Amministrive. Vince l'astenzione, perdono tutti i partiti. Punito il trasformismo di Lega e M5S

(ASI) E pensare che le elezioni amministrative sono quei 'ludi cartacei' che hanno la più alta percentuale di votanti. Eppure gli elettori  hanno preferito disertare le urne. Il messaggio è chiaro: più del 50% degli aventi diritto al voto non crede più nei partiti, soprattutto a quelli rappresentati in Parlamento. Il dato politico è  significativo: la maggioranza è rappresentata dall'astensione.

Per cui, le alchimie dialettiche di un tempo, secondo cui tutti potevano vantare dei successi elettorali, questo volta non sono più sostenibili. Infatti, nessun partito può dichiararsi vincitore. Infatti, sono tutti perdenti. Chi ha votato ha severamente punito ogni forma di trasformismo. Al contempo, cresce in maniera costante la distanza del Paese reale da quello legale. Diminuisce progressivamente la fiducia dei cittadini nelle istituzioni. Stessa cosa per il governo. Viene sensibilmente meno in ogni ambito politico la credibilità, l'autorevolezza  e l'affidabilità dei partiti, percepiti dagli astenuti come sempre più lontanti dalle loro necessità.  Inoltre, la tornata elettorale era di quelle importanti. Si votava in molti comuni fra i quali: Roma, Milano, Napoli, Bologna, Trieste, Salerno, Latina, Pordenone, Isernia,Caserta,  Benevento e Varese. Oltre che nella regione Calabria e in due seggi elettorali uninominali. In totale, erano più di  12.000.000 gli aventi diritto al voto. Quindi, si era di fronte ad una prova politica molto significativa. Alla luce di questi risultati, gli oltre 6.000.000 dei non votanti – che, lo ribadiamo, sono la maggioranza - rappresentano un monito anche sulla forma di governo da adottare e, di fatto, mettono in crisi la democrazia parlamentare, perché la maggioranza degli italiani non si sente più rappresentata dai partiti tradizionali. Non può neanche sfuggire la trasformazione in atto nello Stato, per effetto della quale la parola democrazia perde il suo significato, e il sistema di governo non è più espressione dalla volontà popolare. I partiti non dispongono più della maggioranza del consenso, mentre gli astenuti sono diventati la maggioranza. Sicuramente si cercherà di sminuire od oscurare questa verità: vince l'astensione, perdono i partiti: tutti. Una cosa è certa, la struttura dello Stato e il modo di fare politica dei partiti vanno, prima possibile, cambiati. Così come non va trascurato un altro sintomo che vede una numerosa parte degli italiani dare vita ad un movimento eterogeneo e trasversale, che si ritrova unito a difesa di alcuni valori. Ciò avviene anche superando gli steccati. Assistiamo ad alla mobilitazione di un popolo, che manifesta assieme per reclamare la libertà e lotta civilmente per  la democrazia partecipativa. Un popolo che difende la Costituzione, un fronte del dissenso che va ascoltato, esimio Presidente Mattarella.  Non fosse altro perché l'articolo 87 della Costituzione è chiaro e ci ricorda che il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato e rappresenta l'unità nazionale. Perché Il Presidente deve esercitare le sue funzioni con imparzialità e terzietà.

Ettore Bertolini -Agenzia Stampa Italia

 

Ultimi articoli

*Ius scholae, Scalfi (Ist. Veronesi): subito rinvio, politica gioca su pelle ragazzi*

(ASI) “Subito un rinvio per lo ius scholae alla Camera. Avevo auspicato un dibattito serio su una proposta di legge civile sulla cittadinanza, e invece ancora una volta sembrano prevalere ...

Nel cinquantenario della morte di Ennio Flaiano un nuovo libro di Lucilla Sergiacomo sul grande scrittore abruzzese

(ASI) L’AQUILA – “Invito alla lettura di Flaiano” (Mursia editore, Milano 2022, pp.384) è il nuovo saggio di Lucilla Sergiacomo sul grande scrittore abruzzese, una rivisitazione ampiamente aggiornata ...

Torino Fashion Week. La grande moda a Torino

(ASI)  TORINO - Dal 6 al 14 luglio si svolgerà a Torino l'annuale edizione della “Torino Fashion Week”, manifestazione tra le più importanti della moda a livello globale. L'evento si articolerà ...

Bianchi: "Istruzione fondamentale per una società aperta e uno sviluppo sostenibile"

Il Ministro al Transforming Education Pre-Summit dell'Unesco Italia scelta come leader sui temi dell'inclusione

Sanità. Rauti (FdI): nuovo contratto penalizza ostetriche. Ministro Orlando e Speranza intervengano per eliminare disparità di trattamento con altre categorie

(ASI) "I ministri Orlando e Speranza intervengano per riconoscere il lavoro svolto in questi anni, soprattutto nel corso della pandemia, dalle ostetriche che, alla luce del nuovo contratto di lavoro, ...

Automotive, Nappi (Lega): la Regione smetta di nascondersi, subito un tavolo per scongiurare migliaia di licenziamenti

(ASI)  "Indire subito un tavolo regionale sull'automotive. In Campania, lo stop imposto dall'Ue alla vendita, entro il 2035, di auto a benzina e diesel, rischia di provocare la perdita di 4.000 ...

Dati Istat. Paolo Capone, Leader UGL: "Necessarie politiche attive per rilanciare l'occupazione"

(ASI) "Preoccupano i dati emersi dall'ultimo report dell'Istat che nel mese di maggio rileva un calo dell'occupazione pari al -0,2%, ovvero 49mila posti di lavoro in meno. Allarma, in particolare, ...

Scritte contro sede Uil Bologna, Uiltrasporti: atto vile non fermerà nostro lavoro a difesa lavoratori

(ASI)  Roma,  - "Un vile attacco contro i più profondi valori di democrazia che da sempre fanno parte della nostra organizzazione. Non ci faremo intimidire da un simile ...

Codici: esposto in Procura sui maltrattamenti nella casa di riposo di Reggio Calabria

(UNWEB)  Fare piena luce e giustizia. È la richiesta che arriva da Codici in merito alla casa di riposo abusiva scoperta dai Carabinieri del Nas a Reggio Calabria. Una storia ...

Cina. Giugno consolida la ripresa, gli indici PMI tornano in territorio espansivo

(ASI) Se maggio aveva fornito indicazioni importanti, evidenziando una forte ripresa rispetto ad un primo quadrimestre segnato dalla recrudescenza di focolai Omicron in numerose città del Paese e dalle conseguenti ...