iran copy copy(ASI) Si riporta la nota dell'Ambasciata della Repubblica Islamica dell'Iran  in risposta agli articoli pubblicati sull'Iran dai giornali in internet Trieste News* e Il Friuli**.

 Nel nome di Dio, il compassionevole, il misericordioso

1) Come tutte le altre città dell'Iran, la capitale Teheran aveva diversi cimiteri alla periferia. A causa della crescita della popolazione e dell'espansione urbana, questi cimiteri furono gradualmente situati nel centro delle aree residenziali.

2) Teheran è una città metropolitana con un'area di 800000 M2 e ha una popolazione di circa 14 milioni, in cui una media di 10.000 persone muoiono ogni anno. Nel 1970, il Comune di Teheran assegnò un appezzamento di terreno con una superficie di circa 600 ettari, 20 chilometri a sud della capitale, per stabilire un unico cimitero per la città. L'assegnazione di questa terra si basava sul piano dettagliato di espansione urbana di Teheran che era stato emanato dalle autorità legali interessate per creare un unico cimitero per la città e smantellare gradualmente altri cimiteri.

3) Le regole e i regolamenti per la sepoltura dei cadaveri nei diversi paesi differiscono, a seconda delle norme sociali e delle leggi religiose. Anche la durata dell'assegnazione di una tomba a un cadavere varia nei diversi paesi. Ad esempio, in alcune parti della città di Ginevra, la durata della sepoltura per ogni corpo può arrivare fino a 20 anni. Trascorso questo periodo, se la famiglia del defunto vuole che la tomba rimanga, deve pagare una quota annuale. In caso contrario, le autorità urbane hanno il diritto di distruggere la tomba o assegnarla ad altri cadaveri. Questo periodo a Teheran potrebbe durare fino a 30 anni. Significa che dopo 30 anni le autorità pubbliche possono smantellare le tombe per condurre i piani urbanistici o per assegnarle ad altri cadaveri. Secondo le regole del comune di Teheran, questo periodo può anche essere più breve, in caso di necessità per l'attuazione dei piani di espansione urbana. Pertanto, la distruzione di tombe e cimiteri in Iran per l'attuazione di piani di espansione urbana si basa su regole e regolamenti e in nessun caso può essere interpretata come arbitraria. Non equivale a nessuna violazione dei diritti umani o dei diritti delle famiglie dei cadaveri.

4) Radicato nella storia dell'Iran, il rispetto dei cadaveri ha un valore religioso e culturale. Secondo le regole e i regolamenti della Repubblica islamica dell'Iran, i seguaci della religione hanno il diritto di seppellire i defunti in base ai propri rituali. In Iran, la sepoltura di cadaveri in fosse comuni è considerata irrispettosa per il defunto ed è anche proibita religiosamente. I cadaveri vengono trattati con il massimo rispetto e sepolti con rispetto, la cui importanza è sottolineata dalla Sharia islamica. Nella Repubblica islamica dell'Iran, i seguaci di religioni diverse dall'Islam godono del diritto di avere i propri cimiteri speciali.

5) In Iran, i diritti delle persone, dei loro cadaveri e delle loro famiglie affiliate, compreso l'accesso ai cadaveri, alle tombe e all'emissione di certificati di morte, sono uguali per tutti ed è garantito dalla legge. Non c'è discriminazione tra i cittadini basata su razza, pensieri, religione, ecc.

6) Considerando le spiegazioni delineate sopra, la Repubblica islamica dell'Iran sottolinea che le accuse sollevate in tal senso sono lontane dalla effettiva realtà.

Traduzione in lingua italiana effettuata dalla Redazione ASI relativa alla nota in lingua inglese emanata dall'Ambasciata della Repubblica Islamica dell'Iran in Italia. 

 

Nota  ufficiale in lingua inglese emanata dall' Ambasciata della Repubblica Islamica dell'Iran in Italia.

In the Name of God, the Compassionate, the Merciful

1) Like every other cities in Iran, the capital Tehran had several cemeteries on its outskirts. Due to population growth and urban expansion, these cemeteries were gradually located in the center of residential areas.

2) Tehran is a metropolitan city with 800000M2 area, and has a population of approximately 14 million, in which an average of 10,000 people die annually. In 1970, the Municipality of Tehran allocated a plot of land with an area of approximately 600 hectares, 20 kilometers south of the capital to establish a single cemetery for the city. The allocations of this land was based on the detailed urban expansion plan of Tehran that had been enacted by the concerned legal authorities to create a single cemetery for the city and gradually dismantle other cemeteries.

3) The rules and regulations for the burial of the dead bodies in different countries differ, depending on social norms and religious laws.  The duration of assigning a grave to a corpse also varies in different countries. For example, in some parts of the city of Geneva, the burial duration for each body can span up to 20 years. After this period, if the family of the deceased wants the grave to remain, it must pay an annual amount. Otherwise, the urban authorities have the right to destroy the grave or assign it to other dead bodies. This period in Tehran could last up to 30 years. It means that after 30 years the public authorities can dismantle the graves to conduct the urban plans or to allocate them to other dead bodies. According to the municipality rules in Tehran, this period can also be shorter, in the case of necessities to implementation of the urban expansion plans. Therefore, the destruction of graves and cemeteries in Iran for the implementation of urban expansion plans is based on the rules and regulations, and under no circumstances whatsoever can be interpreted as arbitrary. It does not equal to any violations of human rights or the rights of the families of the dead bodies.

4) Rooted in Iran’s history, respecting the dead bodies has a religious and cultural value. According to the rules and regulations in the Islamic Republic of Iran, followers of religion have the right to bury the deceased based on their own rituals. In Iran, the burial of dead bodies in mass graves is considered to be disrespectful to the deceased and is also prohibited religiously. The corpses are treated with utmost respect and laid to rest respectfully – the importance of which is stressed by Islamic Sharia. In the Islamic Republic of Iran, the followers of religions other than Islam enjoy the right to have their own special cemeteries.

5) In Iran, the rights of individuals, their dead bodies, and their affiliated families including access to the corpses, graves and issuing death certificates are equal for all and is guaranteed by the Law.  There is no discrimination between the citizens based on race, thoughts, religion, and etc.

6) Considering explanations outlined hereinabove, the Islamic Republic of Iran stresses that the allegations raised to that effect are far from realities on the ground.

 

 

 

Note

*https://www.triesteallnews.it/2020/10/07/iran-lizzi-lega-no-alla-distruzione-delle-fosse-comuni-della-strage-del-1988/

** https://www.ilfriuli.it/articolo/politica/-iran-no-alla-distruzione-fosse-comuni-della-strage-del-1988-/3/228748 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.