4 Novembre 2021: Anniversario speciale

 

4novembre(ASI) Padova – Ho sempre voluto attribuire un significato spirituale al IV Novembre, festa di Unità Nazionale, delle Forze Armate, della Vittoria della Prima Guerra Mondiale. Quest’anno, ricorre altresì il centenario del Milite Ignoto, quell’ultimo grande rito collettivo della Terza Italia, orgogliosamente sentito in ogni città e contrada della penisola.  Un treno che ha fermato con commozione in ogni stazione possibile, una soluzione italiana veramente geniale.

Cent’anni dopo, provo un’amarezza profonda, nell’apprendere che lo Stato Italiano attuale, erede (anche se pienamente, non ha mai voluto considerarsi) di quello del secolo scorso, per celebrare il centenario del Milite Ignoto, ha sbagliato a realizzare la grafica del manifesto istituzionale, scegliendo luoghi e soldati che nulla avevano a che fare con la grande guerra. Potremo indignarci, alzare la voce o imprecare, ma la realtà è ben più profonda del semplice chiacchiericcio di superficie. Lo Stato Italiano attuale “deve” promuovere la ricorrenza, ma in realtà, non ne ha alcun interesse né volontà. E’ questa la triste e amara realtà, che parte da lontano: l’abolizione del 4 novembre come festività nazionale, ha sciolto quel legame ideale che rappresentava la raggiunta unità d’Italia, fatta da combattimenti massacranti in trincea, tra italiani provenienti da tutte le regioni, che per la prima volta trovavano un’unità linguistica ed un modo di affratellarsi in una situazione tragica e dolorosa.

Oltre all’abolizione della festività, giunge l’oblio, lento quanto inesorabile. Purtroppo, i testimoni della Grande Guerra, i reduci, i Cavalieri di Vittorio Veneto, i Caimani del Piave, gli Arditi, sono tutti deceduti per limiti di età, e chiunque voglia approcciarsi allo studio e alla conoscenza del primo conflitto mondiale, dovrà fare lo stesso sforzo che avviene per l’analisi di fatti storici ancor più remoti. La memorialistica familiare, ora viene condivisa anche su fonti come i social network, che danno la possibilità di condividere scritti, memorie, foto, pensieri degli italiani e non, di più di cent’anni fa.

Rischiamo di perdere, tuttavia, uno dei patrimoni più belli che la generazione del Carso e del Grappa avesse potuto lasciarci: l’ideale. Quali ideali mossero quei giovani o anziani, contadini o professori, operai o proletari, volontari o richiamati, a calpestare le trincee e a rischiare quotidianamente la vita?

Come in tutti gli sconvolgimenti epocali, v’erano degli schieramenti, e v’erano persone che credevano veramente nel sovvertimento dell’ordine costituito, nella speranza di generare un mondo nuovo e più giusto. Chi pensava di dare un colpo mortale all’Austria, e magari era un giovane irredento, a modo suo partecipava alla fine di un mondo, e ne era un protagonista attivo. Chi invece sceglieva di utilizzare la guerra come “elemento rivoluzionario”, in modo da distruggere le fondamenta borghesi e costruire una realtà nuova, pensava veramente che il conflitto potesse generare una realtà differente. Il problema, come in ogni situazione storica, è sempre il medesimo: essere certi che il nuovo modello sia davvero migliore del precedente. A questo proposito, cito solamente una categoria; il mondo dei combattenti del dopoguerra, era davvero ricco di contraddizioni e di verità mancate, come un Partito che li rappresentasse. Troppe divisioni, troppi spaccamenti, gelosie ed incomprensioni. Parimenti, per difendersi da uno Stato che aveva promesso terre ai coltivatori, nacquero le leghe contadine, fenomeno spontaneo quanto veloce: scomparvero sotto i colpi di una guerra civile strisciante che si sarebbe risolta solo con la vittoria del fascismo.

Come tutti i cambiamenti epocali, la Grande Guerra aveva comportato numerose novità: l’ingresso delle donne nella vita economica o l’esperienza del profugato e della profuganza, grazie alla quale i profughi delle terre invase dagli austro – tedeschi nel 1917 avevano trovato ospitalità nelle terre del Sud Italia, conoscendo mondi e realtà completamente diversi dalla terra d’origine, ov’anche il pane e il pomodoro, sembravano avere un sapore strano. O la produzione di massa, dove le grandi ditte come Fiat o Pirelli, per la prima volta, conobbero un sviluppo enorme, preludio al divenire monopolisti di settore.

Il sogno risorgimentale si compiva: completamento dei confini, redenzione delle terre agognate e rivendicate da secoli, detenute da un’Austria incapace di comprendere le aspirazioni nazionali e i sentimenti dei popoli. Abbiamo avuto i nostri martiri, i nostri eroi, ma anche il contadino silenzioso, il fantaccino, l’uomo delle trincee, il letterato che compiva il suo “esame di coscienza” e colui che innocentemente si faceva scrivere le lettere ai genitori o alla fidanzata dal proprio commilitone più istruito, perché l’Italia dell’epoca era analfabeta, ma anche in grado di compiere un capolavoro.

Non si può dimenticare un patrimonio simile, e non lo affermo da studioso appassionato degli eventi. Stiamo assistendo ad un nuovo stravolgimento epocale, e come gli “interventisti democratici”, una delle

 categorie dell’epoca favorevoli all’ingresso in guerra, nutro lo stesso grande dubbio: il passaggio che stiamo attraversando, sarà o non sarà una trasformazione che distruggerà sì il presente, per un futuro molto incerto? Un mondo sta crollando sotto i nostri occhi, come nel 1918, ma quello futuro, si sta presentando molto fosco. Le analogie storiche si ripetono, nella speranza di evitare gli errori compiuti, per non riproporli.

Ad ogni modo, per onorare il Milite Ignoto, ricordiamoci che tante Madri italiane, così come tanti Padri, non videro tornare i loro figli. Non dimentichiamoli, né oggi, né mai.

Valentino Quintana per Agenzia Stampa Italia

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

Ultimi articoli

Autonomia, Lorefice (M5S): scelta distruttiva anche per scuola

(ASI) Roma - “In bocca al lupo agli oltre 500.000 giovani da oggi impegnati negli esami di maturità, passaggio che segna l’inizio di un nuovo capitolo nel percorso di crescita ...

Autonomia, De Carlo (FdI): “Risultato possibile solo grazie al Governo Meloni”

(ASI)“L'autonomia differenziata è legge, un risultato possibile solo grazie all'impegno, al lavoro e alla serietà del Governo Meloni. Per anni questo è stato un obbiettivo solo a parole dei governi che ...

Autonomia, Costa (M5S): "Giorno sciagurato per il Paese"

(ASI) Roma - "L'approvazione dell'autonomia differenziata rende questo giorno nefasto per tutto il Paese. Gli effetti si vedranno nei prossimi mesi: scuola, ambiente, sanità, politiche sociali: tutto sarà frammentato e ...

Autonomia, Lazzarini (Lega): grazie a Salvini e a Calderoli, risultato che dedichiamo a nostri militanti

(ASI) Roma  – “Oggi abbiamo scritto una pagina storica per il Paese, il Veneto e tutte le regioni italiane: dopo 40 anni di battaglie politiche della Lega, un referendum tra i ...

Decreto Coesione, Albano (FdI): Zone Logistiche Semplificate anche in Umbria e Marche

(ASI) Roma - “La Commissione Bilancio del Senato ha appena approvato un emendamento al decreto Coesione che prevede la possibilità di istituire le Zone Logistiche Semplificate (ZLS) non solo ...

Autonomia differenziata è legge, Mariolina Castellone: l’Italia non è più una e indivisibile

(ASI) "L’autonomia differenziata è legge. L’Italia non è più una e indivisibile - lo scrive in una nota Facebook la Vice Presidente del Senato Mariolina Castellone - . Si realizza il ...

Commercialisti, Cataldi: “Rendere professione più attrattiva per i giovani”

Venerdì 21 giugno a Brindisi il Convegno regionale Puglia e Basilicata dell’UNGDCEC (ASI) “Dare una visione di medio e lungo termine alla professione di commercialista è fondamentale: è uno sviluppo che passa ...

Il Trattato di cessione di Nizza e della Savoia alla Francia, non registrato all'Onu?

(ASI) Parigi - La Repubblica Francese oltre al trattato della cessione della Corsica alla Francia da parte di Genova il 15 maggio 1768 (argomento che abbiamo già ampiamente trattato), non avrebbe registrato ...

L’On. Renata Bueno commenta le Elezioni Europee

(ASI) Onorevole Bueno, come considera il risultato delle recenti elezioni europee, dove le forze conservatrici hanno prevalso? "Il risultato delle elezioni europee evidenzia una forte domanda di sicurezza e ...

Lavoro: Laureti (PD): a Latina barbarie che merita risposta immediata

(ASI) "Un grave incidente sul lavoro trasformato in una barbarie: un uomo di nazionalità indiana ha perso un braccio mentre lavorava presso un'azienda agricola in provincia di Latina, nei pressi ...