Cina. PMI manifatturiero torna in territorio espansivo, bene i servizi: riemerge fiducia globale nel Paese

(ASI) L'indice PMI manifatturiero cinese chiude a quota 50,8 punti a marzo, tornando in territorio espansivo dopo cinque mesi in contrazione. È questo il dato più importante emerso nell'ultimo giorno del mese in cui, come di consueto, il Dipartimento Nazionale di Statistica pubblica i dati relativi alle tendenze e agli orientamenti del mercato.

Il capo analista del Dipartimento Nazionale di Statistica Zhao Qinghe, citato da Xinhua, ha fatto sapere che nel mese di marzo ben 15 dei 21 settori manifatturieri presi in esame dall'indagine si sono posizionati in territorio espansivo, contro i 10 del mese precedente.

Dallo scorso ottobre, il PMI manifatturiero era rimasto al di sotto dei 50 punti, soglia ritenuta decisiva dagli analisti per stabilire se il comparto sia in territorio espansivo o contrattivo. Dalla fine del 2023, del resto, si era registrata una graduale risalita che lasciava ipotizzare un imminente ritorno in zona positiva, tuttavia rallentato dalla grande stagione vacanziera del Chunyun, che copre un periodo di 40 giorni, prima e dopo il Capodanno cinese, caduto il 10 febbraio scorso.

Notizie ancora più confortanti giungono dal PMI non-manifatturiero, che nel mese di marzo sale a 53 punti dai 51,4 di febbraio. In questo caso l'indice, che misura gli orientamenti del mercato per quanto riguarda i servizi e le costruzioni, mostra la prosecuzione di «una tendenza crescente evidenziata [...] nei mesi precedenti, confermando ulteriormente che le attività d'impresa nei settori non-manifatturieri cinesi hanno continuato a guadagnare slancio».

Nello specifico, il sotto-indice relativo ai servizi è cresciuto per il terzo mese consecutivo, passando dai 51 punti di febbraio ai 52,4 di marzo. Tra i settori più in salute spiccano «i servizi postali, le trasmissioni satellitari e la finanza, mentre il commercio all'ingrosso, il trasporto ferroviario e i servizi di noleggio hanno tutti registrato miglioramenti a vari livelli».

Il sotto-indice relativo alle costruzioni fa ancora meglio, salendo in un mese da 53,5 a 56,2 punti sulla spinta dell'accelerazione delle attività dopo la fine delle festività, tanto da proiettare le aspettative di settore a quota 59,2 punti a marzo, «mostrando la crescente fiducia delle imprese edili nei recenti sviluppi del settore».

Il pieno ritorno alle attività nel mese di marzo ha così fugato le ultime perplessità sulla capacità di ripresa del Dragone, emerse in particolare nella seconda metà del 2023, quando diversi analisti ed investitori internazionali avevano dubitato del reale stato di salute dell'economia cinese, preoccupati in particolare da alcuni timori.

Tra questi c'erano indubbiamente il potenziale effetto-domino del caso Evergrande sul settore immobiliare, la crescita del tasso di disoccupazione giovanile, l'inefficacia della riforma del mercato dei capitali e la minaccia degli Stati Uniti di imporre sanzioni secondarie alle banche straniere - tra cui anche alcune cinesi - operanti in Russia, un colpo ritenuto molto dannoso se sommato alle restrizioni già approvate nei confronti delle aziende tecnologiche del Paese di mezzo.

La Cina, tuttavia, non è più quella di venti o trent'anni fa e i suoi fondamentali hanno già mostrato nel corso degli ultimi cinque anni una notevole resilienza di fronte alle grandi crisi economiche e turbolenze geopolitiche che hanno caratterizzato questa prima parte della nuova decade, tra pandemia e guerre. La Casa Bianca, pur mantenendo ancora una posizione di predominio globale sul piano militare e finanziario, dovrà tenere conto di questa crescente tendenza e prenderne atto definitivamente senza intestardirsi nell'ossessione del primato a tutti i costi.

Le parole del primo ministro Li Qiang durante l'ultimo China Development Forum, svoltosi a Pechino una settimana fa, hanno rassicurato molti investitori esteri e osservatori internazionali in merito a temi particolarmente "caldi": il consolidamento della ripresa, l'approfondimento delle riforme in materia di apertura e accesso al mercato, il costante miglioramento dei servizi alle imprese.

Ulteriori garanzie sono giunte dall'incontro di quattro giorni fa tra il presidente Xi Jinping e i rappresentanti del mondo economico, strategico e accademico statunitense alla Grande Sala del Popolo di Pechino. «Le relazioni sino-statunitensi sono tra le più importanti relazioni bilaterali al mondo», ha sottolineato Xi, aggiungendo: «Il fatto che la Cina e gli Stati Uniti abbiano un rapporto cooperativo oppure conflittuale influisce sul benessere dei due popoli e sul futuro dell'umanità».

Il capo di Stato cinese ha anche ricordato la ricorrenza, quest'anno, del quarantacinquesimo anniversario dell'avvio ufficiale delle relazioni diplomatiche tra Pechino e Washington, iniziate dall'Amministrazione Carter nel gennaio 1979 sulla base del lavoro diplomatico svolto in precedenza da Richard Nixon e dal suo Segretario di Stato Henry Kissinger.

«L'economia cinese è stabile e sostenibile», ha subito precisato Xi, ricordando come lo scorso anno il tasso di crescita del PIL del colosso asiatico (+5,2%) sia stato uno dei più alti al mondo tra le principali potenze, contribuendo a quasi un terzo della crescita globale. «La Cina non è crollata, come previsto dalla 'teoria del crollo cinese', né ha raggiunto il suo picco, come previsto dalla 'teoria del picco cinese'», ha affermato Xi, rispondendo esplicitamente a quegli analisti che da molti anni strumentalizzano ogni problema o criticità congiunturale per diffondere la tesi di un'imminente crisi strutturale del Dragone.

«Continueremo a promuovere lo sviluppo di alta qualità e la modernizzazione cinese, a consentire al popolo cinese di vivere una vita migliore e a contribuire maggiormente allo sviluppo sostenibile nel mondo», ha spiegato Xi ai presenti, tra cui Evan Greenberg, presidente del Comitato Nazionale per le Relazioni USA-Cina, Stephen Schwarzman, presidente e CEO di Blackstone Group, Cristiano Amon, presidente e CEO di Qualcomm, Craig Allen, presidente del Business Council USA-Cina, e Graham Allison, preside della Harvard's John F. Kennedy School of Government, autore di Destined For War: Can America and China Escape Thucydides's Trap?, un testo uscito sette anni fa in cui spiega come poter uscire dalla cosiddetta "trappola di Tucidide", sottolineando che lo scontro tra le prime due potenze mondiali non è inevitabile.

 

Andrea Fais - Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

L’eroe irredento della Brigata Sassari: Guido Brunner

(ASI) – Padova. Il nuovo libro di Stefania Di Pasquale, fresco di stampa per i tipi di Ravizza Editore, ha il merito di ricostruire la biografia di Guido Brunner, il quale, ...

Digitale. Convegno al Senato sulla intelligenza artificiale in vista del provvedimento annunciato dal sottosegretario Butti in arrivo in Parlamento

(ASI) Si è svolta, presso la Sala "Caduti di Nassirya" del Senato della Repubblica, la conferenza dal titolo, "IA: Innovazione ed Etica nel Cuore della Rivoluzione Digitale", promossa dalla Senatrice Cinzia ...

Bonus studenti 2024: tutti gli aiuti previsti

(ASI) Nel 2024 sono dodici i bonus studenti attivi, dedicati a coloro che studiano. Sono le famiglie, degli studenti minori a dover fare richiesta, altrimenti, se gli studenti sono maggiorenni, possono ...

Festival del giornalismo, per Forza Nuova è il festival del pensiero unico

(ASI)"Forza Nuova e Lotta Studentesca di Perugia ha voluto salutare il Festival del Giornalismo di Perugia con un’azione politica in centro storico, nell’ultimo giorno della sua edizione.

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "La grande finanza di Soros che depredò l’Italia, finanzia politici che si accaniscono contro di me” 

(ASI) "La verità viene sempre a galla. In molte occasioni la deputata del Partito Democratico Rachele Scarpa si è accanita contro di me, con ipocrite strumentalizzazioni e petizioni di scarso ...

Tanti hanno costruito il loro futuro sul martirio: forse c'è speranza anche per i palestinesi

(ASI) La storia è disseminata di episodi che fanno riferimento diretto o indiretto al martirio, cioè alle persecuzioni subite da singole persone o da interi popoli, a causa di poteri religiosi ...

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Crediti d’imposta, Cataldi (commercialisti): “Strumento da migliorare, non eliminare”

(ASI) “La sospensione del credito di imposta per i beni strumentali nuovi 4.0 e quello per le attività di R&S, emersa dapprima con la pubblicazione del decreto “blocca agevolazioni” ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...