×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Estero. La Bolivia riconosce la Stato della Palestina

(ASI) Durante questa settimana è attesa da Abu Mazen, presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, un’importante missiva diplomatica proveniente dalla lontana Bolivia. Non è la prima lettera - e non sarà neanche l’ultima - che giunge in Palestina da paesi sudamericani, nella quale viene ufficialmente riconosciuto lo stato palestinese.

 E’ di pochi giorni fa, infatti, la dichiarazione di Evo Morales, presidente della Bolivia, in cui si impegna a riconoscere uno stato di Palestina “indipendente e sovrano” entro i confini del ’67, ossia quei confini precedenti alla “Guerra dei sei giorni” ed auspicati anche dall’ONU: Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est.

Con la Bolivia, il fronte dei paesi del Sud America che si esprime favorevolmente circa questa ipotesi si rafforza. Nel giro di poco tempo, precedentemente alla Bolivia, la medesima decisione era stata presa da Brasile ed Argentina, mentre l’Uruguay ha assicurato che farà altrettanto nel mese di gennaio. Per giunta altri stati sudamericani, tra i quali l’Ecuador, nelle scorse settimane si sono mossi per intraprendere anch’essi la strada del riconoscimento della Palestina. Proprio in una conversazione telefonica intercorsa sul finire della scorsa settimana con Abu Mazen, il presidente ecuadoriano Correa avrebbe confermato il suo impegno in questo senso. Un gesto congiunto che rappresenta un fatto nuovo: la volontà sudamericana di svolgere un ruolo importante nello scenario geopolitico intercontinentale. Volontà che corrisponde ad una crescita economica avvenuta negli ultimi anni che ha affrancato il Sudamerica dall’ombra degli Stati Uniti, i quali si sono per anni assicurati il suo controllo economico e politico. Ora, l’emergere di paesi dalle immense ambizioni internazionali potrebbe cambiare quegli equilibri di mediazione storicamente consolidatisi e rappresentare una svolta nei processi di pace in Medio Oriente.

Questa iniziativa che accomuna i paesi sudamericani ha provocato il disappunto israeliano, che il portavoce del ministro degli esteri Yigal Palmor non ha tardato ad esprimere dopo aver appreso la notizia del riconoscimento da parte argentina (paese in cui è storicamente radicata una nutrita componente ebraica), definendo questa mossa assolutamente inutile se finalizzata a cambiare la situazione tra Israele e palestinesi. “Se l’Argentina avesse voluto fornire un vero contributo alla pace, ci sarebbero stati altri modi piuttosto che questo gesto puramente retorico”, ha chiosato Palmor. La stizzita reazione israeliana è il segnale di un’insofferenza, da parte dello stato sionista, nei confronti di un crescente movimento d’opinione internazionale che preme verso Israele affinché il suo atteggiamento si ammorbidisca e possa propendere per una soluzione pacifica del conflitto mediorientale. In questa prospettiva va interpretato il documento, inviato recentemente da ventisei ex capi di stato e di governo, ex ministri ed ex commissari UE alle principali istituzioni europee, in cui si richiede l’imposizione di sanzioni ad Israele a causa dell’espansione degli insediamenti nei territori occupati. Espansione definita nel documento “una minaccia esistenziale alle speranze di creare uno stato palestinese sovrano, contiguo e sostenibile”.

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Nord Corea, missile sul Giappone: cittadini nei rifugi

(ASI) Sale la tensione in Asia.  La  Corea del Nord ha lanciato, questa notte, un nuovo missile. Secondo quanto si è appreso, si tratterebbe di un Irbm ...

Ucraina, Russia: “Basta armi, o rischio guerra diretta contro la Nato”

(ASI) I dispositivi bellici, che gli Stati Uniti forniscono all’esercito di Kiev che combatte contro le truppe del Cremlino, stanno aumentando il rischio di un possibile “scontro militare diretto”&...

Governo, verso un ritorno del Ministero del Commercio Estero. L’imprenditore Lorenzo Zurino in pole position tra i papabili ministri

(ASI) Nel totoministri che impazza in queste ore o, meglio ancora, sul tavolo dei ragionamenti di natura politica e strategica relativi al prossimo assetto che la premier in pectore Giorgia ...

PD: Boccia, Letta chiamato da Parigi dopo caduta Governo giallorosso e crollo Dem. Merita massimo rispetto

(ASI) “Il Segretario Enrico Letta è stato chiamato da Parigi dopo la caduta del governo giallorosso e con il Partito democratico che era drammaticamente crollato al 15%.

Nappi (Lega): sicurezza al centro dell’azione politica a tutti i livelli

(ASI) “La 72enne vittima prima di rapina e poi ricoverata in ospedale perché caduta battendo la testa sul selciato dissestato, conferma la drammaticità della situazione napoletana e campana anche sul ...

Veneto, Elisa Venturini: su trasporto pubblico intervenga la Regione

(ASI) "La situazione di grande difficoltà nel trasporto pubblico locale non può essere una sorpresa perché da tanto tempo si stanno susseguendo problemi di varia natura che finiscono per ripercuotersi ...

DL Aiuti-Ter, Pallavicini (Confcommercio Salute): “Un tavolo con Stato e Regioni sul tema risorse e per un’analisi organica del socio sanitario

(ASI) Roma - “L’apertura del Governo alle strutture sanitarie del privato accreditato tramite il riconoscimento alle stesse, con il Decreto Aiuti-ter, del diritto ad accedere alle risorse destinate ...

M5S Europa: in 13 anni abbiamo rivoluzionato la politica italiana 

(ASI) “Il 4 ottobre 2009 dall’intuizione rivoluzionaria di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio nasceva il Movimento 5 Stelle. In questi tredici anni abbiamo dimostrato che in Italia è possibile fare politica mettendo ...

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "Dal 2023 il 30% di Energia Idroelettrica in meno se non si ferma la legge sul deflusso ecologico voluta dall'Europa, facendo aumentare la dipendenza dell'Italia. Il nuovo Governo intervenga con urgenza".

(ASI) In un momento tragico sul fronte dei costi dell'energia, la principale fonte rinnovabile,  l'energia idroelettrica, rischia il prossimo anno di avere un calo di produzione di circa il 30 ...

Festa di San Francesco. Omelia del Card. Matteo Zuppi, Presidente della CEI

(ASI) Assisi - La Parola di Dio parla sempre a noi e di noi. Parla oggi e ci aiuta a capire i segni dei tempi e questi ci aiutano ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113