Usa , Panetta accusa amministrazione Obama: ritiro truppe statunitensi dall'Iraq causa dell’avanzata e successo dell’Isis. Scontro interno fra i  gruppi di potere degli Stati Uniti?

(ASI) L'ex segretario alla Difesa Leon Panetta critica l'amministrazione Obama per non essere  riuscita a mantenere le truppe Usa in Iraq. E’ il fallimento della politica statunitense in quell’area che ha fatto sì che il paese mediorientale diventasse un rifugio per i terroristi dell’Isis.

L’accusa viene da Panetta che è stato direttore anche della Central Intelligence Agency (CIA) sotto la presidenza di Barack Obama ed è argomentata nel  suo libro di memorie. "Worthy Fights: A Memoir of Leadership in War and Peace" ("Combattimenti degni: memoriale del primato in guerra ed in pace" libera traduzione  ndr) che uscirà  il 7 ottobre. In uno stralcio pubblicato sul Time Panetta ha rimproverato alla Casa Bianca  la forte volontà di liberarsi della presenza militare statunitense in Iraq a discapito di intese che avrebbero potuto garantire meglio l’influenza politica e gli interessi Usa in quella strategica zona.

Il rimprovero di Panetta all’amministrazione Obama viene da un personaggio che è a conoscenza dei fatti, lo è  anche di quelli più segreti degli Sati Unit e si dimostra un attacco diretto e pesante che deve spingere ad una fredda riflessione: la sottovalutazione del fenomeno Isis è stata semplicemente dovuta  alla cattiva valutazione e all’incapacità politica Usa di comprendere gli scenari negativi delle situazioni? Cosa che francamente è comunque assurda. Oppure, prospettiva più inquietante: dietro la scalata e l’avanzata  dei tagliagole dello Stato Islamico dell’Iraq e della Siria  si cela una strategia mirata volta a portare il caos come ad esempio in Afghanistan, Libia ed nei Paesi della primavera araba per non permettere agli antagonisti globali Usa (Cina e Russia) e regionali (Repubblica Islamica dell’Iran e Siria) di avere un ruolo geopolitico ed economico primario in quell’area? In un caso o nell’altro, l’aver permesso il crescere di un gruppo terribile, sanguinario e fondamentalista e  il pericoloso precedente territoriale dell’insorgere del Califfato pesano sulla coscienza Usa. Non fosse altro che per fare le guerre occorrono ingenti disponibilità di danaro ed armamenti moderni e molto costosi. Cosa di cui dispone ampiamente l’Isis. Tutti sanno che, sebbene per ragioni diverse, i maggiori finanziatori dell’Isis sono stati: Arabia Saudita, Qatar, Turchia (nazione Nato) e qualche “civile” paese occidentale, ossia fedeli alleati Usa che adesso si sono trasformati  nella coalizione che vogliono abbattere il mostro che loro stessi hanno alimentato. Infine , non potrà sfuggire il fatto che l’affondo dell’ influente personaggio Panetta fatto alla scelte strategiche di Obama è un chiaro monito alla sua amministrazione. Ciò dimostra  non solo l’insoddisfazione sulle scelte politiche di Obama di certi apparati, ma l’emergere di un dissidio. Uno scontro interno (ed esterno su scala globale) fra i  gruppi di potere degli Stati Uniti i cui effetti futuri li scopriremo dal manifestarsi degli eventi sulla scena mediorientale e mondiale.

Niger September – Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Vienna, Borrell: pronto il testo finale per sancire l’accordo sul nucleare iraniano tra Iran e Stati Uniti.

(ASI) Vienna - È stato recentemente raggiunto un accordo sul nucleare iraniano secondo il capo degli Affari Esteri dell’Unione Europea Josep Borrell, il quale ha twittato nel suo profilo che ...

Avv. Vincenzo Di Nanna (Amnistia Giustizia e Libertà Abruzzi): "La fondazione Marco Pannella pronta a espellere Marco Pannella? Il presidente chiarisca"

(ASI) "La fondazione Marco Pannella è pronta a espellere Marco Pannella?". Lo domanda l'avv. Vincenzo Di Nanna, segretario dell'associazione Amnistia Giustizia e Libertà Abruzzi.              &...

Decreto Aiuti: Mims, per il settore trasporti previsti 70 milioni di euro per l’anno 2022

(ASI) Roma – Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) destina 70 milioni per sostenere il settore dei trasporti per fare fronte all’aumento eccezionale del prezzo dei carburanti. È quanto ...

Elezioni. Ciriani (FdI): centrodestra unica coalizione con programma di governo

(ASI) "Il centrodestra è l'unica coalizione che ha un programma di governo condiviso per l'Italia. E per Fratelli d'Italia sarà importante anche rinegoziare il PNRR per renderlo adeguato alle nuove esigenze ...

Sicurezza, Lucentini (Lega): Civitanova si chiede dove sia finito il ministro Lamorgese

(ASI) Roma – “A Civitanova Marche abbiamo assistito a un altro omicidio, un tunisino ucciso da un connazionale. Il presunto assassino non aveva alcun permesso di soggiorno.

Brambilla, Unione Cattolica: "La dottrina sociale e la pace" 

(ASI) Roma  - "Oggi, molte regioni e comunità, hanno smesso di ricordare un tempo in cui vivevano in pace e sicurezza. Altre hanno bruscamente scoperto la fragilità di una ...

Incontro tra Segretario Generale Farnesina Sequi Ambasciatrice Australia Twomey: soddisfazione per crescenti rapporti e per ottime relazioni bilaterali tra Italia e Australia

Il Segretario Generale della Farnesina, Amb. Ettore Francesco Sequi, ha incontrato oggi l’Ambasciatrice dell’Australia, Margaret Twomey.L’Amb. Sequi ha espresso soddisfazione per i crescenti contatti di alto ...

MEF: Approvata la riforma della Giustizia tributaria

È stata definitivamente approvata la riforma della giustizia e del processo tributari avviata con la presentazione da parte del governo di un disegno di legge, per iniziativa dei ministri dell’Economia, ...

Camera: Patassini (Lega), bene via libera legge San Francesco bella pagina Parlamento

(ASI) Roma  - “Una bella pagina scritta dal Parlamento. Con la proposta di legge per la celebrazione dell’ottavo centenario della morte di San Francesco viene costituito il Comitato ...

Taglio tasse, Nappi (Lega): mentre il centrosinistra chiacchiera e propone la Patrimoniale, noi siamo già al lavoro per estendere Flat Tax a dipendenti e pensionati 

(ASI) “Mentre il centrosinistra propone la Patrimoniale e continua a discutere, la Lega è già al lavoro per il taglio delle tasse. Come abbiamo già fatto per due milioni di partite ...