×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Usa.T.Jefferson, Kennedy e la Fed

(ASI) Forlì. Lettere in Redazione - “ Se il popolo americano permetterà alla Banca Centrale di controllare l’emissione della sua moneta corrente, prima con l’inflazione  e poi con la deflazione, le banche e le società che vi cresceranno attorno PRIVERANNO IL POPOLO DI OGNI SUA PROPRIETA’ al punto che i suoi figli si ritroveranno un giorno senza casa sul continente…”. Questa fu la risposta che il terzo presidente degli U.S.A., Thomas Jefferson, scrisse nel 1781 all’economista Alexander Hamilton, che esercitò delle pressioni, affinché il Congresso autorizzasse la costituzione della prima banca centrale di proprietà privata! Purtroppo la spuntò Hamilton, il cui volto ebbe il privilegio di comparire, guarda caso, sulle banconote, anche se lo stesso non fu mai presidente! Ma il male che a battere moneta fosse la banca centrale non investì solo gli U.S.A.,poiché oggi ben 2/3 degli stati del mondo sono sotto l’influenza politica di coloro che si fanno chiamare spudoratamente “angeli del Bene”. Gli stati, non potendo stampare banconote, sono costretti a chiederle in prestito a delle banche centrali PRIVATE, che creano il denaro dal nulla a costo quasi zero e poi lo prestano AD INTERESSE agli stati, che in tal modo di indebitano (con la banca centrale!). Infatti dalla differenza tra il valore facciale della banconota (cioè tra il valore convenzionale) e quello del costo della produzione (che è di pochi centesimi di euro!) la somma risultante viene caricata di interessi a beneficio delle banche centrali! Pertanto è solo un gioco al massacro ai danni dello stato sociale, parlare di riduzione di spesa pubblica, se prima gli stati (ex-sovrani,aimè!) non torneranno ad essere i proprietari della moneta e a stamparla loro stessi! Il tutto,ovviamente, deve essere accompagnato da una riduzione dei costi delle pubbliche amministrazioni, della politica e degli sprechi. Perché se gli stati (e quindi i popoli) tornassero ad essere i proprietari della moneta emessa, sarebbe da sciagurati emettere banconote a costo quasi zero solo per mantenere l’attuale classe dirigente parassitaria e privilegiata all’inverosimile, creando un altro tipo di problema che si chiama inflazione. Sempre in tema di presidenti degli U.S.A. informo che il 4 giugno 1963 con l’ordine esecutivo 11.110, l’allora presidente Kennedy dava al Ministero del Tesoro il potere di stampare il denaro, togliendolo così di fatto alla Banca Centrale (Federal Reserve). Kennedy 6 mesi dopo andò a Dallas, da dove, come ben sappiamo,non fece mai più ritorno. Il suo successore, il presidente Lindon Johnson, eliminò l’ordine esecutivo di Kennedy e da allora nessun presidente U.S.A. si permise di sfidare la Fed! Forse sfidare la Fed porta male? Molti dicono che il prof. Monti ha fallito, perché non ha potuto (o non ha voluto?) ridurre i costi della politica e sta facendo pagare il debito pubblico al popolo. Ha fallito, o invece mi chiedo io, ci vuole falliti?

Andrea Mantellini Cons. Circoscrizione 1 Comune di Forlì

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

L’Economia della cultura come fattore di sviluppo. Gianni Lepre, “una grande opportunità per Napoli e il Mezzogiorno”

(ASI) L’Economia della cultura come fattore di sviluppo, questo il titolo del Convegno che si svolgerà a Napoli il prossimo 28 febbraio nella splendida cornice di Palazzo Fuga.

L’Economia della cultura come fattore di sviluppo

(ASI) Si svolgerà a Napoli il 28 febbraio con inizio alle ore 9.30  presso Palazzo Fuga, l’ex Real Albergo dei Poveri, in Piazza Carlo III, un importante convegno incentrato sulla ...

Le nuove relazioni tra Argentina e Italia ripartono dal comparto energetico

(ASI) Ripartiranno dal comparto energetico le relazioni tra Italia e Argentina.

Teramo, venerdì 1 marzo alla Mondadori il romanzo "Amal" sulla guerra in Palestina

(ASI) La grande storia che si intreccia con la politica internazionale torna a Teramo. Venerdì 1° marzo 2024 si terrà alle 17.30 presso la libreria Mondadori in Corso San Giorgio 71, la presentazione del ...

La ricchezza delle famiglie in pericolo?

(ASi) Chieti - A rischio la ricchezza delle famiglie. Si sta assistendo a un gioco perverso dei tecnocrati dell'alta finanza globale che vogliono diventare la nuova aristocrazia feudale di stampo ...

Voucher per i nuovi nati secondogeniti come funziona?

(ASI) Per far fronte al calo delle nascite e incentivare la natalità, la Regione Campania ha istituito un bonus sotto forma di voucher dal valore di 600 euro ...

Google stipula un accordo da 60 Milioni di dollari con Reddit per dati di addestramento dell'IA

(ASI) In una mossa significativa che potrebbe ridefinire il panorama dello sviluppo dell'intelligenza artificiale (IA), Google ha siglato un accordo storico con Reddit, del valore approssimativo di 60 milioni di dollari. ...

Torino, Fiore: "Forza Nuova, con il partito paneuropeo APF, sarà presente alle Elezioni Euopee. Pronti a difendere l'Italia dalla politica scellerata dell'UE"

(ASI) "Sabato 24 febbraio, Roberto Fiore a Torino, accolto da militanti e simpatizzanti del movimento, ha parlato della genesi dI Forza Nuova dal 9 ottobre 2021 alle prossime elezioni europee.    Il ...

Sangue sulle strade: lunedì in Campidoglio un convegno organizzato da Azione per fare il punto sulle modalità attraverso le quali arginare una situazione sempre più drammatica

(ASI) Roma – Lunedì 26 febbraio si svolgerà presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio il convegno dal titolo "Siamo sulla buona strada per ridurre gli incidenti stradali?", in programma a ...

Roma, Striscione al Colosseo di Militia Christi:" Stop al massacro in Donbass!"

(ASI) Roma - "Uno striscione affisso all'alba, sul cavalcavia del Colosseo, da Militia Christi (Movimento aderente a La Rete dei patrioti) per ribadire quale sia stata la causa scatenante, ovvero ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113