Meloni riceve Haftar. Polemica con Parigi

(ASI) Roma – Prima un colloquio con il generale libico Haftar. Poi il duro scontro con il ministro dell'Interno francese, Darmanin. Il 4 maggio si è sicuramente rivelato un giorno ricco di grattacapi per Giorgia Meloni.

L’Italia ambisce a ricoprire un ruolo di primo piano nella tormentata Libia, anche in difesa dei propri interessi nazionali. La visita di Khalifa Haftar a Roma ne è una prova evidente. Il generale, ex sostenitore di Gheddafi, è comandante dell’autoproclamato Esercito nazionale libico e detta il buono e cattivo tempo a Bengasi, in Cirenaica. Da questa regione orientale aveva tentato, sin dal 2019, di rovesciare il governo in carica scatenando di fatto una guerra civile. Oggi Haftar resta “l’uomo forte della Cirenaica”, sostenuto dalla Federazione russa e dall’Egitto. Il presidente ad interim Abdelhamid Dbeibah, a capo dell’unico esecutivo riconosciuto dalla comunità internazionale e con sede a Tripoli, è sostanzialmente dovuto scendere a patti con lui per cercare di tamponare una grave emorragia di violenza suscettibile di spaccare in due il fragilissimo paese.

Al momento, dunque, in Libia regna una costante situazione di incertezza. La frattura fra l’occidentale Tripoli e l’orientale Bengasi, tra la Tripolitania e la Cirenaica appare insanabile e il debole gabinetto di Dbeibah non ha alcuna voce in capitolo a Est.

In tale clima tumultuoso si inseriscono le iniziative diplomatiche del governo Meloni, il quale è chiamato a risolvere la spinosa questione della migrazione e a ovviare alla chiusura dei rubinetti del gas ordinata da Vladimir Putin. Già a inizio 2023 la presidente si era recata in visita a Tripoli, senza però avere la possibilità di raggiungere l’area orientale del paese. A ciò Meloni ha cercato di porre rimedio il 4 maggio, ricevendo Haftar a Palazzo Chigi per due lunghe ore di colloquio. Il generale si è, altresì, intrattenuto con il ministro degli Esteri Antonio Tajani, il ministro della Difesa Guido Crosetto e il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi.

Da Palazzo Chigi non sono stati diffusi ulteriori particolari. Secondo alcune agenzie di stampa, comunque, ha avuto luogo uno “scambio su alcuni temi fondamentali di reciproco interesse, in particolare la crescita senza precedenti del fenomeno migratorio verso l’Italia”. D’altronde i dati del Viminale dimostrano che, a confronto con la Tripolitania di Dbeibah, proprio dalla Cirenaica di Haftar si sta registrando la maggior parte delle partenze.

Fonti stampa affermano, altresì, che è stato dibattuto il delicato tema della stabilizzazione del Nord Africa, dinanzi al riemergere di tensioni sociali capaci di sfociare in violenti scontri armati. Combattimenti violenti che minano le condizioni di vita già precarie dei più poveri, con inevitabili ripercussioni sui flussi migratori in direzione dell’Italia. A tal proposito, Meloni avrebbe espresso preoccupazione per il precipitare degli eventi in Sudan.

La riservatezza di Palazzo Chigi potrebbe spiegarsi con il fatto che, per quanto Haftar sia sostanzialmente il signore incontrastato della Cirenaica, la sua figura continua a non riscuotere particolare credito presso la comunità internazionale, la quale ha deciso di riconoscere ufficialmente il gabinetto presieduto a Tripoli da Dbeibah.

Il ministro della Difesa si è limitato a parlare di un “cordiale e intenso incontro”, riferendo di uno scambio di vedute su “Mediterraneo allargato, sicurezza ed emergenza immigrazione”. Guido Crosetto ha poi aggiunto: “Solo con il dialogo si può giungere a una pace giusta”.

Riferimento, questo, che alluderebbe all’intenzione del nostro paese di giocare un ruolo primario nella pacificazione interna della devastata Libia. Non a caso, a quanto si apprende, Meloni avrebbe confermato “il sostegno italiano all’azione delle Nazioni Unite in Libia nella rivitalizzazione del processo politico che possa portare a elezioni presidenziali e parlamentari entro la fine del 2023”. Secondo gli osservatori, in cambio di un controllo effettivo sui migranti in partenza dalla Cirenaica, Haftar aspirerebbe a una sorta di riconoscimento del proprio potere, in modo da poter partecipare alle elezioni che l’Onu sta cercando di assicurare allo Stato africano entro l’anno corrente.

Tuttavia, non è un segreto che anche Parigi nutra molteplici ambizioni in Libia. E proprio tale iniziativa potrebbe aver contribuito, almeno parzialmente, a far innervosire il ministro dell’Interno, resosi protagonista di una forte polemica con Roma.

In un’intervista a Radio Monte Carlo, Gérald Darmanin ha descritto l’Italia come un paese affetto da una “gravissima crisi migratoria”. Il ministro ha poi rincarato la dose: “La signora Meloni, che guida un governo di estrema destra scelto dagli amici della signora Le Pen, è incapace di risolvere i problemi migratori per i quali è stata eletta”.

L’allusione all’avversaria politica numero uno, Marine Le Pen, può essere interpretato come un monito lanciato agli elettori francesi, al fine di dissuaderli dal votare per l’estrema destra. Ciononostante, le pesanti dichiarazioni hanno suscitato clamore oltralpe. Il ministro degli Esteri Tajani ha condannato le parole ritenute “offensive e totalmente inaccettabili” e ha subito annullato l’incontro in programma con l’omologa francese, Catherine Colonna.

Mentre la pacificazione della Libia martoriata da anni di lotte intestine sembra ancora lontana, va in scena un nuovo scontro diplomatico fra Francia e Italia. L’ennesimo, da quando Giorgia Meloni ha inaugurato il suo governo.

Marco Sollevanti – Agenzia Stampa Italia

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Confintesa Sanità esprime il proprio sdegno e disappunto per l’esclusione dalla firma di un importante accordo regionale

(ASI) “Confintesa Sanità esprime il proprio sdegno e disappunto per l’esclusione dalla firma di un importante accordo regionale, imposta da Cgil, Cisl e Uil. Questo atto danneggia non solo ...

Confintesa Sanità esprime il proprio sdegno e disappunto per l’esclusione dalla firma di un importante accordo regionale

(ASI) “Confintesa Sanità esprime il proprio sdegno e disappunto per l’esclusione dalla firma di un importante accordo regionale, imposta da Cgil, Cisl e Uil. Questo atto danneggia non solo ...

Gdf, Freni: Baluardo per sicurezza Paese, pensiero a finanzieri scomparsi

(ASI) Roma - "Tra le tante opportunità che mi dà ogni giorno il mio lavoro c'è quella di poter apprezzare da vicino l'impegno straordinario della Guardia di Finanza.

GDF. FDI: presidio di legalità

(ASI) “Un augurio speciale agli uomini e alle donne che ogni giorno, con orgoglio e dedizione, indossando la divisa della Guardia di Finanza servono la Nazione tutelando i diritti e ...

Sottosegretario Prisco: "Auguri alla Guardia di Finanza per il 250º anniversario della sua fondazione."

(ASI) Desidero ringraziare tutto il personale del Corpo: il vostro instancabile impegno, la professionalità e il senso del dovere nel servizio alla collettività rappresentano un pilastro fondamentale per la sicurezza ...

Gdf, Gasparri: baluardo insostituibile di legalità

(ASI) “Grazie alle donne e agli uomini della Guardia di Finanza che da 250º anni rappresentano un baluardo insostituibile di legalità. Un pilastro fondamentale nella lotta contro l'evasione fiscale e tutte ...

Bloomfleet (Gruppo Shell) partner ufficiale del G7 per la Mobilità governativa

(ASI) Roma - La Presidenza del Consiglio ha scelto Bloomfleet, società del gruppo Shell, come partner ufficiale del G7 per fornire fuel card, servizi di telepedaggio e gestione amministrativa della ...

Morto sul lavoro nel Lodigiano. Paolo Capone, Leader UGL: “Indignazione non basta più, costruire sistema per tutela lavoratori”

(ASI) “Siamo sconvolti e indignati per l’ennesima tragedia che si è consumata oggi all'interno di una cascina a Brembio, nel Lodigiano, in cui ha perso la vita un 18enne, rimasto ...

DL Agricoltura, Trevisi (M5S): Governo riscriva art. 5, altrimenti fotovoltaico bloccato

(ASI) Roma  – “Il Governo dovrebbe valutare seriamente di riscrivere l’art. 5 del Dl agricoltura, attualmente in discussione in Commissione. Così com’è, blocca il fotovoltaico e compromette il raggiungimento degli ...

Lavoro, Osnato (FDI): da ISTAT dati incoraggianti, l’opposizione si impegni con noi per il bene dell’Italia

(ASI) “Il quadro del mercato del lavoro fornito dall'Istat ci sprona ad andare avanti, perché la strada è evidentemente quella giusta. Grazie all’operato del Governo Meloni e del ministro Calderone, ...