Alcuni pesanti dubbi che emergono nella riforma del processo penale

(ASI) Vveramente punire i colpevolie dare giustizia alle vittime? Oppure pensa che sia meglio una società senza carceri, come scrive oggi mons. Vincenzo Paglia, presidente della pontificia accademia per la vita, ispirandosi al Vangelo? 

 

L’ideale sarebbe – rispondendo a monsignore – non una società senza carceri, ma una società senza delinquenti, e quindi senza vittime, le carceri sono i rimedi terreni, imperfetti e precari, per (tentare di) arginare le violenze, la medicina di una società che cerca di difendersi da chi non rispetta il prossimo e turba e sconvolge la convivenza civile. Se mons. Paglia auspica una società senza carceri, ci sono tanti, interessati, che nelle carceri non vorrebbero mandare nessuno. Con lo stesso risultato, ma senza scomodare il Vangelo, con un percorso ambiguo e sospetto.

È questa l’amaraimpressione che si ha leggendo le prime sommarie notizie sulla riforma del processo penale, fatta, meglio, imposta, qualche giorno fa, nel Consiglio dei ministri dal presidente Mario Draghi e dal ministro della Giustizia, Marta Cartabia. Si tratta di un disegno di legge che deve essere approvato dal Parlamento. E visto che i 5 Stelle non sono tutti d’accordo, anche se in Cdm i ministri grillini hanno votato tutti a favore, il passaggio alle Camere, senza modifiche, non è affatto scontato. E mi pare che sia, peraltro, del tutto normale e legittimo in quanto la funzione legislativa spetta al Parlamento e non al governo, come sa benissimo Marta Cartabia, che prima di diventare ministro, è stata presidente della Corte Costituzionale.

Per questo sorprende, e non si capisce, quando la stessa Cartabia dice che si “aspetta in Parlamento la lealtà dei partiti”. Il che vuol dire: approvatela riforma così com’è, senza toccare nulla. E la funzione legislativa del Parlamento in cosa consiste? Ma com’è questa riforma? Nasce, lo ha detto lo stesso ministro Cartabia in una intervista al Corriere della Sera, sul dettato della Costituzione e le norme europee. “Il Greco, l’organo anticorruzione del Consiglio d’Europa,ha richiamato l’Italia per l’alto numero di prescrizioni, ma l’Italia è anche il Paese con il maggior numero di condanne della Corte Europea dei diritti dell’uomo per violazione della ragionevole durata del processo”. Muoversi tra questi paletti europei significa che bisogna accorciare i tempi dei processi ed evitare che si prescrivano. Ma va in questa direzione la riforma Draghi-Cartabia?

Apparentemente sì, fissando tempi ridotti nei tre gradi di giudizio: primo grado, appello e Cassazione,ma accorciare i tempi dei processi, in teoria,non significa ottenerela ragionevole durata del processo, in praticavuol dire il contrario, vuol dire non farlo per niente il processo, mandando al macero migliaia di procedimenti, sui quali cade irrimediabilmente la mannaia dell’improcedibilità. Perché non basta,ovviamente, fissare i tempi, bisogna agire a monte, cioè creare i presupposti, le condizioni perché la macchina giudiziaria, ancora farraginosa e senza personale, sia messa in grado di poter rispettare la tempistica prevista dalla riforma. Infatti, a strettissimo giro di posta, tanti magistrati hanno fatto notare che sono tempi impossibili da rispettare visto che gli uffici giudiziari sono invasi di fascicoli che è impossibile smaltire nei tempi stabiliti.Cose, peraltro,che avrebbero dovuto sapere al ministero senza bisogno del ripasso dei giudici.Tutto questo dà l’impressione che vada nella direzione indicata da mons. Paglia, le carceri ci saranno ancora, ma rimarranno quasi vuote.Così, però, rimarranno senza giustizia le vittime e senza speranza le attese dei loro familiari.

Fortunato Vinci- www.lidealiberale.com – Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Energia, l’appello di Confagricoltura: ulteriori rincari insostenibili anche per le imprese agricole umbre.

(ASI) Perugia – Secondo i dati diffusi da ISMEA, i costi di produzione dell’agricoltura, nei soli primi tre mesi di quest’anno, sono aumentati di oltre il 18% sullo stesso ...

Tutto esaurito  al Politeama di Terni per “Soldato sotto la luna”.

(ASI) Grande successo per la prima di “Soldato sotto la luna” di Massimo Paolucci prodotto dalla phneutrofilm di Christian Costa ed Eusebio Belli. In una sala gremita il pubblico ha ...

Elon Musk ha svelato il prototipo del robot umanoide Elon Muskdurante l’evento AI Day di Tesla. Costerà meno di 20.000 euro e sarà commercializzato tra 5 anni.

(ASI) California - Elon Musk ha rivelato il primo prototipo di robot umanoide soprannominato Optimus durante l’AI Day della Tesla.

Salute mentale: Marchetti (Fenascop Lazio), piano Regione Lazio è solo spot elettorale

(ASI) “Nonostante l’aumento costante ed esponenziale dei problemi psicosociali, che colpiscono soprattutto le fasce giovanili, la Regione non intende apportare alcuna modifica al budget economico per la cura del ...

Consumi: Coldiretti, arrivano cibi in provetta, no da 7 italiani su 10. Al via petizione mondiale per fermare sbarco a tavola nel 2023

(ASI) Ben 7 italiani su 10 (68%) non si fidano del cibo creato in laboratorio con cellule staminali in provetta. 

Terracina, Ottaviani (Lega): “Reddito di cittadinanza così è destinato a fallire”.

(ASI) Roma - “Un plauso ai militari dell’Arma dei Carabinieri di Terracina, che hanno arrestato due stranieri, i quali presentando documenti contraffatti, hanno tentato di ottenere il reddito ...

Taormina e Trisciuoglio: "La difesa di Castellino denuncia un indebito accanimento ed ai limiti della legittimità della Procura capitolina e della Questura di Roma contro Giuliano Castellino"

(ASI) "Castellino già sottoposto a misura di sorveglianza speciale e dopo la carcerazione cautelare di Poggioreale e Rebibbia, per i fatti del 9 ottobre il presunto assalto alla C.G.I....

Economia Italia: Ammontano a 1100 i miliardi che lo Stato non riesce a riscuotere. I l punto dell'economista Gianni Lepre

Economia Italia: Ammontano a 1100 i miliardi che lo Stato non riesce a riscuotere. I l punto dell'economista Gianni Lepre

Meloni: Coldiretti, ha firmato petizione contro cibo in provetta Al fianco del Presidente Ettore Prandini al Villaggio di Milano

(ASI) Giorgia Meloni, nella sua prima uscita pubblica dopo la vittoria alle elezioni, ha firmato la petizione mondiale per fermare lo sbarco a tavola del cibo sintetico promossa da World ...

Giustizia. Morrone (Lega) a Cartabia: no a nomine politiche ultimo minuto

(ASI) Roma - “Siamo stati facili profeti. Le nomine politiche dell’ultimo minuto in ruoli strategici al Ministero della Giustizia non sono più solo ipotesi, ma fatti concreti. Ieri sera ...