Ferrovie. Esclusiva Fcu: Brozzi - “Siamo ad un punto morto. Difficilmente si ripartirà a settembre”.

brozzi(ASI) Nel cuore d’Italia c’è una regione: l’Umbria. Nel Cuore dell’Umbria, una cintura di ferro collega alcune tra le più belle città del cuore verde d’Italia. Perugia, Todi, Terni, passando per Umbertide e Città di Castello, da quasi un secolo vedono la propria domanda di mobilità pubblica veloce affidata alla ex Ferrovia Centrale Umbra (Fcu). Questa linea ex concessa è attualmente in corso di cessione a Rete Ferroviaria Italiana (Rfi), in seguito ad un accordo da 63 milioni di euro che ne prevede il rilancio funzionale a partire da settembre 2018.

 

Siamo andati nella stazione di Piscille, situata sulla tratta metropolitana Perugia Sant’Anna – Perugia Ponte San Giovanni, per constatare l’attuale stato dei lavori. Con l’occasione Vannio Brozzi, ex direttore della Fcu, ha fatto il punto della situazione, e sugli scenari presenti e futuri.  

 “Siamo a un punto morto. Noto che la Fcu, sino al 2010, era una ferrovia che andava riqualificata con un accordo di governo.  Stato e regione, con un decreto databile al 1997, affidavano fondi alla Regione  Umbria per la riqualificazione, il potenziamento e l’ammodernamento della Fcu. Fino al 2010 si è lavorato con questa impostazione, seguendo cioè un decreto legge, sancito da un bollettino ufficiale della regione Umbria  firmato dall’allora presidente Bracalente (legge speciale 211, legge ordinaria 297). Con questo si sono eliminati circa 38 passaggi a livello, si è rielettrificata la tratta tra Terni e Perugia, si sono risanate alcune tratte della ferrovia, e si è potenziata la sicurezza con il blocco elettrico automatico dei treni. Dal 2010 tutto questo si  è fermata. Si è fermato in concomitanza con il passaggio ad Umbria Mobilità. Abbiamo assistito a 6 anni di totale inerzia; non si è cioè fatto nulla, nemmeno la manutenzione ordinaria. Questo è lo stato dell’arte di oggi. La regione ha lavorato per affidare la gestione ad Rfi. Quest’ultima sta subentrando poiché il tratto della Fcu tra Perugia e Terni sarebbe di interesse nazionale. In più si è proceduto ai lavori di rinnovo della tratta da Perugia Ponte San Giovanni a Umbertide e Città di Castello. I lavori di rinnovo totale hanno previsto la sostituzione sia della massicciata che del binario. Si tratta di un lavoro significativo ed interessante, solo non capisco perché la tratta risulti tutt’ora completamente chiusa all’esercizio. Attualmente vi circolano solo i convogli ex Fcu che svolgono il servizio sulla linea Rfi Umbra e su quelle tra Terni e L’Aquila. Su quest’ultima linea sono gli unici mezzi che garantiscono il regolare servizio della ferrovia laziale – abruzzese. Si tratta cioè di un servizio che la Regione Umbria si trova a gestire grazie al nostro lavoro come Fcu. La cosa che mi sorprende è che ci sono delle carenze nel piano dei lavori e nel loro avanzamento. Non capisco ad esempio perché la galleria Baldeschi, sul tratto tra Perugia Ponte San Giovanni e Umbertide, non sia sta interessata da lavori. Si è cioè proceduto ad ammodernare tutta la tratta senza però procedere ai lavori di adeguamento e risanamento della galleria. Non vorrei che ci si ritrovasse con la tratta da Città di Castello ad Umbertide perfettamente operativa, ma non si possa procedere all’apertura di tutta linea perché tra Umbertide e Perugia non sono stati fatti i lavori alla suddetta galleria.

Mi sfugge perché si sia fatto tutto questo, ma se l’obbiettivo è di fare i lavori e ridare all’esercizio la tratta da Perugia a Città di Castello, la cosiddetta tratta nord, credo che sia doveroso procedere con gli interventi anche alla galleria Baldeschi, poiché mi risulta che ancora adesso in quel tratto non si sia iniziato a fare nessun intervento. In quest’ottica, e pensando che il termine dato per la riapertura della tratta nord sia stato stimato  entro settembre 2018, posso dire che probabilmente questo termine non troverà riscontri.

Ciò non è positivo, poiché le strutture versano in un abbandono e degrado totale. Stando qui (Stazione di Piscille) non mi pare di trovarmi in un capoluogo di regione, in una cittadina avanzata e proiettata al futuro, quanto piuttosto di trovarmi in una zona della e ex - Jugoslavia.

Non si utilizza bene nemmeno il patrimonio. La stazione qui è chiusa. Ai fini dell’esercizio non serve più, ma fino al 2010 è stata abitata. Possibile che con l’attuale emergenza abitativa non si trovi chi se ne prenderebbe cura facendola divenire la propria residenza? Possibile che non si possa inserirla nelle graduatorie dell’ATER, e che non si possa trovare qualche famiglia bisognosa di un tetto che potrebbe impedire il degrado di questa struttura, controllandola e impedendo che rimanga alla mercé di tutti, e cioè al degrado?  Si tratterebbe di un patrimonio edilizio reso utile per coloro che ne hanno necessità, ad un canone di affitto concordato, con l’obbligo di mantenerne il buono stato ed il decoro.  Basta vedere a Fanciullata, a San Martino in Campo, Todi e Ponte Valleceppi, dove stazioni e caselli sono stati dati in usufrutto enti e privati, ed è stato così impedito che il patrimonio pubblico, pagato con i soldi dei cittadini, rimanesse alla mercé del più forte e del più prepotente. La presenza di persone crea benessere e attenzione combattendo l’abbandono”.

Video intervista completa disponibile su https://www.youtube.com/watch?v=XI3TVKPo76E&t=12s

Alexandru Rares Cenusa – Agenzia Stampa Italia

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Arte musica ed eventi: 1 Attimo in Forma e l'artista Angelo Accardi presentano nuove date della "Grande Bellezza"

(ASI) Dopo il successo in Italia, il progetto continua la sua espansione internazionale con la prima tappa a Ibiza. Ospite d’eccellenza il rapper Geolier.

Diritti, Pavanelli (M5S): aberrante DDL Lega per abolire uso femminile

(ASI) Roma - "Mentre tutte le amministrazioni si dotano di regole e di linee guida per il rispetto formale e sostanziale della parità di genere, la Lega decide di presentare ...

Torino, Ministro Piantedosi: Nel nostro Paese non ci sarà mai spazio per la violenza di qualsiasi matrice

(ASI) “Sono grato alla Questura di Torino per aver tempestivamente identificato due individui fortemente sospettati di essersi resi protagonisti dell’aggressione al giornalista della Stampa. La loro posizione ora è al ...

CasaPound: invitiamo Joly e Salis alla nostra festa nazionale per un dibattito sulla violenza politica 

(ASI) “Invitiamo pubblicamente il giornalista Andrea Joly a un dibattito sulla violenza politica durante la nostra festa nazionale, Direzione Rivoluzione, dal 5 all’8 settembre a Grosseto”. Lo dichiara in una nota ...

Salute, Nursing Up: infermieri ago della bilancia della sanità mondiale, ma sono  ormai introvabili. Senza professionisti dell'assistenza sarà impossibile garantire la copertura sanitaria universale

(ASI) Roma  - Elevare la qualità delle cure, in primis guardando alle necessità dei soggetti più fragili, complice anche il costante invecchiamento delle popolazioni nei Paesi più sviluppati, può ...

Siccità ad Agrigento, Federconsumatori: il cambiamento climatico presenta il conto

(ASI) "La situazione drammatica nella città di Ravanusa e in gran parte della provincia di Agrigento, dove l'acqua arriva in media circa ogni 20 giorni, non è solo la conferma di quanto ...

Vigili del Fuoco, oggi l'Assessore Falcone consegna nuova caserma di Siracusa

(ASI) Sicilia -L’Assessore regionale all’Economia Marco Falcone sarà oggi, lunedì 22 luglio, in visita a Siracusa, alle ore 11, per la consegna della nuova Caserma dei Vigili del fuoco di ...

Caos Santa Maria Novella, Mazzetti (FI): "Rilanciare subito progetti alternativi per diluire traffico ferroviario" "Grave errore PD accentrare tutto su singola stazione"

(ASI) Roma  – "Il caos di questi giorni è frutto di scelte politiche errate: Santa Maria Novella non può reggere tutto il carico ferroviario, tra alta velocità e regionali, che sono ...

Femminicidio, Lorefice (M5S): sentenza inquietante per le vite di tutti noi

(ASI) "È sconfortante e agghiacciante apprendere che la Cassazione ha annullato l'ergastolo per il femminicidio  di una donna, uccisa dal convivente al quale sarebbe stato riconosciuto lo 'stress da COVID' ...

Melchiorre (FdI): "Autonomia differenziata a fasi alterne del consigliere regionale Amati"

(ASI) "È curioso l'atteggiamento del consigliere regionale Fabiano Amati promotore della legge regionale relativa all'obbligo da parte dei cittadini dagli 11 ai 25 anni di comunicare di aver eseguito o rifiutato il vaccino ...