Favola Ostapenko. Regina di Parigi più forte di ogni pronostico

Jelena(ASI) Parigi- Jelena Ostapenko trionfa al Roland Garros senza aver vinto prima nessun altro torneo del circuito. Nel tennis femminile in crisi, l'incoscienza e il coraggio di una lettone dai 20 anni appena compiuti valgono la conquista della finale in tre set.                                                                    V Lo ha fatto contro una Simona Halep quest'anno ritenuta favorita sin dai primi giorni dello slam di Parigi. A due punti dal match la mamma in tribuna già piangeva di orgoglio per una figlia che aveva iniziato a giocare a tennis guardano il fratello maggiore, a quattro anni, e che era data a mille dai bookmaker come vincitrice del torneo. Kuerten aveva battuto il record di far sua Parigi, senza vincere altri tornei, esattamente nel giorno in cui è nata, 8 giugno 1997. Che sia stato un segno?

L'impavida Ostapenko ha giocato un finale tirando a mille, con enormi rischi ma senza arretrare mai. Sotto di un set, con lo 0-3 al secondo e incertezze sul lancio di palla al servizio, i giochi sembravano fatti. L'audacia ha però premiato quella che ora spicca come eroina in un'epoca orfana di campionesse. Senza Serena Williams e Maria Sharapova, tutte le altre teste di serie non sono riuscite a cogliere il momento, lasciando alla lettone l'opportunità di realizzare il suo sogno. Da numero 47 del ranking da lunedì sarà la dodicesima mondiale. Un salto incredibile in classifica, praticamente inedito.

Riuscirà però la giovane Ostapenko, sempre a differenza di tutte le altre, a non ubriacarsi con il trionfo ma a proseguire la sua strada senza cali di tensione? L'età è dalla sua parte, la contingenza storica di questo sport pure. Sarebbe un oasi nel deserto. Per dare un'idea sulla crisi del tennis femminile, basta dire che i tifosi al seguito di Rafael Nadal, che si allenava nel campo accanto, era pari a quello del Centrale che nelle stesse ore seguiva la finale fra Ostapenko e Halep.

Per la tennista romena è stata l'ennesima sconfitta bruciante, meritata per un nervosismo che ha caratterizzato ogni punto della sua partita, quando poteva recitare la parte della tennista più esperta. «E' stata una partita durissima», ha detto Ostapenko prima di sollevare il trofeo, «ringrazio mia mamma, mio papà, i miei sostenitori e coloro con cui lavoro ogni giorno». Ringraziamento speciale anche al direttore del torneo, lo staff e gli sponsor. Riconoscimenti normali, la sua impresa a Parigi un po' meno.

Lorenzo Nicolao - Agenzia Stampa Italia  

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

Ultimi articoli

L'impresa di fare impresa: al via la Zes unica per il Mezzogiorno. A cura di Maddalena Auriemma

L'impresa di fare impresa: al via la Zes unica per il Mezzogiorno. A cura di Maddalena Auriemma

Europei al giro di boa mentre il mercato scintilla (la riflessione di Sergio Curcio)

Europei al giro di boa mentre il mercato scintilla (la riflessione di Sergio Curcio)

Autonomia, Lorefice (M5S): scelta distruttiva anche per scuola

(ASI) Roma - “In bocca al lupo agli oltre 500.000 giovani da oggi impegnati negli esami di maturità, passaggio che segna l’inizio di un nuovo capitolo nel percorso di crescita ...

Autonomia, De Carlo (FdI): “Risultato possibile solo grazie al Governo Meloni”

(ASI)“L'autonomia differenziata è legge, un risultato possibile solo grazie all'impegno, al lavoro e alla serietà del Governo Meloni. Per anni questo è stato un obbiettivo solo a parole dei governi che ...

Autonomia, Costa (M5S): "Giorno sciagurato per il Paese"

(ASI) Roma - "L'approvazione dell'autonomia differenziata rende questo giorno nefasto per tutto il Paese. Gli effetti si vedranno nei prossimi mesi: scuola, ambiente, sanità, politiche sociali: tutto sarà frammentato e ...

Autonomia, Lazzarini (Lega): grazie a Salvini e a Calderoli, risultato che dedichiamo a nostri militanti

(ASI) Roma  – “Oggi abbiamo scritto una pagina storica per il Paese, il Veneto e tutte le regioni italiane: dopo 40 anni di battaglie politiche della Lega, un referendum tra i ...

Decreto Coesione, Albano (FdI): Zone Logistiche Semplificate anche in Umbria e Marche

(ASI) Roma - “La Commissione Bilancio del Senato ha appena approvato un emendamento al decreto Coesione che prevede la possibilità di istituire le Zone Logistiche Semplificate (ZLS) non solo ...

Autonomia differenziata è legge, Mariolina Castellone: l’Italia non è più una e indivisibile

(ASI) "L’autonomia differenziata è legge. L’Italia non è più una e indivisibile - lo scrive in una nota Facebook la Vice Presidente del Senato Mariolina Castellone - . Si realizza il ...

Commercialisti, Cataldi: “Rendere professione più attrattiva per i giovani”

Venerdì 21 giugno a Brindisi il Convegno regionale Puglia e Basilicata dell’UNGDCEC (ASI) “Dare una visione di medio e lungo termine alla professione di commercialista è fondamentale: è uno sviluppo che passa ...

Il Trattato di cessione di Nizza e della Savoia alla Francia, non registrato all'Onu?

(ASI) Parigi - La Repubblica Francese oltre al trattato della cessione della Corsica alla Francia da parte di Genova il 15 maggio 1768 (argomento che abbiamo già ampiamente trattato), non avrebbe registrato ...