×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Libano. Israele bombarda, “Waad” ricostruisce

(ASI) Beirut (Libano) - “A Beirut sud non c’era bisogno di attaccare, non c’erano zone di contatto” mi dice il dott. Haji Hassan Gichi, direttore generale del progetto Waad. L’associazione Waad, che significa “prometto”, è nata dopo il conflitto del 2006 ed è una costola della potente struttura Jihad al Binah, una fondazione che si occupa di tutti i progetti di sviluppo, dalla ricostruzione all’assistenza grazie ai tantissimi volontari e dipendenti. I numeri parlano chiaro, nei trentatre giorni di guerra,

in questa zona “sono stati effettuati 12mila raid israeliani. Noi abbiamo ricostruito 231 edifici solo nella zona di Dahieh (Beirut sud) e ne abbiamo ristrutturati oltre i mille”. Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah ad agosto del 2006 proclamò la vittoria e promise ai libanesi che avrebbe aiutato a ricostruire le zone bombardate: “con la ricostruzione la vittoria potrà essere completa”. Così è stato. Ora i quartieri sono quasi completamente ricostruiti.

Il direttore di Waad mi dice che la soluzione a questo disastro sociale si è svolta molto rapidamente: “prima abbiamo raccolto una squadra di professionisti di tutte le comunità religiose e poi siamo andati nelle zone colpite per vedere i problemi e per individuare le soluzioni più veloci”. Il progetto per la ricostruzione di questi palazzi è partito nel 2007 e sarà completato entro quest’anno. La ricostruzione – mi precisa Haji Hassan Gichi – è stata partecipata con tutto il popolo. “Era importante che le persone tornassero nella casa che loro volevano e non il contrario. Le abitazioni sono state costruite insieme a loro e, sempre insieme, sono state scelte tutte le modifiche del caso, dalla divisione degli appartamenti, alla finiture delle piastrelle”. Perdere la propria casa è come perdere un tessuto del proprio organismo e Hezbollah è stato in grado di sanarlo.

“Noi siamo un popolo che ama la vita – continua a dirmi il direttore – che vuole la pace e che accetta l’altro, ma vogliamo vivere con dignità. Non accettiamo le oppressioni. L’uomo vive per un obiettivo, non certo per mangiare e morire. Non vogliamo vivere al margine senza dignità e senza orgoglio”. Rimango per un attimo in silenzio pensando a queste parole e provo a paragonarle alla nostra società. Impossibile, la continua ricerca del superfluo è l’assoluto protagonista di un film già scritto da altri per gli uomini massa.

Quando gli chiedo se le altre comunità libanesi hanno una simile struttura di autentica solidarietà mi dice che “nessuna struttura è paragonabile alla nostra sia per l’efficienza sia per la velocità con la quale affrontiamo i problemi”. Poi aggiunge: “normalmente è lo Stato che si occupa di queste cose. Ma in Libano né lo Stato né altri partiti hanno ricostruito le case del popolo”.

Poi un ingegnere di Waad, che parla italiano, prima di andare via, mi chiede come stanno andando le ricostruzioni dopo il terremoto in Abruzzo. Rimango ancora in silenzio. Questa volta il silenzio è assordante. Hezbollah, il Partito di Dio, ha dato luce nel buio, con straordinaria efficienza e completa dedizione alla causa. E non solo per il proprio movimento, ma per tutta la popolazione del Libano.

Fabio Polese – Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Inchiesta Perugia, PD: "Da Melillo e Cantone contributo di rigore e chiarezza"

(ASI) "La richiesta di urgente audizione a Commissione  Antimafia, Copasir e CSM da parte del Procuratore Nazionale Antimafia Melillo e del Procuratore di Perugia Cantone va accolta subito. Per ...

Ternana-Parma 1-3, i Ducali escono vittoriosi dal “Liberati”

(ASI) TERNI – Dopo la bella vittoria sul campo del Palermo, la Ternana affronta al “Liberati” il Parma capolista. I rossoverdi di Breda devono cercare di dare continuità di risultati mentre ...

"Quo Vadis Italia", conferenza de La Rete dei Patrioti sul futuro della nazione con Valerio Arenare e Giustino D'Uva.

(ASI) "Si è tenuta sabato 2 marzo la conferenza organizzata dai movimenti aderenti a La Rete dei Patrioti, dal titolo "Quo vadis Italia". Una panoramica della situazione socio-politica nazionale, con uno sguardo ...

Avv. Trisciuoglio: Assumo la difesa del 18enne accusato di tentato omicidio per i fatti avvenuti il 7 gennaio a Savona ed estradato dalla Spagna in Italia.

(ASI)"Le incongruenze e la contraddittorietà delle prove a supporto del provvedimento custodiale in carcere ci permettono di confidare nella richiesta di scarcerazione che sarà avanzata a breve. Un ...

Campi Flegrei, Caso (M5S): “Accelerare con verifiche degli edificI”

(ASI) “La scossa di stamattina, di magnitudo 3.4 ha generato paura tra i cittadini che, nelle aree vicino all'epicentro, al confine tra Pozzuoli e Napoli, sono scese in strada. Non bisogna ...

Difesa: nave Duilio abbatte drone nel Mar Rosso

(ASI) Roma -  Nel pomeriggio di oggi, in attuazione del principio di auto difesa, Nave Duilio ha abbattuto un drone nel Mar Rosso. Il drone, dalle caratteristiche analoghe a ...

Immigrazione. Tubetti (FdI): Operazione alto impatto ha stroncato traffico di esseri umani

(ASI) "Occorre rivolgere un vivo ringraziamento agli uomini e alle donne in divisa, pilastri di uno Stato giusto, per aver portato a termine con successo l’operazione ad alto impatto ...

Dossieraggio: Iezzi (Lega), Lega attenzionata abusivamente, pronti a tutelarci in sedi opportune

(ASI) Roma  - “Sconcertanti dettagli dall’inchiesta sui dossieraggi, con la Lega attenzionata abusivamente. Contro Matteo Salvini e i leghisti la macchina del fango non si ferma mai, per ...

Google in tribunale: media europei rivendicano danni da 2,1 miliardi di euro per pratiche anticoncorrenziali

(ASI) Bruxelles - In una mossa audace che sottolinea la battaglia sempre più intensa tra conglomerati mediatici e giganti tecnologici, Google di Alphabet si trova coinvolta in una causa da 2,1 ...

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113