(ASI) «La Nota verbale consegnata il 17 giugno dalla Santa Sede al Governo italiano attraverso il nostro Ambasciatore riguardo il ddl Zan è un passo formale tra due Autorità sovrane, Stato Italiano e Chiesa Cattolica, tra le quali esiste un accordo che una delle parti sostiene essere a rischio di violazione.

Non è una semplice presa di posizione assunta all'interno del dibattito nazionale, ma un atto diplomatico e come tale deve essere affrontato. Fratelli d'Italia chiede al Presidente del Consiglio di venire in Parlamento per dare conto alle Camere della situazione e di spiegare come il Governo Italiano intenda dirimere questa controversia. Inoltre, buon senso vorrebbe che l'esame della proposta di legge in oggetto fosse sospesa e rimandata in attesa che il contenzioso sia risolto».
Lo dichiara il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.