(ASI)  Ucraina - Nonostante una sostanziale verità, la notizia dell'ingresso di militari russi in Crimea è stata enfatizzata e strumentalmente amplificata dalle fonti d'informazione e dai politici occidentali, in modo tale da dare a tutti l'impressione di una progressiva invasione russa dell'Ucraina. Le cose non stanno esattamente così.

L'invio di militari e mezzi nella Repubblica autonoma di Crimea serve alla Russia per tutelare le basi militari e siti strategici presenti sul territorio.

Il problema per il Cremlino era ed è come prevenire l'attività dei numerosi agenti stranieri (soprattutto statunitensi e britannici), che nelle scorse settimane hanno approfittato  delle turbolenze e del caos politico per infiltrarsi in Ucraina.

Quindi siamo in presenza di un'azione, volta anche a tutelare la maggioranza russofona di Crimea. La manovra coordinata Usa-UE non è una novità. Infatti basta tornare all'inizio del novembre 1989: mentre i cittadini tedeschi erano impegnati a frantumare il muro di Berlino, agenti statunitensi e uomini dei servizi secreti occidentali irrompevano nei palazzi del potere della defunta Repubblica Democratica Tedesca per saccheggiarne archivi segreti e documentazione di fondamentale importanza per la stessa sopravvivenza della Unione Sovietica.

In ogni caso una valutazione attenta della situazione attuale – dove sempre maggiori appaiono le interferenze e le pressioni della finanza internazionale (Fondo Monetario Internazionale e altri istituzioni finanziarie facenti capo agli USA) – porta a una conclusione, che può sembrare paradossale. Fermo restando che si tratta di una situazione assolutamente eccezionale e di emergenza e che la libertà dei popoli non è mai negoziabile, si può asserire che per gli Ucraini la presenza di truppe russe è sempre meno pericolosa dell'aperture di  Banche ed istituti finanziari come la Goldman Sachs, la cui sola vocazione  è una cinica rapacità. Perché, tutto sommato, i blindati russi

possono sempre fare marcia indietro e tornarsene a casa, ma le banche dei finanzieri speculatori no: normalmente (vedasi l'Argentina) questi predatori globali se ne vanno solo dopo aver spolpato le loro vittime ed averne vampirizzato tutte le energie vitali. Tengano bene a mente tutto ciò gli Ucraini... amanti della libertà.


Redazione Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2022 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.