"La Rivoluzione del 1979, esempio e modello per i popoli oppressi di tutto il mondo"
(ASI) Teramo - Nel pomeriggio di sabato 7 maggio 2022, si è svolto presso l'Agriturismo Panorama in località Specola di Teramo,  un convegno sull'Islam Sciita.                                                                                                             
 
In particolare, si è trattato delle origini, delle peculiarità dottrinali, delle differenze con le altre anime della religione coranica, della sua diffusione in Italia e in Europa, del suo ruolo storico - politico nel Mediterraneo, nel Medio Oriente, e nelle altre parti del mondo, anche in relazione agli ultimi sviluppi internazionali e nello scontro geopolitico e militare fra la Nato e la Russia.
 
 
 
Il convegno sull'Islam Sciita, organizzato da Daniele Catini e Franco Scascitelli di Teramo e Salvatore Marino di Chieti, è stato moderato in qualità di giornalista di me.
 
Ospiti speciali della serata: l'Imam di Teramo Mustapha Batzami per i saluti della comunità teramana,  Shaykh Abbas Di Palma, Iman Centro Islamico di Roma, Hosseyn Morelli dell'Associazione Islamica Imam Mahdi.
 
A tal proposito, abbiamo intervistato Hosseyn Morelli:
 
Come è nata in lei la volontà di convertirsi all'Islam?
"Il mio ritorno all’Islam - ha spiegato Morelli -  è avvenuto dopo una intensa ricerca e percorso interiore alla ricerca della Verità e dell’Assoluto laddove, con l’aiuto e la guida di Dio, ho compreso come l’Islam incarnasse la Via perfetta e l’ultima Rivelazione inviati dall’Altissimo all’umanità onde permettere all’essere umano di raggiungere la verità felicità, beatitudine e perfezione. Ovviamente nel momento in cui si ritorna all’Islam non si è affatto giunti alla meta. È piuttosto l’inizio una nuova fase, di una nuova tappa, del percorso di avvicinamento a Dio, alla Fonte di ogni bellezza e magnificenza" ha commentato Hosseyn Morelli.
 
Perché è sbagliato parlare di mezzaluna sciita e di triangolo sunnita?
"Perché - risponde Hosseyn Morelli - questi termini sottendono l’esistenza di due progetti, antagonisti e contrapposti, delineati rispettivamente dai musulmani di scuola sciita e di quella sunnita, per espandersi ai danni dell’altro onde poterlo egemonizzare. Si tratta - ha aggiunto Morelli - in realtà di concetti elaborati dai nemici dell’Islam – in particolar modo dalle centrali decisionali inglesi, americane e israeliane – per dividere la Ummah, la Comunità Islamica, onde tenerla in uno stato di arretratezza e contrapposizione per poterla meglio controllare e dominare. Nessun musulmano accorto utilizzerebbe simile terminologia, che appartiene appunto ai maggiori nemici della sua religione e comunità, ed è per questo che i sapienti musulmani - sciiti e sunniti - hanno messo in guardia di fronte a questi tentativi di divisione e sedizione".
 
Qual è il significato della Rivoluzione del 1979 in Iran che è ancora valido a tutt'oggi?
"La Rivoluzione Islamica dell’Iran - ha commentato Morelli - incarna la dimostrazione che un popolo, ponendo Dio e i principi autentici e immutabili al centro della propria esistenza e lotta – principi spirituali e trascendenti, che affondano le loro radici nella Rivelazione, e non in ideologie meramente politiche ed economiche –, non solo può liberarsi dai tiranni e dai loro padroni apparentemente invincibili, ma anche instaurare un ordinamento fondato proprio su quei principi e valori. Ordinamento che, con tutti i limiti, difetti e contraddizioni di noi esseri umani, e nonostante oltre quaranta anni di continue pressioni e   complessi intrighi di nemici molto potenti dal punto di vista materiale, cerca di percorrere un cammino di ascesi comunitaria e di indipendenza e sovranità integrale e totale. Si tratta di un messaggio profondo ed eterno. Un percorso che, come ha dichiarato la Guida della Rivoluzione Imam Khamenei, è ancora particolarmente lungo e tortuoso, ma certamente benedetto e doveroso. Per questo la Rivoluzione del 1979, e la Repubblica Islamica a cui ha dato vita, continuano a costituire un esempio e modello per le persone, i popoli e gli Stati di ogni latitudine" ha spiegato Hosseyn Morelli.
 
 
Come vede la situazione mediorientale anche in relazione con lo scontro mondiale Fra NATO e Russia?
"Il ruolo della Russia in Siria - secondo Morelli - e nella questione del nucleare iraniano, insieme alle posizioni equilibrate e razionali che Mosca ha assunto rispetto alla situazione interna libanese e più recentemente di fronte alle continue aggressioni contro il popolo palestinese da parte degli occupanti israeliani, rappresentano un segnale importante di cambiamento per i popoli del Vicino Oriente, vessati dalle continue e dannose influenze e ingerenze, anche militari, degli Stati Uniti e delle potenze occidentali in generale. Nonostante certe ambiguità e alcune posizioni non condivisibili, che rendono chiaro come la Russia non sia annoverabile all’interno dell’Asse della Resistenza, ci troviamo comunque di fronte a un importante e potente Stato che con la sua influenza può facilitare la creazione di nuovi equilibri e situazioni in una regione particolarmente vitale e sensibile, nella quale le posizioni americane ed europee, totalmente schiacciate su quelle israeliane, hanno soltanto fomentato disordine e tragedie" ha concluso Hosseyn Morelli.
 
Cristiano Vignali - Agenzia Stampa Italia 
Tags

Ultimi articoli

Medicus 2022 incontra la medicina. Relatori d’eccezione in campo sanitario per trattare il tema dell’invecchiamento

(ASI) Foligno. “Medicus 2022: Premio Gentile da Foligno”, nella serata di venerdì 20 maggio, ha incontrato la medicina e i suoi rappresentanti. I contenuti su cui i relatori hanno spaziato hanno ...

Lo Ayatollah iraniano Khamenei ai giovani dell'Occidente

(ASI) Teramo - Lo scorso 7 di maggio 2022 ho moderato, in qualità di giornalista, un convegno tenutosi a Teramo sull'Islam Sciita alla presenza degli esponenti dell'Associazione Islamica Imam Mahdi, caratterizzata per ...

Vaiolo delle scimmie e Covid: emergenze infinite come metodo di governo. Cosa potrebbe aspettarci?

(ASI) “La crisi mondiale, innescata dalla pandemia del Coronavirus, non ha paralleli nella storia moderna. Molti di noi stanno riflettendo su quando le cose torneranno alla normalità” (conosciuta prima  ...

Torino Roma 0-3 vista con gli scatti del fotografo Fabio Petrosino

Torino Roma 0-3  vista con gli scatti del fotografo Fabio Petrosino

Taiwan, Cina: “Usa su strada sbagliata”

(ASI) Aumenta la tensione in Asia. Sembrano crescere le tensioni tra Pechino e Washington, a causa dell’attitudine sempre maggiore, di quest’ultima, a proteggere Taipei.

Nord Corea, Casa Biaca: “Test nucleari imminenti

(ASI) "La Corea del Nord potrebbe fare un altro test missilistico o nucleare entrambi prima o dopo la visita di Biden nella regione".

Ad Oromare incontro sul settore orafo promosso da CNA

(ASI) Il settore orafo come leva di promozione e sviluppo del Made in Italy, partendo dalla culla dell’oreficeria: Napoli e il suo Borgo Orefici. Ma anche e soprattutto confronto ...

Umbria. Presentato in Regione il settimo Torneo Della Pace. Repace: "Manifestazione importantissima dato il particolare periodo storico"

   (ASI) Perugia. La pandemia ne ha messo a dura prova negli ultimi due anni il regolare svolgimento ma alla fine ha vinto la voglia di non mollare. Così ...

Zelensky sta diventando troppo pretenzioso e scortese con l'Europa

(ASI) Fin dai primi giorni dell'invasione russa, l'Ucraina ha sentito il sostegno dell'Europa, sia morale che materiale. Fin dalle prime settimane, i Paesi dell'UE hanno accolto diversi milioni di rifugiati ...

Medicus 2022, a Palazzo Trinci, Gentile da Foligno incontra i medici e la popolazione.

(ASI)Foligno - Medicus 2022: Premio Gentile da Foligno sta riscuotendo un grande successo. Un programma ambizioso ideato e realizzato dal dott. Moreno Finamonti, presidente dell' presidente ...