Addio alla democrazia in Sudan?

(ASI) Le violenze avvenute in Sudan il 25 Ottobre hanno messo fine a uno degli ultimi tentativi di democratizzazione ancora in corso nel mondo arabo. Si può parlare di un vero e proprio colpo di stato contro il governo di transizione nato dopo la rivoluzione del 2019, che aveva rovesciato la dittatura di Omar al Bashir.

I militari golpisti hanno fatto irruzione nel Palazzo Presidenziale sciogliendo d’imperio il governo di “condivisione” composto da militari e civili, arrestando il primo ministro Abdalla Hamdok e la moglie, il ministro dell’Industria Ibrahim al Sheikh e il ministro dell’Informazione Hamza Baloul. Hanno sospeso diversi articoli della Costituzione, dichiarato lo stato d’emergenza, bloccato internet e chiuso l’aeroporto.

Si sono scontrati con la resistenza della popolazione sparando lacrimogeni e proiettili. Si contano numerosi feriti e almeno una decina di morti. A guidare l’azione dei militari c’è il generale Abdel Fattah al-Burhan, fino a pochi giorni fa capo del Consiglio Sovrano del Sudan. Nel suo primo discorso alla tv nazionale ha dichiarato: <<Abbiamo sciolto il governo per evitare una guerra civile. L’esercito non aveva altra scelta che mettere da parte i politici che incitavano la ribellione contro le forze armate.>>  Secondo il nuovo capo di stato quindi non si tratta di un golpe ma di un “passaggio di consegne necessario”.                                                                                                                                           

La tensione tra il generale Burhan e il premier Hamdok in realtà cresceva da mesi. Il fallito golpe dello scorso 21 Settembre ad opera dei seguaci dell’ex presidente Omar al-Bashir, secondo il premier Hamdok era stato “orchestrato al’interno e all’esterno delle forze armate”. <<Quanto sta accadendo – aveva detto Hamdok – è la manifestazione di una crisi nazionale e indica la necessità di una riforma delle nostre agenzie di sicurezza e delle istituzioni militari.>> Si era così aperta ancora di più la spaccatura tra i leader civili sostenitori di Hamdok e i gruppi di islamisti che chiedevano di <<cacciare il governo della fame>>. L’aumento del prezzo del pane, il protrarsi della crisi economica hanno scatenato proteste nella capitale e in altre città del Paese. In questo contesto, i negoziati tra civili e militari  si sono quasi da subito arenati. I militari hanno preso il sopravvento guidati dal generale Mohamed Dagalo “Hemetti”, l’uomo che comanda le Rapid Support Forces sulla quale si regge il controllo di gran parte del territorio. Il generale Al Burhan  spinto dalla forte sfiducia popolare e dalle pressioni del generale “Hemetti” ha annunciato quindi che “la rivoluzione” continuerà sotto un governo tecnico, confermando le elezioni del 2023.                                                                                                          

 Secondo Kenneth Roth, direttore esecutivo dell’ong Human Rights Watch “dietro il colpo di stato in Sudan vi è un grande interesse commerciale che l’esercito non vuole cedere ai civili. I profitti, in questo caso, hanno la precedenza sulla democrazia”. Il premier Abdalla Hamdok nel momento in cui ha attaccato apertamente l’attività economica dell’esercito è stato deposto. Nel Dicembre del 2020 aveva dichiarato: <<è impensabile che l’esercito e i servizi di sicurezza investano nei settori produttivi entrando in concorrenza con il settore privato>>. Secondo informazioni non ufficiali l’esercito sudanese parteciperebbe alle operazioni per l’estrazione dell’oro, alla produzione di caucciù e all’esportazione di carne, farina e sesamo. Le aziende militari non pagando le imposte sono agevolate rispetto al settore privato portando così una concorrenza sleale. Il generale Abdel Fattah al Burhan si era opposto all’idea di costringere l’esercito ad abbandonare i propri investimenti ma aveva accettato la possibilità che i militari pagassero alcune imposte. Oggi, essendo capo assoluto del Paese, le minacce agli interessi dell’esercito sono svanite. La reazione degli Stati Uniti è stata durissima. Hanno immediatamente sospeso il sostegno finanziario al Sudan condannando l’azione dei militari, mettendo “in pausa” l’intero pacchetto di aiuti da 700 milioni di dollari. Lo stato di salute di un’economia già in condizioni difficili a causa della pandemia è quindi messa a dura prova. Il paese soffre di 27 anni di sanzioni statunitensi, ha perso il petrolio del Sud Sudan, indipendente dal 2011, ed ha un debito estero di 70 miliardi di dollari. Il generale Mohamed Dagalo “Hemetti”, ora vicepresidente del Consiglio sovrano, ha dichiarato che il loro intento sarà solo ed esclusivamente “dare al Paese la possibilità di raggiungere un cambiamento politico e una democrazia reale.”<<Abbiamo sempre sostenuto la protesta del popolo. Il Paese aveva bisogno di un cambiamento e lo abbiamo realizzato con la rivoluzione>>.  Ora il futuro è quindi tutto da tracciare. Dipenderà molto da quanto e come il governo prenderà in considerazione il destino degli oppositori e dei 44 milioni di abitanti ancora soggiogati dalla fame e dallo stato di guerra permanente.

Vaerio Doddo per Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Presentata l’ottava edizione del “Love Film Festival”. La giustizia sarà il tema principale su cui verteranno tutti gli incontri. 

(ASI) Perugia. Mercoledì 24 maggio, presso l’hotel La Rosetta di Perugia, è stata presentata l’ottava edizione del “Love Film Festival” che si svolgerà a Palazzo Priori di Perugia dal 24 al 26 ...

Roma. Convegno in Senato e consegna del Premio Internazionale Federico II. 

(ASI) ROMA – E’ prevista a Roma, presso il Senato della Repubblica, l’apertura del programma di iniziative di alto livello culturale promosse dal Centro Studi Federico II per l’anno 2022. “...

“A ’sta pandemia… damoje ’n verso” di Paolo Micheli conquista Perugia.

(ASI) Perugia. Nella città di Perugia sicuramente una delle figure più autorevoli e rispettate è il Presidente della Sezione penale della Corte di Appello Paolo Micheli. “Un uomo che incute inizialmente ...

Condannato l’ex Consigliere Comunale di Castelvolturno A.B. per diffamazione nei confronti di Roberto Fiore.

(ASI) "Una sentenza lucida e puntuale quella del Dott. Agostino Nigro che stigmatizza la colpevolezza di A.B. giovane consigliere di Sinistra Italiana al Comune di Castelvolturno, condannandolo anche al ...

Con 'L’Italia Mensile' parte da Napoli la battaglia ideale per le libertà

(ASI) Il 28 maggio 2022 ci sarà la presentazione de L’Italia Mensile. Non è solo la presentazione di una rivista è la Voce di un Movimento per affermare una nuova visione di intendere ...

Ucraina, Orban: “Stato di emergenza in Ungheria”

(ASI) Il primo ministro ungherese, Viktor Orbán, ha dichiarato lo stato di emergenza a causa del conflitto in corso, con Mosca,  sul territorio gestito da Kiev.

Quad, Tokyo: jet Cina e Russia durante riunione con Biden

(ASI) Aumenta la tensione in Asia, in particolare tra la Cina e la Russia (unite) contro gli Stati Uniti.

Venenzia Convegno FEDERBIM: sostenibilità, investimenti ed energia i pilastri da cui ripartire

(ASI) "Dalla collaborazione tra Regione Veneto e Comune di Venezia, è nata quest'anno la Fondazione 'Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità' , progetto volto a realizzare un piano di interventi funzionali alla ...

Il mondo del lavoro è cambiato.Proposte del giuslavorista Severino Nappi

(ASI) Con la pandemia il mondo del lavoro è cambiato, è divenuto flessibile, ma soprattutto ha assunto la denominazione smart. In futuro il lavoro da remoto diventerà una realtà concreta, alla quale ...

Serie A 2021 2022 Milan, lo scudetto del coraggio e delle idee a cura di Sergio Curcio

;(ASI) Il Diavolo ha precorso i tempi, vincendo con il mix giusto gioventù-esperienza. le altre big devono adeguarsi in fretta, soprattutto Juve e Roma. Il Napoli rischia di sparire ...