draghi66 copy(ASI) Non è un granché il fatto di sbagliare all’unanimità, anzi, sarebbe un’aggravante. Ma è così. Dai resoconti che danno i giornali su quanto è stato deciso dal governo in merito all’approvazione, appunto all’unanimità, del Documento programmatico di bilancio, inviato, ieri stesso, a Bruxelles,si sa che non c’è stata laproroga, per tutti, del super bonus, peraltro molto attesa, perché le normative e le procedure ingarbugliate (un pietoso eufemismo) hanno allungato i tempi e aumentati i costi.

Proprio il problema dei tempi, dilatati dalla mancanza di materie prime, dalla impossibilità di avere forniture, dalla difficoltà di trovare manodopera specializzata, oltre ai chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate, quasi quotidiani, che modificano, spesso, procedure ed interpretazioni, suggeriva la necessità di una proroga, senza slalom, uguale per tutti. Invece, l’allungamento fino al 2023 è previsto solo per i condomini e le case popolari.

Così l’agevolazione fiscale finisce, per chi ha un solo appartamento, il 30 giugno prossimo e chi ne ha da 2 a 4 il 31 dicembre 2022 se ha eseguito almeno il 60% dei lavori entro il 30 giugno 2022.La tanto declamata semplificazione - finora un miraggio - avrebbe dovuto portare ad una sola data, senza distinguo. Ci sono, a palazzo Chigi e nei palazzi dei Ministeri,fior di fenomeni, considerando gli stipendi che percepiscono, ma i risultati non sempre sono all’altezza delle spese sostenute, dallo Stato, per mantenerli. È vero, le decisioni sono politiche, ma qualche suggerimento alle mezzecalzette dovrebbero pure darglielo, altrimenti perché ci stanno? Alle voci della vigilia di una decisione di questo genere, i professionisti interessati: ingegneri, architetti, geometri, commercialisti, non credevano.

Pensavano, siccome sbagliano quasi sempre, per la legge dei grandi numeri dopo una fila interminabile di errori alla fine una l’avrebbero dovuta azzeccare, invece niente. E così, dicevamo, non è stato prorogato il sisma bonusse non per le case popolari e i condomini, che, per molteplici e ovvie ragioni, sono le strutture che meno hanno fatto, e faranno, ricorso a questo genere di agevolazioni. Le limitazioni solo alle case popolari sarà successo perché qualcuno, tra i bolscevichiche sta nel governo, avrà pensato che avrebbe potuto favorire gli odiati ricchi, se la proroga fosse stata per tutte le case e non solo quelle popolari. Nei vari comunicati, infatti, si legge: “Prorogato il sisma bonus, ma non per le villette”.

Di fatto, però, la proroga sarà utile, essenzialmente, per l’eco bonus. Con un po’ di logica e buonsenso si poteva, si doveva, invece, decidere diversamente. I due sostegni al 110%, uno per il sisma bonus e l’altro per l’eco bonus, dovrebbero andare appaiati, per tutti.I primi interventi sono opere importanti per evitare, o almeno limitare, i disastri che provocano i terremoti che,purtroppo periodicamente, si verificano nel nostro Paese, quindi logica imponeva di prorogare prima di tutto il sisma bonus che, invece, così,finisce,per gli edifici unifamiliari,il 30 giugno 2022, salvo, come è stato già detto, che per i condomini e per le case popolari.

Anche l’eco bonus, ovviamente, ha la sua importanza, ma si capisce facilmente che prima vanno consolidate le strutture dell’abitazione perché regga ai terremoti e poi si pensa di migliorarla sotto l’aspetto ecologico. Che senso ha investire su un’abitazione che rischia di cadere alla prima scossa di terremoto per renderla meno inquinante e più ecologica? A palazzo Chigi e dintorni, pensano che abbia un senso. O ha senso perché consigliata da qualcuno che sta fuori dai ministeri e dentro gli affari?  

Fortunato Vinci – www.lidealiberale. com – Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.