La notte della Francia e il suicidio dell’Europa

(ASI) In Francia, non scherzano: quando fanno la rivoluzione, tagliano le teste, quando devono suicidarsi, usano la Costituzione. Sono queste le competenze dei francesi, nati e cresciuti come cittadini in armi, e oggi tutto questo si è rovesciato nella notte oscura della Reggia di Versailles, sede di bagordi e intrighi di Re Sole. Il sole è davvero tramontato sulla Francia, il cuore dell’Europa, secondo versione “locale”, e l’Occidente ritrova il suo significato originario, Terra del tramonto, Aben-Land. Heidegger docet.

I fatti, da registrare, innanzitutto: 925 parlamentari francesi, deputati e senatori, riuniti oggi in Congresso nella reggia di Versailles, hanno approvato l'inserimento del diritto all'aborto nella Costituzione.

La Francia è il primo Paese che decide di inserire l'interruzione volontaria di gravidanza nella propria Carta fondamentale. Sono stati 780 i voti a favore. 

Una manciata di resistenti si è opposto, ma il movimento nichilista che parla la lingua di Pascal aveva già vinto prima di scendere in campo. L’aborto come diritto costituzionale equivale a definire la cittadinanza secondo la cifra dell’omicidio di una creatura innocente. Quindi, da Erode in giù, tutti ossequiosamente ringraziano. Il suicidio francese è il suicidio europeo e, quindi, il suicidio occidentale. Di conseguenza, il suicidio della modernità, perché Europa, Occidente e Francia, dal 1789 in poi, vuol dire appunto modernità. Nel 2008 avevo già previsto la deriva nichilista europea che avrebbe ingoiato tutta intera l’autentica laicità fondata su valori, principi e regole condivise. Una laicità basata sulla cristianità, come anche Croce ha scritto in un famoso saggio. Una deriva illiberale e anti-umana, perché assolutizzare la figura giuridica dell’aborto, con le conseguenze pratiche di cui sopra, equivale a spazzare via una serie di altri diritti ed altre libertà civili, a cominciare dall’obiezione di coscienza, oggi visto come una lesa maestà nei confronti del titanismo costituzionalista e totalitario. Sì, totalitario, tanto che gente di credo quasi laicista come Norberto Bobbio era contraria all’aborto, definendolo come lo strapotere del diritto contro i più deboli. Una civiltà che non tutela i diritti dei più deboli, fin dalla nascita, è una società ontologicamente totalitaria, e su questo non ci piove. Altro che trionfo della “civiltà”. Quale civiltà? Quella che non riesce neanche a cogliere gli aspetti storici e pratici di una decisione scellerata e diabolica come questa? Siamo in un inverno demografico permanente, in Europa, ed abbiamo alle porte e dentro casa l’Islam, che fa figli e poi vuole spazi sempre più ampi, nel nostro mondo. Sembra che vi sia un parallelo cupio dissolvi della Francia, se pensiamo all’islamizzazione crescente delle sue città, da un lato, ed alla decisione di cui stiamo trattando, dall’altro. Se il “padrone del mondo” (Benson) ha vinto, allora qualcuno deve per forza aver perso e questo qualcuno siamo noi europei che viviamo in una cultura di morte, che si occupa del fine vita e non dell’inizio dell’avventura umana, della fine dei nascituri e non dell’educazione dei già nati, che spesso decidono di non continuare più su questa terra appesantita dai cadaveri, proprio perché la morte è nemica della speranza. La Costituzione francese non costituisce una civiltà umana, ma innalza l’ultimo vitello d’oro, a preannunciare la fine della nostra civiltà. Dopo, c’è solo il diluvio, temo in assenza dell’Arca della salvezza.

Raffaele Iannuzzi - Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

L’eroe irredento della Brigata Sassari: Guido Brunner

(ASI) – Padova. Il nuovo libro di Stefania Di Pasquale, fresco di stampa per i tipi di Ravizza Editore, ha il merito di ricostruire la biografia di Guido Brunner, il quale, ...

Digitale. Convegno al Senato sulla intelligenza artificiale in vista del provvedimento annunciato dal sottosegretario Butti in arrivo in Parlamento

(ASI) Si è svolta, presso la Sala "Caduti di Nassirya" del Senato della Repubblica, la conferenza dal titolo, "IA: Innovazione ed Etica nel Cuore della Rivoluzione Digitale", promossa dalla Senatrice Cinzia ...

Bonus studenti 2024: tutti gli aiuti previsti

(ASI) Nel 2024 sono dodici i bonus studenti attivi, dedicati a coloro che studiano. Sono le famiglie, degli studenti minori a dover fare richiesta, altrimenti, se gli studenti sono maggiorenni, possono ...

Festival del giornalismo, per Forza Nuova è il festival del pensiero unico

(ASI)"Forza Nuova e Lotta Studentesca di Perugia ha voluto salutare il Festival del Giornalismo di Perugia con un’azione politica in centro storico, nell’ultimo giorno della sua edizione.

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "La grande finanza di Soros che depredò l’Italia, finanzia politici che si accaniscono contro di me” 

(ASI) "La verità viene sempre a galla. In molte occasioni la deputata del Partito Democratico Rachele Scarpa si è accanita contro di me, con ipocrite strumentalizzazioni e petizioni di scarso ...

Tanti hanno costruito il loro futuro sul martirio: forse c'è speranza anche per i palestinesi

(ASI) La storia è disseminata di episodi che fanno riferimento diretto o indiretto al martirio, cioè alle persecuzioni subite da singole persone o da interi popoli, a causa di poteri religiosi ...

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Crediti d’imposta, Cataldi (commercialisti): “Strumento da migliorare, non eliminare”

(ASI) “La sospensione del credito di imposta per i beni strumentali nuovi 4.0 e quello per le attività di R&S, emersa dapprima con la pubblicazione del decreto “blocca agevolazioni” ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...