Coronavirus: Istituto Quaeris E Friedman, “Italiani bocciano Governo e regioni sulla gestione dell’emergenza ma non hanno paura”

Anche il Governo cinese sotto accusa nella rilevazione dell’Istituto Quaeris. Per l’Istituto Friedman serve Flat Tax subito.

Risultato immagini per istituto friedman agenzia stampa italia(ASI) Roma  - “L’Istituto di ricerca Quaeris, in collaborazione con l’Istituto Milton Friedman, ha effettuato un sondaggio di opinione sull’emergenza Coronavirus. Un primo aspetto interessante che emerge dal sondaggio riguarda il confronto tra l’impegno del Governo italiano e del Governo cinese per impedire la diffusione del COVID-19. Il 54% degli intervistati ritiene che il nostro Governo non abbia fatto quanto era possibile per contrastare il fenomeno, mentre ben il 68% pensa che in Cina lo sforzo non sia stato adeguato. Gli italiani ritengono quindi che il nostro governo sia stato più efficiente di quello cinese nel tamponare la situazione, seppur per la maggioranza esprimono comunque un giudizio negativo. Il 55% degli intervistati invece ha fiducia nel nostro sistema ospedaliero tanto da pensare che le strutture ospedaliere italiane siano all’altezza per fronteggiare l’emergenza.
Anche per quanto riguarda le misure messe in atto dalle Regioni italiane per contrastare la diffusione del virus il giudizio è negativo, infatti quasi il 58% le ritiene inefficaci. Il 53% degli Italiani, invece, a differenza di quanto si possa pensare, è contrario alla chiusura dei confini nazionali per contrastare l’estensione del fenomeno e, solo il 44%, è soddisfatto della reazione del governo in questa situazione, con un picco di maggiore soddisfazione tra le regioni del nord (48%). Il timore di contagio è basso, pari quasi al 15%, ed è maggiore, come si poteva presumere, tra gli intervistati residenti nel nord, ma nell’insieme circa l’85% degli italiani non ha paura del virus e questa è una buona notizia. Anche se si può presumere ci sia l’effetto NIMBY (not in My backyard), che quindi le persone pensino non possa accadere a loro di essere contagiati, ma che il rischio in generale sia comunque alto.” - Così Giorgio De Carlo, direttore dell’Istituto demoscopico Quaeris, comunicando i dati rilevati nell’analisi demoscopica eseguita nei giorni scorsi su un campione rappresentativo di Italiani.

“Va evidenziato che in ogni caso gli Italiani non hanno paura di essere contagiati in massa dal virus, sono contrari alla chiusura delle frontiere e ripongono invece fiducia nel sistema sanitario nazionale e nelle strutture locali. La situazione economica attuale è la vera emergenza in corso, conseguenza dei numerosi errori di comunicazione da parte di Governo nazionale, enti locali, media e politica in genere, è drammatica e mette a rischio decine di miliardi di euro di economia ogni settimana per il nostro Paese. Particolarmente colpito il turismo che rappresenta il 13% del PIL e che in questo momento vede un calo delle visite nel nostro Paese di quasi il 90% rispetto allo stesso periodo del 2019. Anche la sospensione dei collegamenti aerei con i principali partner dell’Italia nel mondo è un segnale molto preoccupante che rischia di prolungare il periodo di crisi economica. Nessuna misura drasticamente significativa a favore dell’economia è stata prevista finora e il clima di panico. I dati sui decessi e sulle condizioni di salute delle persone colpite sono del tutto incoraggianti ma, mentre la scienza ci dice che chi è morto per questo virus sarebbe deceduto anche se colpito dall’influenza stagionale, il clima di terrore continua ad essere alimentato insensatamente e la nostra immagine nazionale danneggiata nel mondo. È il momento di rimboccarci tutti le maniche. In particolare il Governo dovrebbe adottare l’unica misura realmente sensata ed incoraggiante per la nostra economia nazionale, quella della flat tax per tutti che abbiamo proposto ormai da anni, questo è il momento giusto” Così Alessandro Bertoldi, direttore esecutivo dell’Istituto Milton Friedman Institute.

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Autonomia, Lorefice (M5S): scelta distruttiva anche per scuola

(ASI) Roma - “In bocca al lupo agli oltre 500.000 giovani da oggi impegnati negli esami di maturità, passaggio che segna l’inizio di un nuovo capitolo nel percorso di crescita ...

Autonomia, De Carlo (FdI): “Risultato possibile solo grazie al Governo Meloni”

(ASI)“L'autonomia differenziata è legge, un risultato possibile solo grazie all'impegno, al lavoro e alla serietà del Governo Meloni. Per anni questo è stato un obbiettivo solo a parole dei governi che ...

Autonomia, Costa (M5S): "Giorno sciagurato per il Paese"

(ASI) Roma - "L'approvazione dell'autonomia differenziata rende questo giorno nefasto per tutto il Paese. Gli effetti si vedranno nei prossimi mesi: scuola, ambiente, sanità, politiche sociali: tutto sarà frammentato e ...

Autonomia, Lazzarini (Lega): grazie a Salvini e a Calderoli, risultato che dedichiamo a nostri militanti

(ASI) Roma  – “Oggi abbiamo scritto una pagina storica per il Paese, il Veneto e tutte le regioni italiane: dopo 40 anni di battaglie politiche della Lega, un referendum tra i ...

Decreto Coesione, Albano (FdI): Zone Logistiche Semplificate anche in Umbria e Marche

(ASI) Roma - “La Commissione Bilancio del Senato ha appena approvato un emendamento al decreto Coesione che prevede la possibilità di istituire le Zone Logistiche Semplificate (ZLS) non solo ...

Autonomia differenziata è legge, Mariolina Castellone: l’Italia non è più una e indivisibile

(ASI) "L’autonomia differenziata è legge. L’Italia non è più una e indivisibile - lo scrive in una nota Facebook la Vice Presidente del Senato Mariolina Castellone - . Si realizza il ...

Commercialisti, Cataldi: “Rendere professione più attrattiva per i giovani”

Venerdì 21 giugno a Brindisi il Convegno regionale Puglia e Basilicata dell’UNGDCEC (ASI) “Dare una visione di medio e lungo termine alla professione di commercialista è fondamentale: è uno sviluppo che passa ...

Il Trattato di cessione di Nizza e della Savoia alla Francia, non registrato all'Onu?

(ASI) Parigi - La Repubblica Francese oltre al trattato della cessione della Corsica alla Francia da parte di Genova il 15 maggio 1768 (argomento che abbiamo già ampiamente trattato), non avrebbe registrato ...

L’On. Renata Bueno commenta le Elezioni Europee

(ASI) Onorevole Bueno, come considera il risultato delle recenti elezioni europee, dove le forze conservatrici hanno prevalso? "Il risultato delle elezioni europee evidenzia una forte domanda di sicurezza e ...

Lavoro: Laureti (PD): a Latina barbarie che merita risposta immediata

(ASI) "Un grave incidente sul lavoro trasformato in una barbarie: un uomo di nazionalità indiana ha perso un braccio mentre lavorava presso un'azienda agricola in provincia di Latina, nei pressi ...