pavanelli(ASI) Roma  - "Preoccupa non poco la notizia circolata in queste ore sulla decisione che vorrebbe prendere la Regione Umbria di mandare 12 rianimatori, 28 infermieri e 5 OSS nel Centro Covid di Civitanova Marche. Il flop di cui tanto si è parlato nei mesi scorsi, costruito da Bertolaso.

Visto che non sanno cosa farci vorrebbero assistere lì i pazienti umbri che sarebbero scaraventati a 150 km di distanza da casa propria per ricevere assistenza. Già l'idea in sé per sé è assurda, ma mandare lì gli operatori sanitari umbri è follia. All'ospedale di Spoleto, quello al momento deputato a curare i pazienti Covid-19 insieme a Pantalla, manca il personale. Siamo davvero preoccupati, gli umbri hanno diritto come tutti ad essere curati. Ma non a tre ore di viaggio per una patologia che richiede - quando si arriva all'ospedalizzazione - interventi tempestivi. La Tesei risponda alle richieste del consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Thomas De Luca e anziché mandare gli umbri a 150 km di distanza, inizi a pensare a rendere operative le strutture dell'ex Milizia a Terni e di via del Giochetto, a Perugia". Così, in un post su Facebook, la senatrice umbra del Movimento 5 Stelle Emma Pavanelli.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.