×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Zyuganov: il neo-colonialismo della Nato minaccia anche la Russia

(ASI) Il segretario generale del Partito Comunista della Federazione Russa, Gennadj Zyuganov, tuona contro la coalizione atlantica impegnata in Libia e lancia un monito al popolo russo. Lo fa dalle pagine della Gazeta Pravda, erede "spirituale" dello storico quotidiano fondato nel 1912 e principale organo d'informazione del Partito.
Proprio in un articolo pubblicato lo scorso primo settembre, il leader politico russo ha ricordato come Tripoli sia ad oggi una città in preda a violenze e saccheggi, ribadendo la legittimità del governo della Gran Jamahryia di Gheddafi, come repubblica araba popolare e socialista, destabilizzata da gruppi di "ribelli" che stanno "ricevendo armi dall'estero", e sostegno proprio da quelle potenze della Nato che stanno bombardando senza riserve il Paese e che utilizzano questi personaggi come cavallo di Troia per la penetrazione interna, aggirando così la risoluzione Onu n.1973, che aveva un chiaro mandato limitato alla garanzia della sicurezza della popolazione libica.

In realtà, secondo Zyuganov, "in Libia, si sta  perfezionando una nuova tattica per rovesciare i governi indesiderabili  all’Occidente, con ampio uso di eserciti privati e di mercenari come ausiliari alla Nato". Il Paese di Gheddafi sarebbe dunque soltanto l'ultima vittima di una serie di aggressioni avviate dagli Stati Uniti e dalla Nato a partire dall'intervento del 1991 in Iraq, dando il via ad un vero e proprio "’intervento globale", proseguito con la distruzione della Serbia, con l'intervento in Afghanistan, con la nuova guerra all'Iraq, sino a ricomprendere le "rivolte “arancioni” in Georgia, Ucraina e Moldavia" e "passando anni a cercare di rovesciare il Presidente bielorusso Lukashenko", un intervento globale che ha saputo dunque mescolare hard-power e soft-power, interventi militari e ingerenze politiche, e che è "diventato possibile  dopo la distruzione dell’Unione Sovietica".

Proprio la guerra mediatica in atto contro Bashar al-Assad, sarebbe dunque l'evidenza della volontà di aggredire la Siria, ultimo baluardo mediorientale dell'ormai lontana stagione panarabista, dopo i crolli dell'Iraq di Saddam e della Libia di Gheddafi.
Un'"orgia neo-coloniale" che, se non avrà un immediato freno, ben presto coinvolgerà anche la Russia, in qualità di paese sconfinato detentore di molte tra le principali riserve di materie prime al mondo, ribadendo, dunque, quanto pericolosa per il governo Putin e per la presidenza Medvedev possa essere la collusione con gli aggressori.
Lanciando un monito al popolo per le prossime elezioni del 2012, Zyuganov ricorda infine come "solo un governo forte e patriottico, in grado di rilanciare l’industria, l’agricoltura,
l’istruzione, la scienza e la cultura, il nostro passato di potenza e il  ritorno delle nostre Forze Armate, può salvare la Russia dal ripetersi dello scenario libico delle rivoluzioni “colorate”".  

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Al Mef avviato tavolo tecnico su fisco e vigilanza calcio

(ASI) Al Ministero dell’economia e delle finanze si è tenuta oggi una riunione nel corso della quale il viceministro Maurizio Leo e il ministro per lo sport e i giovani ...

Regionali Lazio, Grassi (Tea Energia): con Rocca la vera svolta per il Lazio. D'Amato diffonde dati non reali

(ASI)“I dati che  sta diffondendo D’Amato circa i risultati raggiunti da questa giunta in questi anni non corrispondono alla realtà”, così in un’intervista a Radio Radicale ...

Disney e il monopolio del mercato cinematografico.

(ASI) Il colosso americano Disney sta creando un monopolio nel settore dell'intrattenimento e il bilancio recentemente diffuso testimonia la continua e costante crescita dell'impresa.

CulturaIdentità Genova: "Grave atto vandalico contro il Ricordo dei Martiri delle foibe e gli Esuli"

(ASI) Genova  – L’atto vandalico è avvenuto ieri nei giardini Cavagnaro a Genova-Staglieno, dove si erge la stele che ricorda i Martiri delle Foibe e gli Esuli di Istria e ...

Decreto "milleproroghe", Dehors liberi fino al 31 dicembre 2023. La soddisfazione di FAPI CESAC

(ASI) "Una buona notizia per gli imprenditori della ristorazione. Accogliamo con grande soddisfazione la proroga al 31 dicembre 2023 dei dehors liberi proposta dal Governo. Si tratta di una decisione di buon ...

Giorno del Ricordo, Ambrogio-Ravello-Viscione (FDI): “Inaccettabile che Eric Gobetti presenti libro revisionista al Comune di Grugliasco”

(ASI) “Abbiamo appreso con indignazione l’organizzazione di un convegno sul libro revisionista “E allora le Foibe” pubblicato da Eric Gobetti, personaggio fazioso e denigrante dell’eccidio dei nostri connazionali”.

Sanità, Csa-Cisal incontra l’assessore regionale Volo: “Stabilizzare i precari, non si disperdano competenze e professionalità”

(ASI) Palermo – “La sanità siciliana ha bisogno di investimenti e risorse umane e non può permettersi di disperdere le professionalità e le competenze di chi, durante l’emergenza Covid, ha ...

CIPESS, Morelli: approvato progetto definitivo Pedemontana, risultato storico

(ASI) Roma - “Il Cipess ha approvato il progetto definitivo della Pedemontana piemontese con gli aumenti dei costi legati al caro energia per il limite di spesa pari a 385 milioni”.&...

Vino, Malaguti (FDI): da Irlanda dichiarazione di guerra commerciale ai prodotti italiani

(ASI) “Dall’Irlanda arriva una chiara dichiarazione di guerra commerciale al vino italiano dopo il via libera all'etichetta con gli alert sanitari per gli alcolici. Siamo in presenza di una ...

Liliana Segre cittadina onoraria di Somma Vesuviana

(ASI)  Salvatore Di Sarno (sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano): "E' praticamente terminato l'iter per il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, testimone ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113