×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Acqua pubblica: quando i politici vanno nel pallone

(ASI) Ma noi, da che tipo di persone siamo amministrati ? Non dico statisti, che visti i chiari di luna mi pare quantomeno audace ed azzardato, ma sarebbe almeno auspicabile che fossero persone normali, ma vacilla anche questa minima speranza, almeno a giudicare dalle dichiarazioni e dalle interviste che i politici fanno a getto continuo.

 Prendiamo, tanto per fare un esempio, l’intervista rilasciata al Corriere della Sera dall’ex ministro Andrea Ronchi, l’autore della legge sull’acqua, azzerata dalla valanga di sì del referendum.

Lei, Ronchi - gli chiede il giornalista - è lo sconfitto del giorno? “Sono convinto di aver fatto una buona legge, certo la legge si sarebbe potuto migliorare, tutto è migliorabile”. Allora se aveva capito che c’erano margini per migliorarla, perché non lo ha fatto ? Invece di farci buttare via 330 milioni di euro per il referendum. Poi aggiunge, con la massima disinvoltura. “Far funzionare i servizi pubblici costa 120 miliardi di euro. Senza i privati, come faranno i comuni che sono senza un euro?” E’ maledettamente vero che i politici ormai sono nel pallone, distanti anni luce dalla realtà quotidiana, ma, perbacco, ci dovrebbe pur essere anche un limite. Come fa un parlamentare, ex ministro, a non sapere, e a non capire, che se i privati intervengono per investire 120 miliardi, lo fanno per investire, il che significa impiegare del capitale per ottenere il massimo profitto, vale a dire non solo il recupero del capitale investito, ma anche un congruo guadagno. Trattandosi di un bene primario (l’acqua, appunto) a domanda rigida ci sono tutte le condizioni per le inevitabili speculazioni. Quando si tratta di un bene primario lasciare campo libero ai privati produce effetti devastanti. Basta vedere, nell’indifferenza generale, la volgare speculazione che viene fatta con i prodotti farmaceutici. Lo sa bene chi, con la salute malferma, è costretto a far uso frequente di medicinali. L’argento? L’oro? Il platino? Merce “povera” rispetto a quelle capsule “miracolose” di pochi mg che guariscono, o meglio promettono di guarire, un malanno ma rischiano, come viene ricordato da un interminabile elenco di “effetti indesiderati”, di provocare altre più gravi patologie. E costano molto di più di tutti gli altri beni disponibili sulla terra. Uno squallido sfruttamento, peraltro a scapito delle persone più deboli, perché malate. Ma, è incredibile, nessuno s’indigna e si scandalizza. Anche se sappiamo l’obiezione: con le medicine bisogna anche pagare la ricerca. Un luogo comune che non corrisponde affatto alla realtà. Sul Sole 24 Ore, qualche tempo fa, è stato riportato un elenco dei settori privati in cui maggiore è l’investimento per la ricerca, ebbene il settore meno incentivato era proprio il settore farmaceutico. La (poca) ricerca in materia di sanità la sostiene lo Stato, i vantaggi economici li traggono i privati, appunto, pensare che mettano i soldi per l’acqua solo perché i sindaci non hanno più un euro, è una cosa fuori dal mondo.

La gestione pubblica, quindi, è da privilegiare quando si tratta di beni e servizi di prima necessità, purché, naturalmente, la gestione sia affidata a manager di provato valore, con personale esperto e altamente qualificato, e non sia, invece, come è accaduto spesso, per non dire sempre, una riserva di caccia dei politici, con personale inviato dalle segreterie dei partiti o, peggio, proveniente direttamente dalle stanze da letto del potente di turno.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Il Fronte Comunista:  solidarietà ai lavoratori Eurospin della Regione Umbria

(ASI) Umbria - "Durante la crisi pandemica, la grande distribuzione organizzata ha continuato ad operare ininterrottamente per garantire alla popolazione l’accesso ai beni di prima necessità.

Crimea, esplode deposito munizioni. Russia: “È sabotaggio”

(ASI) A parere di Mosca si è trattato di un “sabotggio”. Non si placa la tensione in Ucraina, dove proseguono le ostilità. Un incendio, che ha causato l'esplosione di munizioni, è divampato ...

Usa: “Testato missile nucleare”, cresce tensione internazionale

(ASI) Aumenta la tensione tra le superpotenze.  Gli Stati Uniti hanno testato, nelle ultime ore, un missile nucleare a lungo raggio disarmato. L’annuncio è stato dato oggi dall'Air Force ...

Elezioni, Beghin (M5S): Parlamentarie M5S grande prova di democrazia 

(ASI) “Le parlamentarie del Movimento 5 Stelle sono una grande prova di democrazia. Siamo l’unica forza politica italiana che coinvolge attivamente i propri iscritti nel processo di formazione delle liste ...

Elezioni: Adinolfi (APLI), “Letta-Montecristo completa la rivalsa” “È disinteressato a vincere le elezioni, vuole solo derenzizzare il Pd”

(ASI) Mario Adinolfi, co-fondatore con Simone Di Stefano di Alternativa per l’Italia (APLI) di cui sarà capolista al Senato, interviene nel dibattito sulla formazione delle liste del Pd: “Sono ...

Elezioni: Boccia, PD grande comunità che si unisce nei momenti difficili. Letta coraggioso e trasparente. Avanti uniti contro la destra

(ASI) "Sono state ore e giornate inevitabilmente difficili, ma in un partito funziona così: ci si confronta anche duramente e si trova la soluzione migliore ed è quello che abbiamo fatto ...

Elezioni: Bertoldi (Istituto Friedman), noi orfani, serve meno Stato e più libertà

(ASI) Roma - “Vogliamo che la società italiana progredisca, cresca, si sviluppi, esca dal suo usuale ingessamento? Abbiamo bisogno di meno Stato e più Libertà in tutti gli abiti della ...

Fronte del Dissenso, Aversa: con Italexit in coerenza con la lotta al sistema nelle piazze e a difesa della Costituzione

(ASI)  Il 18 agosto Stefania Aversa sarà a Torre del Greco per un incontro con la cittadinanza unitamente a Gianluigi Paragone e Francesco Amodeo anche per raccogliere le ultime firme ...

Roccamontepiano, con la festa di San Rocco (12-16 agosto) si rinnova l'antico rito dell'Ablutio e rivivono gli antichi culti di Diana, Vertumno, Consus e dell'Ercole Italico

(ASI) Roccamontepiano (Ch) - Dal 12 al 16 agosto si rinnova a Roccamontepiano l'antico culto di San Rocco. La festa ha origini precristiane e l'attuale celebrazione, secondo le fonti a noi in ...

Elezioni, Sara Cunial, mercoledì 17 agosto a Roma  giornata della raccolta firme per il partito Vita

(ASI) "Un lungo tour attraverso l’Italia: Sara Cunial e Davide Barillari al sud del paese; Luca Teodori, Paolo Sensini e Stefano Montanari al nord e Maurizio Martucci in provincia ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113