×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Libano. Visita al campo profughi di Chatila

(ASI) Sabra e Chatila è un nome che evoca sinistri ricordi, una tra le più inquietanti macchie di sangue che sporca la pur tragica storia recente del Libano. Gli effetti del conflitto israelo-palestinese erano già penetrati a Beirut da diversi anni, portando come conseguenza migliaia di morti a causa di atrocità compiute da tutte le parti coinvolte.

L’uccisione a sangue freddo di quelle diverse centinaia di civili, tuttavia, è universalmente considerata la peggiore espressione della guerra civile libanese.


Tra il 16 e il 18 settembre 1982
, le milizie falangiste guidate da Elie Hobeika, dopo aver fatto irruzione nei campi profughi palestinesi di Sabra e Chatila, a Beirut ovest, compirono l’atroce mattanza con la complicità dell’esercito israeliano, che controllava la zona. Lo scenario che si presentò agli osservatori internazionali a massacro avvenuto, stando alle parole di alcuni cronisti, sembra la manifestazione di un incubo vissuto ad occhi aperti. Questi i ricordi di Elaine Carey, inviata del Daily Mail: “Io guidai il gruppo verso il campo di Sabra. Nessun segno di vita, di movimento. Molto strano, dal momento che il campo, quattro giorni prima, era brulicante di persone. Quindi scoprimmo il motivo. L'odore traumatizzante della morte era dappertutto. Donne, bambini, vecchi e giovani giacevano sotto il sole cocente”. L’italiana Oriana Fallaci, che ha raccontato il Libano della guerra civile attraverso un romanzo intitolato Insciallah, non usa giri di parole per descrivere il livello di barbarie consumatosi a Sabra e Chatila: “(..) E fortunati gli uomini uccisi subito a raffiche di mitra o colpi di baionetta, fortunati i vecchi sgozzati nel letto per risparmiare le munizioni. Le donne, prima di fucilarle o sgozzarle, le avevano violentate. Sodomizzate”

Questo il tono dei racconti, la descrizione delle immagini che affollano la mia testa durante la visita al cimitero sorto a poca distanza dal luogo di quel massacro.
Un prato di modeste dimensioni, al centro del quale si erge un cippo costruito in memoria dei defunti, e ai cui lati due enormi striscioni plastificati arrecanti frasi e foto commemorative. Un luogo disadorno, situato all’inizio di una lunga strada che conduce dove si trova, attualmente, il campo palestinese di Chatila. La percorro insieme a un gruppo di altri giornalisti italiani, rimanendo colpito dalla confusione di persone e auto che la caratterizzano. Ai lati della strada, si trovano negozi o chioschi di ogni genere, presieduti da venditori che ci guardano meravigliati, evidentemente non abituati a ricevere visite occidentali da queste parti. Giunti ad uno degli ingressi di quel fitto dedalo di stradine tortuose che è il cuore di Chatila, ci accoglie il responsabile della sicurezza del campo. E’ un uomo sui quarant’anni, un palestinese membro della sicurezza di Fatah (che controlla il campo), il quale vive qui da molto tempo. Insieme a lui facciamo il nostro ingresso in questo microcosmo della periferia di Beirut, un fazzoletto di terra affollato da diciassettemila persone, uno dei luoghi al mondo a più alta densità di abitanti. La guida ci racconta nei dettagli quello che è già lampante ai nostri occhi, ovvero la totale mancanza di una pur minima pianificazione urbanistica: l’estensione del campo è proibita, dunque si è sviluppata negli anni la disordinata tendenza ad ampliare gli edifici in altezza, così determinando pericoli di crolli. Le abitazioni diroccate sono soltanto uno degli aspetti degradanti di questo campo: i bambini giocano nell’immondizia, fili elettrici aggrovigliati pendono minacciosi sulle teste dei passanti, un piccolo pronto soccorso fatiscente, privo di alcuni elementari presidi medici, è l’unica risorsa sanitaria per queste migliaia di palestinesi. Ci viene spiegato che acqua e elettricità sono tra i principali problemi, cui difficilmente si prova a far fronte mediante qualche aiuto internazionale che talvolta viene elargito alle organizzazioni che si prodigano per il campo.


Passeggiando in questo labirinto, lo sguardo viene spesso catturato dal fitto campionario di scritte, murales e manifesti; messaggi di sofferenza e speranza, ma anche propaganda della variegata galassia di movimenti politici che proliferano tra i palestinesi. Ad oggi in Libano vivono circa 225mila profughi provenienti dalla Palestina, dislocati in 12 campi ufficiali. Ognuno di questi - come previsto dagli accordi de Il Cairo del 1969 - è amministrato dall’Olp e inaccessibile alle forze di sicurezza dello Stato libanese. Tuttavia, le dispute interne e il contesto agitato hanno, nel tempo, minato i fragili equilibri sanciti da quegli accordi. Quel fronte compatto che era un tempo la resistenza palestinese si è sgretolato negli anni. Si è assistito alla nascita di diverse correnti, spesso impegnate a scontrarsi in faide interne. Più di recente si è avuto, poi, il diffondersi di gruppi non votati all’interesse della patria palestinese, bensì al fondamentalismo islamico. Pochi giorni prima di visitare Chatila, saremmo dovuti accedere al campo profughi di Ein el-Hilweh, presso Sidone. Visto il recente approdo, anche in Libano, della crisi che infiamma la Siria, ci è stato categoricamente proibito di effettuare quella visita. La presenza di occidentali in luoghi in cui l’autorità dell’Olp e di Fatah non riesce a prevalere su gruppi di estremisti salafiti costituisce un pericolo, viepiù aggravato in un momento di tensione come questo. Si ha l’impressione che si stia diffondendo un’aria di caos, ancor più umida e maleodorante di quella che abbiamo respirato all’interno del campo di Chatila. Un’aria che non presagisce un futuro roseo: né per il Libano, né per la Palestina, né per tutto il Medio Oriente.

Federico Cenci – Agenzia Stampa Italia

 

 

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...

Veneto, Tabarelli (UGL Salute): "Su Arpa Veneto basta giochetti, si trovino soluzioni per il bene dei lavoratori"

(ASI) "Fondi contrattuali, pronta disponibilità, applicazione contrattuale fantasiosa, programma di formazione senza ECM, sono situazioni che hanno messo a dura prova i lavoratori di ARPA Veneto.        &...

Maltempo: Coldiretti, è allarme gelate per ortaggi e frutta. Il freddo arriva dopo un inizio 2024 più caldo di sempre con +2,04 gradi

(ASI) Con il crollo delle temperature è allarme gelate nelle campagne italiane, dove lo sbalzo termico rischia di causare gravi danni agli alberi da frutto, in primis ciliegie, albicocche e pesche, ...

M5S: da Meloni bugie e omissioni su AGI, par condicio e carcere a giornalisti

(ASI) Roma - “Parlando della situazione della libertà di stampa in Italia, Giorgia Meloni ha inanellato una serie di falsità e di omissioni che non sono degni di un presidente ...

Rischio idrogeologico: Mazzetti (FI), "Gettiamo le basi per nuova strategia di contrasto"

Lunedì 22 aprile convegno dell'Intergruppo "Progetto Italia" al Palazzo delle Professioni a Prato (ASI) Prato  – C'è un prima e un dopo l'alluvione di novembre: adesso è il momento di una ...

 Elezioni in Basilicata, UNCEM: costruire legami tra territori e sostenere i comuni insieme. la montagna è strategica per affrontare crisi demografica e climatica

(ASI)"La Basilicata che va al voto e che sceglie il Presidente e il Consiglio regionale deve avere una attenzione specifica per montagna e piccoli Comuni. Deve cambiare verso nell'investire ...

Europa League. Roma Milan 2-1. Le parole dei due allenatori De Rossi e Pioli

(ASI) Un match di straordinaria intensità ed importanza ha promosso in semifinale la Roma, che ora spera di riprendersi ciò che le è stato sottratto lo scorso anno. A questo però ...

Pd: Domani a Catania terzo incontro 'Impresa Domani' su Innovazione

(ASI) Domani, sabato 20 aprile, a Catania presso Isola Catania (Piazza Cardinale Pappalardo, 23), si terrà "Innovazione, Tecnologie, Intelligenze", terzo appuntamento del ciclo di incontri "Impresa Domani", che il Pd dedica alle ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113