berlusconi66jpg(ASI) “Forza Italia ha deciso di rispondere positivamente all’appello del Capo dello Stato alla collaborazione istituzionale. È una scelta per noi naturale,addirittura scontata,come è scontato che non si tratta di un sostegno politico ad un governoche non approviamo e ad una maggioranza i cui valori e i cui programmi sono incompatibili con i nostri.

Ma proprio i nostri valori, che sono quelli liberali, cristiani,europeisti, garantisti, nasce per noi il dovere della responsabilità a dare una mano, dall’opposizione, per far uscire l’Italia dall’emergenza nella quale ci troviamo”.È questo l’incipit della lettera che Silvio Berlusconi, dalle colonne del Corriere della Sera, ha mandato agli italiani e alla maggioranza. Come sempre con garbo, ammaliante e suadente. C’è da fidarsi? Dalle mie parti si dice: quando u diavulu t’accarizza voli l’anima, quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima. Che vorrà il diavoletto Berlusconi? Quello che ha sempre mostrato di volere in tutti quegli anni in cui è stato al potere: fare, soprattutto, i propri interessi. Come se non bastassero le leggi ad aziendam fu perfino capacedi costringere laCamera a votare sulla identità di Ruby, nipote di Mubarak, ex presidente egiziano. Quel falso -vicenda incredibile e umiliante per il Parlamento - lo approvarono, oltre a tutti i deputati del Pdl, (Forza Italia), tra cui Giorgia Meloni e Maria Elisabetta Casellati, attuale presidente del Senato, anche 59 deputati della Lega Nord. Ora cosa vuole?

Èdisponibile a dare il suo appoggio al governo e alla maggioranza che con un emendamento, nel Decreto Covid-19, ha messo sotto tutela, in quanto considerata di “interesse strategico”, Mediaset,per cercare di sottrarla alle mire del gruppo francese di Vincent Bolloré. Manon basta. Forza Italia, per votare il “discostamento” del bilancio nella lotta alla pandemia, chiede altro.  Lo dice, sempre nella lettera, lo stesso Berlusconi: “Quello che chiediamo al governo e alla maggioranza è quello di dare garanzie, la tutela necessaria non una tantum ma in modo strutturale, al lavoro autonomo, ai commercianti, agli artigiani, ai piccoli e piccolissimi imprenditori, ai lavoratori a contratto, ai professionisti, le partite iva. Una tutela simile a quella giustamente assegnata ai lavoratori dipendenti che perdono il lavoro o che sono messi in cassa integrazione”. In pratica dare soldi a tutti.  Il contributo di Berlusconi, come si vede, è straordinario. Come sempre. A conclusioni così lucide e lungimiranti,Giuseppe Conte, da solo, non ci sarebbe mai arrivato. È vero, ha tralasciato i pensionati, ma tanto quelli stanno per morire e quindi è inutile sperperare denaro se non potrannovotare Forza Italia. Quanto costano queste richieste? Una decina di miliardi in più di “discostamento” di bilancio, che vuol dire più debitoda pagare nei prossimi anni.

Non si creda, però, che l’interesse di Silvio Berlusconi di ritornare, da protagonista, sulla scena politica, sia solo per sostenere Forza Italia,che rischia di scomparire per calo di consensi ed esodi di parlamentari.Penso ci sia una strategia di più ampio e ambizioso respiro, con vista sul 2022,quando scadrà la presidenza di Sergio Mattarella. È quella la poltrona che fa più gola al Cavaliere, per sé, naturalmente; ma se la sua candidaturaper il Colle dovesse sembrare troppo audace -per qualcuno addirittura al limite della provocazione - c’è, in subordine, una persona (uomo o, molto più probabile, donna) da essere sostenuta, purché metta in agenda, tra le prime decisioni da prendere, quella di concedere la grazia a qualche amico importante,di vecchia data, di Silvio Berlusconi.Quando si dice…“lavorare per il bene del Paese”. 

Fortunato Vinciwww.lidealiberale.comAgenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.