“Scacco al Duce”: l'ultimo giorno di Mussolini e della Petacci secondo Pingitore

(ASI) L'Aquila – Il 30 agosto 2015, ha fatto il suo esordio in anteprima nazionale lo spettacolo “Scacco al Duce – l’ultima notte di Ben e

Claretta”, il terzo atto di una trilogia tutta dedicata al vissuto umano e psicologico del Duce in momenti chiave della sua vita (il primo atto è stato “Quel 25 luglio a Villa Torlonia”, poi seguito da “Operazione Quercia”).

La trilogia su Benito Mussolini è stata scritta e diretta da Pier Francesco Pingitore e coprodotto da UAO di Federico Perrotta, dalla Fondazione Cantiere Abruzzo Italia dell'On. Fabrizio Di Stefano  e dal Teatro Stabile d'Abruzzo, con il contributo del Comune di L'Aquila.

Luogo dell'evento  che ha registrato il tutto esaurito, con diverse personalità intervenute tra cui gli Onorevoli Quagliariello e Di Stefano, è l'Albergo – Rifugio di Campo Imperatore a quasi 2200 mt Slm.

Praticamente, in “Scacco al Duce” si racconta la notte trascorsa da Mussolini e Clara Petacci nella cascina De Maria a Bonzanigo che si conclude con la loro fine. “Una lunga nottata in cui l’ormai ex Duce è chiamato a fare i conti con se stesso e con la Storia, in una serie di colloqui, in parte reali e in parte immaginari, con alcune delle figure fondamentali della sua tempestosa avventura: il Re, D’Annunzio, la figlia Edda, e (personaggio in carne e ossa) il giovane partigiano suo carceriere,  che gli presenta il conto di una generazione troppo illusa e troppo delusa. Accanto a lui l'amante Claretta, la donna che pur potendo salvarsi, ha voluto condividere fino in fondo la sorte del suo Duce”.

A 70 anni dalla morte di Benito Mussolini e di Claretta Petacci, ci sembra che su questa storia ci siano ancora dei coni d'ombra. Tutto, perché, sulla morte di Mussolini e della sua amante, sono state fatte decine di ipotesi diverse: ogni segmento di quella storica giornata  è stato smontato e rimontato, ogni dichiarazione o spostamento dei presunti  protagonisti è stato analizzato. Ma, a tutt'oggi l'esatta verità su quanto avvenuto quel giorno, non si conosce.

Sulla vicenda esiste una versione ufficiale, secondo cui il Duce fu ucciso a Giulino di Mezzegra, sul lago di Como, non lontano dal luogo dove era stato catturato, da un plotone di partigiani comandato da un esponente Comunista, il Colonnello Valerio, al secolo Walter Audisio, per ordine dei capi del Comitato di Liberazione Nazionale dell'Alta Italia.

Questa versione è stata spesso contestata e presenta, in effetti, secondo più storici, non poche contraddizioni. Sono stati messi in dubbio il luogo, la tempistica, l'identità degli esecutori e la legittimità dell'ordine impartito dal Cln. Ed è stato anche ipotizzato un intervento dei servizi segreti inglesi nella morte del Duce.

 Come ha ricordato lo storico Giovanni Sabbatucci, «la verità è che Mussolini fu ucciso dai partigiani perché era importante che fosse la Resistenza italiana ad assumersi l'onere dell'esecuzione; e perché, in caso di consegna agli Alleati ci sarebbe stato un processo che avrebbe chiamato in causa responsabilità e complicità diffuse, in un momento in cui i governanti italiani tendevano a separare le responsabilità del Paese da quelle del Fascismo".  Inoltre, un Mussolini sotto processo, sarebbe stato scomodo anche per il Premier britannico Winston Churchill, con cui il Duce ebbe una folta corrispondenza epistolare, anche durante la guerra.

C'è chi dice che Mussolini, non sia stato ucciso a Giulino di Mezzegra, davanti a Villa Belmonte, ma freddato nei pressi della Cascina De Maria  a Bonzanigo, la mattina del 29 Aprile fra le 9  e le 10 e la Petacci successivamente intorno alle 12 in un prato vicino, dopo aver subito un abuso sessuale; c'è chi avvalora la tesi ufficiale del luogo e delle modalità, ma ritiene che il Partito Comunista abbia voluto tenere nascosta la reale identità di colui che ha sparato i colpi fatali al Duce; c'è chi dice che sia stato un commando di partigiani per conto dei servizi segreti inglesi a passare per le armi Mussolini ; c'è finanche chi pensa che il Duce sia morto sempre nella Cascina De Maria e non a Giulino di Mezzegra, ma si sia avvelenato con una capsula di cianuro e che, quindi, la sua esecuzione, davanti Villa Belmonte, sia stata solo una montatura.

Ciò che appare certo, secondo ultimi studi effettuati, è che Mussolini non sia stato ucciso effettivamente a Giulino di Mezzegra, ma a Bonzanigo dove l'ormai ex Duce e la Petacci erano prigionieri l'ultima notte. 

Anche Pingitore, nel suo spettacolo "Scacco al Duce", sembra sposare la tesi secondo cui Mussolini sia morto nei pressi della cascina De Maria, ma  forse lo fa solo per motivi scenici; ma, quel che più colpisce l'animo dello spettatore è la morte di Claretta, affianco all'uomo che ama. Pingitore, facendo sacrificare Claretta, per salvare dalle pallottole, come uno scudo, il suo Benito, fa di lei, per certi versi ,una eroina romantica, colpendo l'animo dello spettatore.

Nel cast, ancora una volta, Luca Biagini nel ruolo di Benito Mussolini; Barbara Lo Gaglio è Claretta Petacci; Roberto Della Casa, interpreta Vittorio Emanuele III; Bianca Maria Lelli impersona la Vita; Sabrina Pellegrino è la figlia del Duce e vedova di Galeazzo Ciano, Edda  Mussolini in Ciano; Carlo Ettorre veste i panni di Gabriele D’Annunzio; Antonio Pisu è il partigiano; Morgana Giovannetti è la voce narrante. I ballerini sono, come per “Operazione Quercia”, Raffaella Saturni e Leonardo Bizzarri. Coreografie di Evelyn Hanack, costumi di Graziella Pera.

L'opera teatrale andrà in scena fino al 6 settembre. Ogni sera, dopo lo spettacolo, è prevista una cena con degustazione di pasta e vini abruzzesi.

Il biglietto,  funivia in salita e servizio navetta in discesa da Campo Imperatore, è gratuito grazie al sostegno del Comune dell'Aquila.

 Ma, guardiamoci il video con uno spezzone di 15' dello spettacolo “Scacco al Duce”, le interviste all'attrice Barbara Lo Gaglio che interpreta Claretta e al Senatore Fabrizio Di Stefano, Presidente della Fondazione  Cantiere Abruzzo Italia:

https://youtu.be/-Xki29Ci5f0

Cristiano Vignali – Agenzia Stampa Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimi articoli

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...

Veneto, Tabarelli (UGL Salute): "Su Arpa Veneto basta giochetti, si trovino soluzioni per il bene dei lavoratori"

(ASI) "Fondi contrattuali, pronta disponibilità, applicazione contrattuale fantasiosa, programma di formazione senza ECM, sono situazioni che hanno messo a dura prova i lavoratori di ARPA Veneto.        &...

Maltempo: Coldiretti, è allarme gelate per ortaggi e frutta. Il freddo arriva dopo un inizio 2024 più caldo di sempre con +2,04 gradi

(ASI) Con il crollo delle temperature è allarme gelate nelle campagne italiane, dove lo sbalzo termico rischia di causare gravi danni agli alberi da frutto, in primis ciliegie, albicocche e pesche, ...

M5S: da Meloni bugie e omissioni su AGI, par condicio e carcere a giornalisti

(ASI) Roma - “Parlando della situazione della libertà di stampa in Italia, Giorgia Meloni ha inanellato una serie di falsità e di omissioni che non sono degni di un presidente ...

Rischio idrogeologico: Mazzetti (FI), "Gettiamo le basi per nuova strategia di contrasto"

Lunedì 22 aprile convegno dell'Intergruppo "Progetto Italia" al Palazzo delle Professioni a Prato (ASI) Prato  – C'è un prima e un dopo l'alluvione di novembre: adesso è il momento di una ...

 Elezioni in Basilicata, UNCEM: costruire legami tra territori e sostenere i comuni insieme. la montagna è strategica per affrontare crisi demografica e climatica

(ASI)"La Basilicata che va al voto e che sceglie il Presidente e il Consiglio regionale deve avere una attenzione specifica per montagna e piccoli Comuni. Deve cambiare verso nell'investire ...

Europa League. Roma Milan 2-1. Le parole dei due allenatori De Rossi e Pioli

(ASI) Un match di straordinaria intensità ed importanza ha promosso in semifinale la Roma, che ora spera di riprendersi ciò che le è stato sottratto lo scorso anno. A questo però ...

Pd: Domani a Catania terzo incontro 'Impresa Domani' su Innovazione

(ASI) Domani, sabato 20 aprile, a Catania presso Isola Catania (Piazza Cardinale Pappalardo, 23), si terrà "Innovazione, Tecnologie, Intelligenze", terzo appuntamento del ciclo di incontri "Impresa Domani", che il Pd dedica alle ...