Jovan Palalić, il governo di centrodestra e il significativo cambiamento nella politica dei Balcani occidentali. Ruolo dell'Italia che i popoli balcanici stavano aspettando da molto tempo.
(ASI) Con l'elezione del nuovo governo italiano di centrodestra si è potuto osservare un cambiamento significativo nella politica dei Balcani occidentali. 
Questo è qualcosa che, ne sono certo, i popoli balcanici stavano aspettando da molto tempo.
Per il mio Paese, la Serbia, posso confermarlo senza alcun dubbio.
Nei momenti di grande tensione in Kosovo nel novembre 2022.
Nel 2010 gli unici due ministri europei venuti a Belgrado ea Pristina sono stati i ministri degli Esteri e della Difesa italiani, Antonio Tajani e Guido Crosetto.
L'incontro tra il presidente serbo Aleksandar Vučić e il primo ministro italiano Djordje Meloni a Tirana durante il vertice UE-Balcani occidentali ha aperto nuove prospettive per una cooperazione già molto sviluppata e amichevole.
La conferenza di Trieste nel gennaio di quest'anno ha dato un forte impulso a questa nuova politica balcanica dell'Italia, che ci ha svelato i principi sui quali l'Italia sta tornando politicamente ed economicamente nei Balcani.
Ho scritto più volte sui media serbi e italiani che questo è proprio il momento per l'Italia nei Balcani.
Sebbene molti paesi europei ed extraeuropei siano presenti da decenni in questa complicata ma strategicamente importante regione europea, il risultato delle loro azioni in termini di sicurezza, sviluppo e cooperazione dei paesi dei Balcani rimane discutibile.
La competizione reciproca per l'influenza di Cina, Russia, Turchia, Stati Uniti d'America e Germania non ha contribuito a una maggiore riconciliazione e comprensione dei popoli dei Balcani, né al loro maggiore sviluppo economico.
Le cause di una tale situazione nei Balcani sono, da un lato, l'allineamento parziale con alcuni paesi della regione in conflitti e controversie locali e, dall'altro, l'imposizione di un approccio di dominio nelle relazioni, piuttosto che il principio di cooperazione.
Dei paesi europei, la Francia è disinteressata e assente, e la Germania nelle sue azioni manifesta il suo vecchio approccio alla necessità di dominio e controllo.
Al convegno di Trieste, dal titolo molto emblematico: Italia e Balcani occidentali - integrazione e sviluppo.
nel discorso sia del presidente del Consiglio Meloni che del ministro Tajani si legge una diversa visione della regione, che l'Italia ovviamente conosce meglio di tutti gli attori sopra elencati del “gioco” balcanico.
In un simile approccio offerto dall'Italia non ci sono nazioni privilegiate e si cerca spazio di partenariato e di interessi comuni.
L'Italia promuove la necessità del dialogo e della comprensione, con una comprensione paziente della complessa politica regionale.
Annuncia nuovi investimenti, porta in regione il suo noto soft power "eccellenza italiana" che la gente capisce, rispetta e ama.
Svolge il ruolo di un onesto mediatore nel dialogo tra Belgrado e Pristina, che non batte il pugno sul tavolo come gli altri, ma ascolta con pazienza e cerca le opzioni migliori.
Inoltre, non racconta storie vuote, ma garantisce la pace con la più grande presenza militare nella missione militare internazionale in Kosovo.
L'approccio secondo cui l'integrazione della regione nell'Unione europea è necessaria il prima possibile senza condizioni rende questa politica italiana la più europea, soprattutto al momento della guerra nell'Europa orientale e dell'ingerenza di alcune potenze extraeuropee nelle questioni regionali.
La politica di lasciare questa regione al di fuori dell'Europa, condotta da anni da Berlino e Parigi, indebolisce l'Europa stessa in termini di sicurezza, politica ed economia in questo momento complesso.
L'Italia, come il vicino più prossimo dei Balcani, si sente meglio.
Tutte le nazioni balcaniche sono da secoli legate all'Italia, e tutte un tempo avevano Roma o Venezia come capitali.
Sì, questo è proprio il momento dell'Italia nei Balcani.
Che tutto questo non sia una storia vuota lo dimostra anche il fatto che il 21
A marzo si terrà a Belgrado un grande forum d'affari serbo-italiano.
I vertici dello stato serbo, dal presidente Vučić al governo, accoglieranno il vicepresidente Tajani, i ministri italiani e oltre 150 aziende italiane.
Questo grande incontro politico e commerciale di Serbia e Italia aprirà nuove prospettive di cooperazione nelle alte tecnologie, innovazioni, scienza, infrastrutture, energia verde e agricoltura.
Come secondo partner economico europeo della Serbia con uno scambio commerciale di oltre 4 miliardi di euro nel 2022.
, L'Italia nella città più importante e nello stato più grande della regione inizia la realizzazione pratica della sua politica balcanica.
L'attenzione di tutte le economie della regione sarà rivolta verso questo evento di Belgrado, e molte aziende dei paesi balcanici troveranno il modo di incontrare questa iniziativa italiana.
Non c'è nessuno nella regione dei Balcani occidentali che abbia detto qualcosa di negativo sulla presenza politica, culturale ed economica dell'Italia.
Nelle conversazioni con molti colleghi, sono riuscito a convincermene più di una volta.
Questo non si potrebbe dire per gli altri Paesi qui presenti da tempo, che in vari modi utilizzano impropriamente le incomprensioni balcaniche, per realizzare i propri interessi, senza tener conto della stabilità della regione.
Questo fatto da solo può essere un incentivo molto significativo per i politici italiani a prendere finalmente il posto che naturalmente gli spetta sulle rive di questa parte dell'Adriatico.
Il ruolo di un leader che promuove la cooperazione, lo sviluppo, il partenariato e il successo negli interessi comuni.
 
 
Jovan Palalić, Deputato al Parlamento della Serbia e presidente del gruppo parlamentare di amicizia di Serbia e Italia.
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Minacce israeliane all'Iran. Israele può permettersi il rischio di una risposta nucleare iraniana?

(ASI) Il Medio Oriente, oggi più che mai, appare come un territorio incandescente. Il primo aprile Israele con un attacco aereo ha colpito Damasco, distruggendo il consolato iraniano e ...

Continuano le polemiche sui libri di Roberto Vannacci. Sì ad un confronto civile, no alla intolleranza

(ASI) Bologna - Il 24 aprile 2024, alla vigilia della Festa della Liberazione del 25 aprile, al Centro Ca Nova di Medicina a Bologna è in programma la presentazione del secondo libro di Roberto ...

Università: Nasce il “Premio di Laurea di Iniziativa” nell'ambito del piano di assunzioni della società

(ASI) Il primo bando pilota parte in collaborazione con il Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni (DEMI) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Il bando rientra nelle attività ...

La Campania locomotiva del Mezzogiorno. Gianni Lepre (economista): “natalità e nuzialità leve economiche antiche ma efficaci”

(ASI) La regione Campania si conforme sempre di più locomotiva del Mezzogiorno e non solo per i dati macroeconomici, ma anche e soprattutto per l’andazzo sociale e produttivo diretto ...

Giovanni Gentile: a 80 dalla sua tragica fine verso l’infinito

(ASI) Firenze – Giovanni Gentile, non può che essere riconosciuto tra i massimi filosofi e pensatori che l’Italia abbia mai avuto. Il 15 aprile 1944, trovava morte a causa di un agguato ...

Dalle Filippine no all’imperialismo militare Usa

(ASI) Il presidente filippino Ferdinand Marcos ha dichiarato che gli Stati Uniti non avranno accesso ad altre basi militari filippine: “La risposta è no. Le Filippine non hanno in programma di ...

Energia, iWeek: SWG, il 51% degli italiani voterebbero “Sì” a un referendum sul nucleare. 

Sei cittadini su dieci a favore dell’implementazione delle nuove tecnologie nucleari in Italia. Il 65% considera un rimpianto l’aver rinunciato al nucleare  (ASI) Milano – Il&...

Testimoni di Geova, sulla sensibilizzazione alla lotta alla tossicodipendenza che coinvolge in tutto il mondo circa 300 milioni di persone, un numero di casi che sta aumentando vertiginosamente alle stelle. Il sito JW.ORG fornisce, a tal proposito, cont

 (ASI) Perugia - Intervento di Roberto Guidotti, portavoce dei Testimoni di Geova,  sulla sensibilizzazione alla lotta alla tossicodipendenza che coinvolge in tutto il mondo circa 300 milioni ...

Verso il Club delle Città Bilionarie: l'esperienza di Changzhou nello sviluppo delle nuove forze produttive di qualità

(ASI) Conosciuta come la Città del Dragone, Changzhou, centro di livello prefetturale da circa 5,2 milioni di abitanti, si trova nella provincia del Jiangsu, all'interno della regione deltizia del Fiume Azzurro, ...

Domani Schlein incontra la stampa estera

  (ASI) La segretaria del Partito democratico Elly Schlein incontrerà i corrispondenti della stampa estera domani, lunedì 15 aprile alle ore 10.30, presso la sede dell'Associazione della stampa estera (Via del Plebiscito, 102 – ...