Un regime, ecco tutto. Sul “caso Vannacci”

Un regime

(ASI) Un regime. Senza aggettivo qualificativo, dacché, così facendo, entreremmo nella selva delle categorizzazioni antiche: regime dispotico, oligarchico, democratico, ecc.

Si tratta di un idealtipo oggi incarnatosi nella specie della gogna di Stato: il gen. Vannacci non può, non deve parlare. Non osi parlare, innanzitutto, e magari avere idee proprio anche ricevute, ma sempre da lui elaborate. Il Regime – stavolta la maiuscola è d’obbligo – non può permettere ciò. L’ideologia del politicamente corretto, una volta penetrata nel corpo dello Stato, rende la tragedia una vera e propria farsa, come Marx aveva intuito in tempi non sospetti. Undici mesi di sospensione dal servizio – altra ridicola cifra: perché non dodici? – per aver mortificato il livello etico di istituzioni che nessuno, in privato,  considererebbe degne di siffatta qualifica. Le forze armate di un Paese in cui le tasse degli italiani vanno ad una causa bellica per la quale la maggioranza degli italiani non vorrebbero spendere neanche un centesimo: la democrazia che censura i sondaggi che danno voce al popolo. Il popolo poi è “sovrano”, certo, qualcuno l’aveva scritto e detto, nella remota isola delle illusioni.

Tutti si riempiono la bocca con lo stracitato art. 21 della Costituzione, la quale, visto che è “la più bella del mondo”, possiamo anche permetterci il lusso di stralciare il viatico della libertà ad uso e consumo di amici e amici degli amici. Recita il suddetto articolo: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Amen. Sembra un bel sermone illuministico che Vannaci ha visto calare su di lui come tradimento effettuale e riduzione del vivere personale e civile. Dico Vannaci perché parlo di Iannuzzi, che scrive, e dell’ultimo italiano che non conosco, ma che è libero di manifestare il proprio pensiero, secondo il santificato articolo citato.

Democrazia?

Un regime, dunque. Ma non era, questa, la democrazia? Orbene, noi non viviamo tra le steppe desolate dell’energumeno Putin, macellaio dei nemici e affamatore dei popoli, non viviamo nella Cina dei nuovi mandarini despoti del capitalismo col quale traffichiamo allegramente, noi non siamo propaggini delittuose di movimenti populisti latinoamericani. No, siamo in Italia e ci teniamo ad essere democratici senza virgolette e, quindi, secondo il paradosso ultimo di cui qui trattiamo, possiamo anche ridurre a zero la libertà altrui, perché tutti devono cantare secondo la “nostra” libertà, che, come la giustizia per Giolitti, vale solo per gli amici e gli amici degli amici.

No, si tratta di “dispotismo legale”

Forse il nome appropriato per questo regime c’è: “dispotismo legale”.

Si tratta di una vecchia formula del tardo Settecento, partorita nel seno del collettivo intellettuale degli economisti e primi ideologi del potere monarchico “progressista”, i Fisiocratici. Siamo nella Francia pre-rivoluzionaria. Questi signori hanno capito che far tenere la mazza in mano a chi comanda, mentre gli altri tacciono e i mercati fanno la loro corsa è il vero scenario per un’autentica trasformazione della società.

Qualcuno ha scritto qualcosa in merito:

«Ad ogni buon conto, di una cosa possiamo essere sicuri: il dispotismo è una pratica sociale occidentale e moderna volta alla “trasformazione” della società civile. Il problema che si apre, drammatico, è sapere di che segno possa essere una “trasformazione” operata dispoticamente. Visto che la trasformazione trova terreno fertile nella dinamica dello sviluppo della società civile, l’Occidente capitalistico e ricco non può che tenere tale questione all’ordine del giorno. Il pericolo di emergenze “dispotiche” costringe (o, almeno, dovrebbe costringere) il pensiero sociale a considerare i tratti specifici delle trasformazioni socio-politiche. La domanda che ricorre è la seguente: quale trasformazione per quale società. Ma questa è davvero un’altra storia”.

Sono le ultime parole dell’introduzione alla mia tesi, redatta e discussa alla fine del 1990. Le scrivevo ancora ventitreenne, oggi di anni ne ho cinquantotto e, dopo un quarto di secolo, quel “pericolo di emergenze dispotiche” in seno alla “democrazia” è una realtà fattuale, dal Covid in poi, a dire il vero, un caso di scuola. La differenza è che oggi non potrei più dire ingenuamente, come allora: “questa è davvero un’altra storia”. Semplicemente perché questa è, da tempo, la nostra storia.

Raffaele Iannunzi - Agenzia Stampa Italia

 

Ultimi articoli

L’eroe irredento della Brigata Sassari: Guido Brunner

(ASI) – Padova. Il nuovo libro di Stefania Di Pasquale, fresco di stampa per i tipi di Ravizza Editore, ha il merito di ricostruire la biografia di Guido Brunner, il quale, ...

Digitale. Convegno al Senato sulla intelligenza artificiale in vista del provvedimento annunciato dal sottosegretario Butti in arrivo in Parlamento

(ASI) Si è svolta, presso la Sala "Caduti di Nassirya" del Senato della Repubblica, la conferenza dal titolo, "IA: Innovazione ed Etica nel Cuore della Rivoluzione Digitale", promossa dalla Senatrice Cinzia ...

Bonus studenti 2024: tutti gli aiuti previsti

(ASI) Nel 2024 sono dodici i bonus studenti attivi, dedicati a coloro che studiano. Sono le famiglie, degli studenti minori a dover fare richiesta, altrimenti, se gli studenti sono maggiorenni, possono ...

Festival del giornalismo, per Forza Nuova è il festival del pensiero unico

(ASI)"Forza Nuova e Lotta Studentesca di Perugia ha voluto salutare il Festival del Giornalismo di Perugia con un’azione politica in centro storico, nell’ultimo giorno della sua edizione.

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "La grande finanza di Soros che depredò l’Italia, finanzia politici che si accaniscono contro di me” 

(ASI) "La verità viene sempre a galla. In molte occasioni la deputata del Partito Democratico Rachele Scarpa si è accanita contro di me, con ipocrite strumentalizzazioni e petizioni di scarso ...

Tanti hanno costruito il loro futuro sul martirio: forse c'è speranza anche per i palestinesi

(ASI) La storia è disseminata di episodi che fanno riferimento diretto o indiretto al martirio, cioè alle persecuzioni subite da singole persone o da interi popoli, a causa di poteri religiosi ...

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Crediti d’imposta, Cataldi (commercialisti): “Strumento da migliorare, non eliminare”

(ASI) “La sospensione del credito di imposta per i beni strumentali nuovi 4.0 e quello per le attività di R&S, emersa dapprima con la pubblicazione del decreto “blocca agevolazioni” ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...