×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Tirannia democratica, dispotismo nord africano e medio oriente: lotta energetica per il controllo del mondo

(ASI) Le ribellioni del Nord Africa e quelle del Vicino oriente comportano una forzata riscrittura del quadro geopolitico dell'area. Inoltre non sarà sfuggito a nessuno che la Turchia e l'Egitto si sono politicamente allontanate dallo stato ebraico, per cui la nazione che si sente maggiormente isolata e circondata in quella parte geografica è Israele.

Israele per controbilanciare gli equilibri strategici nella regione ha stretto un'alleanza con l'Arabia Saudita, la quale in disaccordo con la politica di Obama, reo di aver abbandonato l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak e non fermato le rivolte nei paesi arabi , vuole diventare il maggiore antagonista dell'Iran nel Golfo Persico.

Quindi, come sempre, gli interessi economici e gli equilibri geo-strategici sono all'origine di quello che sta accadendo con le rivolte e la guerra in Libia che assumono lo status non solo di semplici conflitti regionali.

Da un lato l'occidente vuole gestire i radicali cambiamenti secondo l'esportazione dei propri principi “democratici”. In realtà vuole mantenere distanti dai propri confini i regimi islamici.

Inoltre, non stupirà che paesi come la Francia del presidente Sarkozy e l'Inghilterra di Cameron, prendendo a pretesto la risoluzione dell'Onu 1973 improntata a fini umanitari hanno dato inizio alla guerra in Libia del vituperato rais Gheddafi.

Dimenticandosi però che con quel tiranno, le loro nazioni negli anni precedenti, hanno intrattenuto relazioni e fatto lauti affari.

Un Sarkozy, in crisi di consensi in patria e in perenne caduta di popolarità, tanto che alle recenti elezioni cantonali, gli elettori hanno sonoramente bocciato le sue politiche e relegato il suo partito ad un ruolo subalterno ai socialisti. Di più, dopo i recenti drammatici eventi giapponesi e la conseguente fuga di scorie radiative da Fukushima, questo problema mette in risalto l 'inaffidabilità dell'energia nucleare, infliggendo un duro colpo al mercato della vendita delle centrali e dell'energia nucleare francese.

Esportazioni vitali soprattutto per la sua economia e dalle quali la Francia ricava enormi vantaggi in termini non solo economici. Motivo per cui, il rilanciare il prestigio proprio di Sarkozy e il peso internazionale della Francia s'intreccia con gli affari del petrolio e spiega meglio le reali ragioni che hanno spinto il paese transalpino a dare inizio all'intervento militare in Libia.

La stessa cosa dicasi per gli inglesi alle prese con una crisi economica interna senza precedenti che ha costretto Cameron ha fare una politica di “lacrime e sangue “, improntata alla grande austerità e ai forti tagli allo stato sociale. Politica fortemente contestata dalla popolazione che mobilitava a Londra una vibrante protesta fatta da una folla talmente numerosa che non si ricordava una manifestazione simile da molti anni. Però sebbene le politiche di Sarkozy e Cameron siano aspramente contestate nei rispettivi paesi, continuano a prendere decisioni, forse, anche senza la maggioranza dei consensi. Però la Libia la vogliono divisa e gestire loro le ingenti risorse naturali.

Un limite endemico della democrazia che dalla formula semantica originale: governo del popolo, si è geneticamente modificata nel tempo in: governo per conto del popolo ed infine governo contro la volontà del popolo che in pratica significa tirannia.

Eppure gli occidentali hanno la presunzione di esportare la democrazia in quei paesi dove infuria la rivolta per il pane e per la libertà.

A nulla valgono costituzioni e il diritto internazionale. e se in occidente non sanno garantire lavoro, giustizia sociale e negli Usa nemmeno copertura sanitaria a tutti.

In pratica, si vorrebbe sostituire il dispotismo nord africano e del vicino oriente con la tirannia occidentale. Naturalmente, lo si fa per il loro bene e le morti di inermi civili libici, avute dall'una e dell'altra parte, semplici effetti collaterali necessari.

Inoltre, non è una novità che le rivoluzioni colorate non nascono mai dal nulla, ma le proteste e l'esasperazione spontanea vengono alimentate, finanziate indirizzate da gruppi defilati che alla fine ne trarranno i maggiori vantaggi in termini economici e geostrategici.

Un altro aspetto rilevante dello scenario del Vicino Oriente, è la situazione d'isolamento che si è venuta a determinare per Israele. Israele che, a causa delle grande crisi che colpisce anche gli Stati Uniti, probabilmente riceverà meno aiuti finanziari dai suoi storici amici a stelle e strisce.

Un isolamento che si è venuto a creare per due principali ragioni: la lotta per il pane ha portato alla caduta del maggiore suo alleato nella regione, Moubarak e l'avvicinamento della Turchia all'Iran.

A cui vanno sicuramente aggiunte: l'instabilità politica della Giordania, la permanente inimicizia della Siria di Assad e che in Libano gli Hezbollah, amici della Repubblica Islamica dell'Iran, sono sempre più politicamente forti e militarmente determinati a contrastare la politica espansionistica di Tel Aviv nella zona. Tutte situazioni che hanno indotto Israele ad intervenire e a rivedere i suoi piani. E' scontato che per fare da contraltare ai nuovi assetti necessitava destabilizzare la Siria.

Però attenzione la Siria non è la Libia: è alleata al Libano ed all' Iran, ed è unodei punti di riferimento della Russia, che spesso vi tiene una parte della flotta militare  del mediterraneo; Per cui o le rivolte verranno neutralizzate, oppure nel paese ci sarà una sanguinosa guerra civile.

Sicuramente la Russia e l'Iran faranno tutto per sostenere il regime di Damasco e per non perdere un alleato fondamentale nello scacchiere del vicino oriente.

 

Infine i cinque Paesi emergenti che fanno parte del gruppo Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), condannando i bombardamenti in Libia e criticando le decisioni della coalizione occidentale, hanno voluto mostrare anche un’unità politica, prendendo una posizione netta rispetto alle altre potenze mondiali.. La guerra, dunque, non convince i Brics, che chiedono alla Nato un’immediata cessazione delle operazioni di bombardamento.

C'è del materiale per avere un'idea che dietro il pretesto dell'esportazione della “Democrazia” e gli apparenti conflitti regionali in realtà si celi l'acerrima lotta globale per il controllo delle risorse energetiche per il controllo del mondo. Una volta con la logica di Yalta i competitori mondiali erano due, Russia e Usa, oggi, ce ne sono molti di più e maggiormente spregiudicati.
Pertanto, i pretesti umanitari sono bugie utili per mascherare infime verità. Siamo di fronte ad una società socialmente ingiusta e moralmente spregievole. La tirannia democratica ha costruito una realtà globale che è il  peggiore dei mondi possibili ed educato un'umanità ad essere sempre più assetata di potere e meno ispirata alla saggiezza. 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

RID 96.8 FM sbarca a Sanremo con la sua Pink House

(ASI) "Passione, coraggio, determinazione incontrano Intrattenimento, attualità, cultura e musica nella città dei fiori per raccontare la 73° edizione del Festival di Sanremo. Guidati dall’editrice Michelle Marie Castiello, attraverso la ...

  Fisco, Cannata (FDI): Riforma con imprese e cittadini al centro dell’azione di Governo

  (ASI) “Il cittadino e le imprese saranno messe al centro dell’azione di riforma del fisco del governo. Il presidente del Consiglio Giorgia Meloni ribadisce come la riforma del ...

Roma. PCI, Mauro Alborersi e Sonia Pecorilli al comizio di chiusura della campagna elettorale per le regionali Lazio

(ASI) Roma -  "A San Lorenzo, piazzale Tiburtino, luogo storico simbolico dei comunisti. Sia in chiave elettorale che di lotta. È qui che venerdì alle 18.00 il Partito Comunista Italiano, chiuderà ...

UE, Floridia (M5S): con Meloni Italia non tocca più palla

(ASI) Roma - "È triste registrare che l'Italia è passata da essere protagonista in Europa con Giuseppe Conte, che ha fatto sentire alta la voce del nostro Paese in uno dei momenti ...

Sicilia, Isole minori. 1,4 milioni di euro per trasporti residenti e lavoratori. Pellegrino (FI) "Segno di attenzione dal Governo"

(ASI) Proseguiranno fino al 2025 le riduzioni e gratuità dei costi di trasporto per i residenti nelle isole minori e per chi vi lavora. Questo il risultato del voto di ieri ...

Autonomia Differenziata, Macchia (ISPE Sanità): "La sanità non sia tra le materie oggetto di maggiori autonomie"

(ASI) Roma – "L'approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del disegno di legge, a firma del Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Roberto Calderoli, desta profonda preoccupazione ...

Il soffio del vento, la seconda silloge di Silvia Polidori e' un inno all'amore. 

(ASI) L'AQUILA – Sarà presentato a L'Aquila sabato 11 febbraio alle ore 17:30, presso la Libreria Colacchi (Corso Vittorio Emanuele II, 5), il volume "Il soffio ...

Tpl: Il cordoglio della Uiltrasporti per l'incidente a Savona. L'obiettivo Zero morti sul lavoro un imperativo per tutti noi

(ASI) Roma - "Esprimiamo tutto il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alla famiglia del lavoratore dell'azienda di trasporto pubblico locale di Savona che ieri sera ha tragicamente perso la ...

Coldiretti, domani “Turismo e Cibo” con Lollobrigida e Santanché incontro con il Presidente Prandini per “L'Italia che vince”

(ASI) L’Italia vince con il cibo e turismo che sono i settori trainanti del Made in Italy, in Italia e nel mondo, a sostegno della crescita del Paese. ll ...

Ecuador, ex presidente Correa respinge appello di Lasso per un accordo nazionale

(ASI) Il leader del movimento Revolución Ciudadana, l'ex presidente ecuadoriano Rafael Correa, ha respinto mercoledì l'appello del Capo dello Stato Guillermo Lasso per un "accordo nazionale" considerandolo insincero e ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113