pelini1(ASI) Si rende noto il report con le considerazioni frutto di una mia ricerca Citotossicologica in vitro sui derivati idrossiantracenici di Aloe ferox inviato ai Ministeri e alla commissione 14° del Senato che di fatto confermano quanto riportato nelle mie considerazioni esposte nella relazione tecnico scientifica.

Relazione che ho presentato alle situazioni sopra citate che smentisce che studi presi in considerazione dall'Europa che hanno portato all'eliminazione dei derivati idrossiantracenici perché considerati in genotossici e cancerogeni e conferma che se tali composti vengono presi all'interno del fitocomplesso non vi è alcun effetto tossico cancerogeno a livello della cellula, infatti come avevo stostenuto dall'inizio l'effetto Genotossico andava verificato sull'intero pool mnolecolare delle singole piante e non su silgole molecole che possono avere come si riscontra nel mio lavoro effetti ben diversi se estrapolate dal complesso di molecole dell'estratto!

Questo studio in vitro insieme agli altri studi in vivo saranno certamente risolutivi per scagionare le piante antrachinoniche come appunto l'aloe, la cascara, il rabarbaro e la senna dall'accusa di essere Genotossiche e Cancerogene è questa tecnica potrà anche essere utilizzata in futuro per altre specie vegetali che qualcuno vuole far passare per cancerogene vedi Lawsonia inermis (Hennè). 
Quando la scienza si dà da fare i risultati e la verità viene sempre fuori. 

Paolo Pelini
Erbochimico
Ricerca Farmacognostica, Citotossicologica degli Estratti di Piante Officinali e Ricerche sul Microbiota
 
 
 
 
 
* Nota  ASI precisa: la pubblicazione di un articolo in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o di chi ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.
 
 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.