×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Una Juve da triplete virtuale.
(ASI) Ha vinto lo scudetto, è stata eliminata dal Bayern campione d’Europa facendo una figura migliore del Barcellona e dalla Lazio vincitrice della Tim cup. La Juve si consola per il triplete mancato, rimane comunque una stagione positiva con uno scudetto vinto con 9 punti dalla seconda e con tre giornate di anticipo e con il raggiungimento dei quarti in Champion. Conte e i suoi hanno avviato l’anno scorso un progetto straordinario, stupendo e battendo record su record, ma se si è alla Juve bisogna fare di più. Forse qualcuno se ne andrà, qualcun altro si speri arrivi, ma per ora facciamo un complimento a tutti e diamo i voti di questa stagione.

Buffon: 9

E’ sempre il numero 1, certo quell’erroraccio su Alaba in Champion non è stato il massimo, ma non si discute come campione, ma dal numero 1 si vuole sempre di più.

Storari: 6

Il suo l’ha fatto, ma con la Lazio in Coppa Italia poteva fare meglio e pure le ultime due giornate per il record dei record a punti.

Rubinho: s.v.

Non ha mai giocato.

Barzagli: 10

Un baluardo. Sempre puntale, preciso, costretto a fare gli straordinari con l’infortunio momentaneo di Chiellini.

Chiellini: 9

Il periodo più brutto della stagione è  stato quando non c’era e questo la dice lunga sulla sua importanza sul campo e fuori. Si ricorda un goal importantissimi al San Paolo.

Bonucci: 8

E’ cresciuto e le sbavature dell’ano scorso sono diminuite. Importante il goal allo Shaktar.

Caceres: 7

Ha fatto tutto quanto il possibile per sostiuire Chiellini e dare il cambio a volte sulla fascia. Decisivo il goal al Napoli all’andata. E’ sempre combattivo e una valida e polifunzionale alternativa.

Lichsteiner: 8

Discusso a inizio campionato, si è preso la fascia, facendo quattro reti decisive, non si sa se rimarrà, ma è stata comunque una pedina importante per Conte.

Marrone: 6

Sacrificato a rincalzo in difesa, dimostra comunque di avere qualità seppure il suo ruolo è a centrocampo. Deve crescere ancora, ma sono ampi i margini di miglioramento.

De Ceglie: 6

Stagione condizionata dagli infortuni, sottotono e spesso non è stato valido in difeso.

Asamoah: 8

Stagione nella prima parte esaltante con tre goal, un valore aggiunto, un’assenza pesantissima a Gennaio. Dopo la Coppa d’Africa è sceso nelle sue prestazioni.

Isla: 5

La delusione. Veniva da un brutto infortunio, ma a parte qualche sprazzo non è stato assolutamente il martello pneumatico dell’Udinese, riscatto molto discutibile.

Peluso: 6

Avvio disastroso con quell’esordio contro la bestia Sampdoria, poi è cresciuto e ha messo in difficoltà Asamoah.

Padoin: 6

Il suo l’ha sempre fatto con impegno e serietà.

Giaccherini: 7

L’uomo dello scudetto, quel goal di rabbia e determinazione contro il Catania all’ultimo secondo è il simbolo dello scudetto 2013. Un lavoratore umile ed efficiente.

Pirlo: 9

Meno divino dell’anno scorso, ma è stato ancora lui il regista di questa bellisisma annata e c’è ancora bisogno di lui.

Marchisio: 8

A tratti alterni, è sempre una bandiera con goal importanti in Champion e in campionato, ma capitan futuro deve essere sempre al massimo.

Vidal: 10

Un gladiatore con 15 goal in stagione importantissimi in Champion, decisivi in campionato, assist, chilometri e contrasti vinti. Un uomo mercato, un simbolo, un leader. Uno da Juve. E’ lui l’uomo del 2013.

Pogba: 9

E’ giovane, deve crescere ma è un talento pazzesco. Da pochi minuti è diventato titolare a 19 anni, i suoi goal sono stati tutti bellissimi da cineteca quelli all’Udinese. E’ il bello deve ancora arrivare.

Giovinco: 7

Sette goal, luci e ombre, ancora in stand by per i tifosi  e lo spettro di Del Piero su di lui. Il suo l’ha fatto ed è comunque uno degli artefici di questo scudetto.

Vucinic: 8

Croce e delizia, ha cambiato partite e ha fatto errori madornali. E’ Vucinic, il miglior attaccante, ma ancora non un vero top player per questa discontinuità. Un esempio di genio e sregolatezza.

Matri: 7

Avvio brutto, poi è cresciuto e i suoi goal l’ha fatto.

Quagliarella: 8

Goal bellissimi come quello con l’Inter e importantissimi Chelsea fra tutti. Minutaggio da record, 13 goal, si dice che deve partire, ma è proprio necessario?

Bendtner: 4

Un bidone, ha fatto pochissimo ed è stato fuori a lungo, non ha mai fatto goal mettendosi in evidenza pure per la cattiva condotta. Da rispedire al mittente. E questo doveva essere un top player?

Anelka: s.v.

Un colpo di mercato inutile e praticamente mai visto.

Daniele Corvi – Agenzia Stampa Italia

 

Ultimi articoli

Il Centrodestra vince trainato da Fratelli d'Italia, Italia spaccata col Movimento 5 Stelle primo Partito al Sud

(ASI) Roma - Le elezioni politiche del 25 settembre 2022, le XIX della storia repubblicana, passeranno alla storia d'Italia soprattutto per due ragioni:

Roma, Di Stefano (Udc): “Commissione PNRR: riunioni infinite su scelte già compiute dalla maggioranza. Mi dimetto”

(ASI) Roma - Marco Di Stefano, capogruppo Udc-Forza Italia in Assemblea Capitolina, rassegna le dimissioni dalla Commissione Speciale PNRR.

UGL Trasporto  Aereo, “ENAV si com porta come un monarca”

(ASI) Roma, 28 settembre 2022 - “È ormai troppo tempo che ENAV si comporta come un monarca, ma non illuminato: la gestione del settore HR è ancora legata ad un sistema dinastico di nepotismo ...

Progetto Gold: Aspettando gli Stati Generali di CNA Settore Orafo. Romualdo Pettorino, presidente CNA Orafi Campania incontra Luigi Truono, presidente artistico CNA Salerno

Progetto Gold: Aspettando gli Stati Generali di CNA Settore Orafo. Romualdo Pettorino, presidente CNA Orafi Campania incontra Luigi Truono, presidente artistico CNA Salerno

Nel crollo di affluenza alle urne (solo il 63,91%) l’abbraccio, disperato, a Giorgia Meloni, sperando che faccia bene

(ASI) Sembra incredibile, seppure ampiamente previsto e ipotizzato, quello che è successo: Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha vinto le elezioni con largo margine, rispetto agli alleati (Lega e ...

Istat: creata tecnologia per il monitoraggio delle misure del PNRR attraverso gli indicatori di benessere e sostenibilità.

(ASI) Il Pnrr (piano nazionale di ripresa e resilienza) è il documento che illustra come il governo italiano intende gestire i fondi di NextGenerationEU, ovvero il piano promosso ...

Iran, proteste:migliaia di arresti

(ASI) Circa  tremila persone sono state arrestate a Teheran in oltre una decina giorni di manifestazioni per il caso di Mahsa Amini, la giovane 22enne deceduta mentre era in ...

Brasile, sondaggi: Bolsonaro in recupero

(ASI) Mancano pochi giorni alle elezioni in Brasile e aumenta l’intensità della sfida da parte dei candidati.  L’ex presidente, Luiz Inácio Lula da Silva, ha il 48,3% ...

Istituto Friedman: Buon lavoro a nuovo parlamento e a nostri iscritti eletti

(ASI) Roma,   “Oltre dieci tra i nostri iscritti e componenti del Comitato Scientifico appartenenti a diverse liste elettorali sono stati eletti in Parlamento domenica. Altrettanti neoeletti hanno già ...

Elezioni, Jonghi Lavarini: cresce l'astensionismo. L'elettorato premia la Meloni, crolla la Lega, tiene Forza Italia e il PD va all'opposizione

(ASI) Si sono svolte le elezioni politiche il 25 settembre. Crescono ancora sia l'astensionismo, quindi la sfiducia degli italiani nel sistema, che la volatilità del restante elettorato che, ad ogni elezione, ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113