euro copy(ASI) È arrivato il momento di pretendere, almeno, che la smettessero di prenderci in giro con quella barzelletta” è il momento di dare, non di chiedere”. Da quando Mario Draghi ha fatto questa affermazione,tranquillizzante,si è scatenato un diluvio di aumenti.

E siamo solo all’inizio. Dall’energia elettrica (+29,8%) al gas (+14,4%), dai carburanti (al massimo da tre anni) a tutti i beni di prima necessità. In un supermercato di Perugiaieri la frutta aveva un prezzo minimo di 2,98 euro al Kg. Con la vecchia moneta 5.770 lire al chilo. Una follia. E queste mezzecalzette che ci governano,i qualitemono, a ragione, il voto di domenica e lunedì, hanno fatto rinviare a dopo le elezioni, quindi a martedì prossimo, tutti gli altri aumenti: il catasto sugli immobili, la modifica delle aliquote Irpef e tutto quello che c’è da aumentare. Bisogna fare attenzione all’impiantofotovoltaico “gratuito”, se si superano i 3Kw aumenta la rendita catastale dell’immobile del 15%. E così si pagherà, per tutta la vita,piùIrpef, Imu e Tari. I Comuni fanno lo stesso, così come le Regioni. L’operazione di Unicredit con Montepaschi, il mitico bancomat del Pci, che prevede“il trasferimento allo Stato del contenzioso legale e dei crediti deteriorati e in via di deterioramento” è stata rinviata, anche questa, alla fine di ottobre, perché si vergognano di dirci quanti altri miliardi, pare 14, graveranno sulle spalle dei cittadini, oltre ai miliardi già spesi dal Tesoro per acquistare la banca, ora azionista al 66 %. Il rinvio era necessario perché proprio a Siena, domenica,ci sono le elezioni suppletive per il seggio alla Camera lasciato libero da Pier Carlo Padoan, diventato presidente di Mps. Inoltre, con il fatto che ci sono delle agevolazioni fiscali per alcuni lavori,un po’ tutte le materie prime sono aumentate, senza alcuna giustificazione. I preventivi, precedentemente fatti, devono essere rivisti perché tutti i prezzi sono cresciuti.Naturalmente nessuno degli appartenenti a questo esercito di mezzecalzette che ci governa, malissimo, ha pensato che sia arrivata l’ora di fare la prima e più importante cosa che tutte le persone oneste di questo Paese aspettano da sempre, la vera lotta all’evasione fiscale, che ogni anno consentirebbe di recuperare un centinaio di miliardi.  E poi ripristinare almeno la rivalutazione monetaria degli stipendi e soprattutto delle pensioni. Invece abbiamo scoperto che con “le nuove regole di indicizzazione delle pensioni lo Stato ha operato risparmi pari a 415 milioni nel 2019, 1.222 milioni nel 2020 e 2.014 milioni nel 2021”. Viene spontaneo,però, a questo punto, porsi una domanda: che Paese è mai questo che sottrae enormi risorse, “risparmia” con le persone meno abbientie, fino a quando hanno lavorato, anche oneste e laboriose, per darle, senza pudore e senza limitazioni, a chi ha truffato le banche; il Monte dei Paschi in questo caso, ma è già avvenuto in passato con tanti altri istituti di credito. Questi comportamenti inquietanti sconcertano non solo per quanto riguarda l’aspetto economico e sociale, ma soprattutto impressionano e deprimonoper quello morale. Mandano messaggi devastanti. E meno male che sono i migliori, pensate se fossero stati i peggiori.

Fortunato Vinci – www.lidealiberale.com – Agenzia Stampa Italia

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.