×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Licenziamenti facili ? Il sindacato ritrova l'unità perduta

(ASI) L'Europa ha detto Si al piano del governo per il rilancio dell'Economia e competivita'! Logicamente, l'opposizione non si aspettava un epilogo di tal genere! Era gia' pronta a richiedere, cosa ormai non nuova! Le dimissioni del Premier

Invece, un organo “terzo” ed “imparziale” senza tanto per il sottile! Ha dato fiducia almeno per ora, al Governo! Spiazzando i denigratori non del Governo, ma dell'Italia stessa!!

Adesso non ci sono piu' scuse! Si lavori anche in sinergia con le forze sociali se capiscono il clou del tenore della lettera programma di Berlusconi ; altrimenti, il Governo dovra' andare avanti spedito ….. a suon di “voti di fiducia”!!

Promissio boni viri est obligatio! Dicevan i latini! il Presidente della Repubblica a questo punto non potra' trincerarsi su “sottigliezze costituzionali” adducendo la insussistenza dei requisiti di “necessita ed urgenza”!

Il problema dei licenziamenti “facili””

Non si è capita la vera “ratio” della proposta: in Italia è finito il tempo di salvaguardare chi ha il lavoro! Il sindacato è stato miope! non riesce a capire e stare al passo con i tempi! Volgiamo far lavorare i giovani!, vogliamo rendere competitive le aziende ed il lavoro!

Allora, dobbiamo renderci conto che non siamo isolati, ma in un contesto europeo, siamo in definitiva una regione degli “ Stati uniti d'Europa” anche se non completamente come dovrebbe essere e come era nelle migliori intenzioni dei nostri fondatori.

Licenziamento e scoppia l'inferno! Dopo la lettera che il premier ha presentato in Europa per salvare l'Italia dalla crisi, la sinistra e i sindacati sono tornati sul piede di guerra perché tra le misure c'è anche la possibilità per le aziende in crisi di procedere con i licenziamenti. Ma cerchiamo di essere “realisti” e vediamo cosa succede negli altri paesi europei!

In Francia esiste la possibilità di licenziare "per ragioni economiche", che implicano la soppressione o la trasformazione dell'attività, ma il datore di lavoro ha l'obbligo di proporre al lavoratore delle misure di riconversione e di riqualificazione professionale. Per quanto riguarda i licenziamenti collettivi, le imprese sono obbligate a predisporre un piano che attenui le conseguenze del licenziamento per i lavoratori coinvolti attraverso, per esempio, corsi di formazione o riduzione del tempo di lavoro. Un piano obbligatorio per imprese con più di 50 addetti.

Nella fortissima e “capofila” Germanaia si prevede la possibilità di licenziamento per motivi economici. Ma si devono rispettare alcuni criteri: tipo l'età e la possibilità di mantenimento. Il lavoratore, dal suo canto, ha diritto ad un risarcimento che oscilla tra le 12 e le 18 mensilità in base all'anzianità di servizio, inoltre può impugnare il provvedimento e continuare a lavorare mentre il giudice decide.

Il Governo socialista Zapatero in Spagna, ha modificato da poco la legge, e ha allargato il licenziamento per giusta causa a situazioni aziendali nelle quali si prevedono perdite "permanenti o anche temporanee congiunturali". L'introduzione delle nuove misure ha scatenato molte polemiche, anche perché il tasso di disoccupazione ha superato il 21%.

Ma veniamo al Regno Unito :anche qui si discute sulla riforma del mercato del lavoro. Il Governo sta lavorando alla possibilità di eliminare la disposizione che penalizza il "licenziamento senza giusta causa". In pratica il licenziamento sarebbe sempre possibile tranne i casi in cui nasconda discriminazioni di razza o di sesso. Attualmente la legge prevede la possibilità per il datore di lavoro di interrompere il rapporto per una giusta causa ma con un preavviso di tre mesi.

Quindi, direi ai nostri “sindacati”: invece di fare demagogia: aprite gli occhi e modernizzate la vostra “lotta di classe”: tutela per i giovani significa, “flessibilita” nel rapporto di lavoro e dall'altro, presenza forte di ammortizzatori sociali per le ipotesi di crisi.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...

Olimpiadi 2026, Cappelletti (M5S): si fermi capriccio pista bob e Salvini-Zaia chiedano scusa

(ASI) Roma. – “È ormai palese che non ci sono i tempi tecnici per realizzare il “budello del ghiaccio” a Cortina per i Giochi olimpici del 2026. Il governo metta fina a questa ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113