cgil draghi(ASI) Finalmente qualcosa si muove. L'odierna dichiarazione  del segretario nazionale CGIL sembra mettere in crisi la 'stagione idilliaca' con i sindacati che Draghi, in sintonia con il pensiero-Merkel, si era illuso di poter gestire ad oltranza con successo, senza contestazioni.

Il messaggio del sindacato è chiaro: la riforma delle pensioni, così come è, è sbagliata  e rischia di aumentare la povertà ed il disagio sociale.

Inoltre è inaccettabile che il governo Draghi sblocchi i licenziomenti a breve e che, da gennaio 2022, decine di migliaia di italiani si trovino senza lavoro, solo per seguire la politica di austerità dell'Europa voluta fortemente dalla Mekel. Riuscirà il sindacato a seguire coerentemente  questa linea, che è di scontro frontale e a dare un colpo decisivo al governo Draghi?

Il motivo per cui Draghi prende tempo è tutto sommato comprensibile: il prossimo gennaio si aprirebbe un nuovo fronte di protesta, oltre alla patata bollente del Movimento No Green-Pass, più che mai determinato e combattivo. Come dimostrano anche le odierne, affollate mobilitazioni di piazza in numerose città italiane.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.