Pallavolo SuperLega. La Sir Conad entra nella storia: primato aritmetico in Regular Season con record di vittorie

MBvisual 20180221 210532 2812(ASI) Perugia. Già a tre punti dalla fine i quasi tremila del Palaevangelisti erano tutti in piedi a cantare "Salutate la capolista". E capolista la Sir Conad Safety Perugia lo è definitivamente. Il pubblico ha voluto così tributate la sacrosanta ovazione ad un gruppo che ha saputo giocare quasi tutte le partite con rabbia e concretezza, oltre che mostrare un gioco a tratti spettacolare e devastante.

La ventiduesima vittoria su ventiquattro partite disputate costituisce un record: mai nessuno nella storia della Superlega era riuscito a fare meglio. Il successo risolutivo però i Block Devils se lo sono dovuti guadagnare: la formazione di Di Pinto, noto come il Mago di Turi, ha fatto la sua partita benché fuori dai playoff, riuscendo a portare via un set. Poi però, quando Perugia si è messa a giocare come sa, non c'è più stata partita. Il campionato non finisce qui: c'è da prendersi la rivincita contro Modena, vittoriosa sui bianconeri per ben dodici volte di fila. Quale occasione migliore di questa?

I numeri. Migliore in campo un giocatore tra i meno impiegati, Alexander Berger, che ha messo a segno 15 punti di cui due pesantissimi muri. Max Colaci, 33 anni proprio oggi (dalla nostra redazione i nostri migliori auguri), si è dimostrato il solito baluardo insuperabile della seconda linea, con il 33% in ricezione. Sull'altro fronte Gabriele Maruotti, un ex, non ha voluto sfigurare, andando a segno 10 volte. Tutto inutile però.

Cronaca. Due i cambiamenti apportati da Bernardi nello starting six: Berger in banda al posto di Russell e Ricci al centro in luogo di Anzani. È una Sir che stenta a trovare le giuste misure e ne deriverà un primo set giocato davvero male, quasi regalato. Molti gli errori anche elementari, come quello di Atanasijevic, che in pipe manda fuori (3-7). Bernardi è subito costretto a chiamare il time out. L’effetto è benefico in quanto Zaytsev, Podascanin ed un errore in attacco di Starovic riescono a ristabilire la parità (8-8). Il parziale d’apertura in pratica per i bianconeri finisce qui: ne è un esempio l’invasione sotto rete che consente a Latina di andare sul 13-18. Il coach prova a scuotere i suoi mandando in campo Andric al posto di Atanasijevic, ma le cose non migliorano. Non servirà nemmeno la successiva retromarcia: Magnum non trova il campo da seconda linea e finisce 16-25. Soltanto la vittoria, con qualunque risultato, consentirebbe ai Block Devils di chiudere la pratica primato e Bernardi cerca di correre ai ripari, impiegando Anzani con maggiore frequenza. E i risultati non tardano ad arrivare. La parità esiste solo nelle battute iniziali (4-4), poi è lo Zar ad imprimere la prima scossa (6-4). Magnum, che riesce a far male dalla seconda linea, ed il successivo muro di De Cecco scavano un divario pressochè incolmabile (15-7). A regalare il punto del pari, naturalmente per quanto riguarda il conto dei set, Zaytsev, che chiude la porta ad Ishikawa. Finisce con lo stesso punteggio, ma a squadre invertite, vale a dire 25-16. Tutto apparentemente facile anche nel terzo set, con De Cecco e compagni che ritrovano la,giusta scioltezza. Le distrazioni però ben presto tornano a bussare alla porta: sul 18-11 per i Block Devils, Latina mette a segno sei punti consecutivi grazie ad un turno al servizio piuttosto importante di Ishikawa (18-17). Bernardi si accorge che qualcosa si è inceppato nei meccanismi della squadra e chiama i propri giocatori a rapporto. Un errore in attacco di Rossi, che ha seguito l’errore al servizio dello schiacciatore giapponese, riporta Perugia in vantaggio di tre lunghezze (21-18). Quel vecchio leone di Starovic non ci sta e riavvicina i pontini (21-20). Atanasijevic manda fuori in contrattacco, ma per sua fortuna il videocheck rileva un tocco a muro che la coppia arbitrale non aveva visto (22-20). Berger alza il muro e regala tre match point a Perugia, che chiuderà con un fantatisco ace di Atanasijevic (25-21). Due ora le possibilità per mandare i quasi tremila del Palaevangelisti a casa felici, ma meglio sfruttare la prima, anche per una questione di prestigio. Le motivazioni dei Block Devils sono ai livelli massimi e per la pur volenterosa squadra guidata da Vincenzo Di Pinto, noto come il Mago di Turi, che è riuscita a malapena ad andare in doppia cifra, non c’è nulla da fare. È lo Zar a mettere a segno il punto della vittoria con una diagonale stretta: Perugia è davanti a tutti e non potrà più essere raggiunta.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – TAIWAN EXCELLENCE LATINA = 3-1
(16-25, 25-16, 25-21, 25-10)
PERUGIA: Atanasijevic 18, Zaytsev 16, Berger 15, Ricci 6, De Cecco 5, Anzani 4, Podrascanin 1, Colaci (L), Della Lunga 1, Shaw 1, Siirila, Andric. N.E. – Russell, Cesarini (L2). All. Lorenzo Bernardi e Carmine Fontana.
LATINA: Starovic 15, Maruotti 10, Savani 8, Rossi 6, Le Goff 4, Sottile 1, Shoji (L), Ishikawa 2, Gitto, De Angelis, Huang. N.E. – Kovac, Corteggiani. All. Vincenzo Di Pinto e Marco Franchi.
Note – Spettatori 2’853.
Durata dei set: 21’, 23’, 30’, 21’.
Arbitri – Alessandro Tanasi (SR) ed Ubaldo Luciani (AN).
SIR SAFETY CONAD (b.s. 15, v. 5, muri 13, errori 11).
TAIWAN EXCELLENCE (b.s. 15, v. 4, muri 5, errori 7).

Enrico Fanelli - Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Al Mef avviato tavolo tecnico su fisco e vigilanza calcio

(ASI) Al Ministero dell’economia e delle finanze si è tenuta oggi una riunione nel corso della quale il viceministro Maurizio Leo e il ministro per lo sport e i giovani ...

Regionali Lazio, Grassi (Tea Energia): con Rocca la vera svolta per il Lazio. D'Amato diffonde dati non reali

(ASI)“I dati che  sta diffondendo D’Amato circa i risultati raggiunti da questa giunta in questi anni non corrispondono alla realtà”, così in un’intervista a Radio Radicale ...

Disney e il monopolio del mercato cinematografico.

(ASI) Il colosso americano Disney sta creando un monopolio nel settore dell'intrattenimento e il bilancio recentemente diffuso testimonia la continua e costante crescita dell'impresa.

CulturaIdentità Genova: "Grave atto vandalico contro il Ricordo dei Martiri delle foibe e gli Esuli"

(ASI) Genova  – L’atto vandalico è avvenuto ieri nei giardini Cavagnaro a Genova-Staglieno, dove si erge la stele che ricorda i Martiri delle Foibe e gli Esuli di Istria e ...

Decreto "milleproroghe", Dehors liberi fino al 31 dicembre 2023. La soddisfazione di FAPI CESAC

(ASI) "Una buona notizia per gli imprenditori della ristorazione. Accogliamo con grande soddisfazione la proroga al 31 dicembre 2023 dei dehors liberi proposta dal Governo. Si tratta di una decisione di buon ...

Giorno del Ricordo, Ambrogio-Ravello-Viscione (FDI): “Inaccettabile che Eric Gobetti presenti libro revisionista al Comune di Grugliasco”

(ASI) “Abbiamo appreso con indignazione l’organizzazione di un convegno sul libro revisionista “E allora le Foibe” pubblicato da Eric Gobetti, personaggio fazioso e denigrante dell’eccidio dei nostri connazionali”.

Sanità, Csa-Cisal incontra l’assessore regionale Volo: “Stabilizzare i precari, non si disperdano competenze e professionalità”

(ASI) Palermo – “La sanità siciliana ha bisogno di investimenti e risorse umane e non può permettersi di disperdere le professionalità e le competenze di chi, durante l’emergenza Covid, ha ...

CIPESS, Morelli: approvato progetto definitivo Pedemontana, risultato storico

(ASI) Roma - “Il Cipess ha approvato il progetto definitivo della Pedemontana piemontese con gli aumenti dei costi legati al caro energia per il limite di spesa pari a 385 milioni”.&...

Vino, Malaguti (FDI): da Irlanda dichiarazione di guerra commerciale ai prodotti italiani

(ASI) “Dall’Irlanda arriva una chiara dichiarazione di guerra commerciale al vino italiano dopo il via libera all'etichetta con gli alert sanitari per gli alcolici. Siamo in presenza di una ...

Liliana Segre cittadina onoraria di Somma Vesuviana

(ASI)  Salvatore Di Sarno (sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano): "E' praticamente terminato l'iter per il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, testimone ...