×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
(ASI) Che la cultura risenti dei maggiori tagli previsti  dalla nuova legge di stabilità è innegabile.  Una forte critica in merito viene mossa al governo dal Pd che con De Biasi attacca la politca dell'esecutivo dichiarando : “Buon appetito al ministro Tremonti che è riuscito a mangiarsi la cultura. Per questo, mai come oggi, sono vicina al mondo dello spettacolo che con sacrosanta ragione sciopera per affermare il proprio diritto all’esistenza; si tratta di più di 250mila lavoratrici e lavoratori che costituiscono una parte rilevante dell’economia e dello sviluppo del Paese”. Lo dice Emilia De Biasi, deputata Pd in commissione Cultura della Camera.
“Il governo – prosegue De Biasi - ha dimostrato disprezzo per la cultura tagliando di quasi il 40 per cento il Fondo unico per lo spettacolo e mettendo così in ginocchio teatri, cinema, musica, danza, circhi e spettacoli viaggianti che dovranno vivere con 260milioni in tutto per i prossimi tre anni. Inoltre, non hanno voluto stanziare i fondi per la defiscalizzazione nel cinema, filiera industriale di primo piano in Italia. La situazione è al collasso. A ciò si aggiunga lo scandalo per i mancati finanziamenti per i beni culturali iniziando da Pompei. Ancora una volta chiediamo a Bondi perché non ha difeso la cultura, che dovrebbe essere il primo compito di un ministro, ma sappiamo già che anche questa volta non avremo risposta. La cultura non può vivere di promesse: il Fus va reintegrato e il cinema sostenuto”.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2022 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.