afferma: "Gli unici strumenti per combattere la morte improvvisa sono: la prevenzione, gli accertamenti mirati, l'anamnesi accurata, l'innovazione strumentale e l'aggiornamento professionale continuo per i professionisti della Sanità. A questi elementi si aggiunge la presa in carico dell'atleta in maniera interdisciplinare e interprofessionale, con un confronto che coinvolge tutti gli esperti delle diverse branche, inclusi i medici di famiglia degli atleti, o i pediatri, nel caso dei minori. In Italia - prosegue - c'è un alto grado di preparazione dei professionisti della Sanità e c'è anche un forte impulso alla ricerca e all'innovazione tecnologica. Proprio per questo ringraziamo il Dr. Fabio Gugliucci, Direttore di BTLItalia, e tutto il suo staff, per il loro contributo fondamentale nell'aggiornamento professionale e nell'innovazione tecnologica: un supporto alla tutela della vita degli atleti e delle persone".

Il Dr. Fabio Gugliucci conclude: "Continua l'impegno di BTL e di B-Academy per sostenere e promuovere l'aggiornamento professionale e la prevenzione in cardiologia e riabilitazione. Stando a fianco di professionisti della Sanità, ci auguriamo di contribuire a salvare tante vite, di sportivi e non solo, mettendo sempre al centro dell'attenzione la salute delle persone e la collaborazione interprofessionale con tutti gli attori della Sanità, della ricerca e della tecnologia. Invitiamo tutti gli atleti a prendere in considerazione l'opportunità di sottoporsi ad un esame con dispositivo BTL SDS."

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2018 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.