×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Iran: cosa sta accadendo?

(ASI) C’è maretta a Teheran ed una volta tanto ad agitare le acque non sembrano essere oscuri manovratori israeliani. Da qualche mese in Iran si registra un vero e proprio scontro al vertice che appare destinato a protrarsi ininterrottamente fino alla presidenziali del 2013 quando Ahmadinejad dovrà, per legge, passare la mano. L’uomo che ha riportato l’Iran sulla grande scena internazionale, che ha ridato lustro al program,ma nucleare del Paese e che si è posto alla guida della regione in contrasto con la politica razzista e guerrafondaia di Israele, sta lavorando per tirare la volata al suo delfino Rahim Mashaei, attuale capo dello staff presidenziale. L’Ayatollah Ali Khamenei e tutto il vertice religioso del paese islamico però preferirebbero un cambio di rotta ed un indebolimento di Ahmadinejad e della sua corte politica.

Agli occhi di Khamenei infatti il candidato alla presidenza ha il grave difetto di sognare un “islam senza clerici, proprio lui è l’ideatore e l’ispiratore dei messaggi di Ahmadinejad inerenti la messianicità dello sciismo, puntando apertamente a mettere in secondo piano il clero posizione a dir poco minacciosa per Khamenei ed i suoi.

I fondamentalisti da vari mesi accusano il Presidente in carica di aver messo in atto una strategia ad hoc per sminuire il potere religioso e minare così alle fondamenta la rivoluzione islamica di 30 anni fa. A complicare il quadro poi la particolare struttura giuridico-costituzionale del paese; la legge fondamentale dell’Iran ha infatti disegnato uno Stato organizzato tramite una struttura duale caratterizzata dalla coesistenza di organi a legittimazione religiosa  ed organi a legittimazione politica. In presenza di  orientamenti politici diversi, e perciò di tensione  tra  Guida suprema e Presidente della Repubblica, tra Parlamento, il Majles, e Consiglio dei Guardiani, il sistema non funziona più in modo lineare e  l'esito di questa coesistenza può essere il conflitto.

Ad onor di cronca va detto che Ahmadinejad ha più volte dato l’impressione di cercare lo scontro frontale con l’altra metà del potere non solo ha messo i suoi fedelissimi nei ministeri chiave, che poi sono quelli dove l’influenza religiosa si fa sentire maggiormente, ma a dicembre ha anche sostituito l’allora ministro degli Esteri Mottaki con Ali Akbar Salesi, già capo dell’agenzia per l’Agenzia atomica, mossa che ha mandato su tutte le furie le opposizioni, in particolare Ali Larijan, speaker del Parlamento nonché protagonista di vari negoziati riguardanti proprio il nucleare.

Lo scorso 17 aprile, stando a quanto riferito dai media atlantici e dalle opposizioni anti Ahmadinejad, proprio le pressioni presidenziali avrebbero indotto l’ex ministro per la Sicurezza nazionale Heydar Moshlei, uomo legatissimo a Khamenei a rassegnare le proprie dimissioni; in base all’articolo 110 della Costituzione però il clero ha respinto le dimissioni lasciando una situazione comunque esplosiva.

In questo difficile equilibri bisogna poi tenere conto dei Pasdaran, i guardiani della rivoluzione, che pur avendo fino ad ora ottenuto molti privilegi dall’ex sindaco di Teheran rimango legati a doppio filo al clero e difficilmente si schiererebbero contro Khamanei.

Ad aiutare in questa lotta di potere paradossalmente potrebbe essere proprio quell’occidente fortemente anti islamico. È infatti quanto mai probabile che l’effetto delle sanzioni decretate dal Consiglio di sicurezza e  di quelle unilaterali incideranno sulle prossime presidenziali con il clero che quasi certamente ne addosserà ogni responsabilità ad Ahmadinejad e ai suoi uomini per evitare una vittoria di Mashaei.

Negli ultimi mesi infatti scioperi e proteste davanti ai palazzi presidenziali hanno iniziato ad intensificarsi vedendo in prima fila operai in crisi a causa della difficile situazione economica.

Al potere del 2005 Ahmadinejad vorrebbe completare la sua opera riformatrice facendo dell’Iran non solo uno stato socialmente avanzato ed economica all’avanguardia ma anche rendendolo più laico, cosa che il clero ovviamente non può permettersi trovando in questo un prezioso alleato nell’occidente anti mussulmano che ha sempre visto Teheran con il fumo negli occhi a causa del suo essere uno stato confessionale.

Per il bene dell’Iran, e di tutta l’area vicino e mediorientale, non si può non sperare che alla fine prevalga la linea del presidente uscente.

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Benvenuti all’Hotel Abisso. L’Europa e il tramonto dell’Occidente

(ASI) Benvenuti all’Hotel Abisso: si chiama Europa. L’Europa è lo specchio del tramonto dell’Occidente. Tema logoro, merita un aggiornamento.

Caporalato, delegazione Pd a Latina domani con Schlein  

(ASI) Il Pd parteciperà oggi a Latina alle 17 alla manifestazione contro il caporalato. La delegazione, guidata dalla segretaria Elly Schlein sarà composta da Marta Bonafoni, Annalisa Corrado, Alfredo D'Attorre, ...

Pubblica Amministrazione, CGIA Mestre: pagamenti lumaca, in particolare al Sud.  A soffrire sono le PMI

(ASI) Tra acquisti, consumi, forniture, manutenzioni, formazione del personale e spese energetiche, nel 2023 lo Stato italiano ha sostenuto un costo complessivo di 122 miliardi di euro[1].

Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni si assiste ad un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri. È il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia. Chiediamo giustizia ...

Lorefice (M5S):Gela Commemora Salvatore Aldisio con il Patrocinio del Senato della Repubblica

(ASI) Sono lieto di annunciare che, in occasione della commemorazione per i 60 anni dalla scomparsa del nostro illustre concittadino, il Senatore Salvatore Aldisio, che si terrà a Gela il ...

Luca Iemmi eletto presidente FISM. Gli auguri del Ministro Giuseppe Valditara

(ASI) "Congratulazioni a Luca Iemmi per la sua elezione a Presidente FISM. A lui i miei più cari auguri di buon lavoro" Lo scrive su X il Ministro dell'Istruzione e ...

Giustizia, Gasparri: andremo avanti con riforma

(ASI) “Rattrista e infastidisce, ma non preoccupa l'atteggiamento dei Santalucia e dei vari correntocrati della magistratura e dell'Anm. Andremo avanti con la riforma.

GDF: Albano (FdI), auguri al Corpo per i 250 anni di storia gloriosa al servizio dell’Italia

(ASI) Roma – “In occasione del 250° anniversario della sua fondazione, porgo i miei più sentiti auguri alla Guardia di Finanza, una Forza militare dello Stato che si è distinta per dedizione, professionalità ...

Spazio. Colombo (FDI), l'Italia é in prima linea

(ASI) “Grazie al lavoro del Ministro Urso, l'Italia ha la sua prima legge quadro sulla Space economy, che porterà la Nazione in prima linea nel settore spaziale. Per il nostro ...

MES, M5S: per noi questione chiusa

(ASI) Roma - "La quesitone della riforma Mes per noi è chiusa. Lo scorso dicembre abbiamo già votato in parlamento contro la ratifica della riforma, che era stata originariamente pensata in ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113