×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Il Satrapo e i suoi scherani

 Lettere in redazione, riceviamo e pubblichiamo. 
 Premessa, la Costituzione sancisce il diritto di espressione, ritenendo giusto il principio, non censuriamo le missiva elettroniche che ci arrivano in redazione e che ci chiedono la pubblicazione.        In ogni caso, precisiamo che la pubblicazione non comporta la condivisione dei contenuti della posta che pubblichiamo. Infatti, la responsabilità se l'assume direttamente l'estonsore della posta. 
 Pertanto la rubrica vuole solo far emergere dei sintomi e dei malumori che si vivono in città.  Il nostro spazio vuole fungere da megafono per aiutare a capire i problemi e con il buon senso di tutti, risolversli. E' rimuovere  civilmente le incompresioni che possono dividere le persone.  Il dialogo e saper ascoltare gli altri aiuta le persone oneste a  correggere gli errori.
                                                                                                        

                                                                                                                      Il Satrapo e i suoi scherani

Fino allo spirare del XIX secolo, in tutto il territorio nazionale il brigantaggio di strada la fece da padrone. La tecnica era abbastanza semplice: i ladroni, ben nascosti dietro alberi, vecchi muri o fossi, lungo le strade di transito percorse da viandanti solitari, carrozze o cavalieri, sbucavano all’improvviso e, spaventando, ferendo o uccidendo i malcapitati, li derubavano dei loro averi, spartendoseli con il loro Capo. Un esempio per tutti ci è dato dalla parabola evangelica del buon samaritano.  
V’era, tuttavia, la speranza che l’inatteso sopraggiungere degli uomini in divisa salvasse le vittime o evitasse, comunque, il peggio.
I tempi, direte Voi, per fortuna sono cambiati e i ladroni di strada non esistono più; o almeno, non dovrebbero!
E invece no! E’ vero che i tempi sono cambiati, ma i ladroni di strada e i loro capi esistono ancora; solo hanno subito una mutazione genetica.  Ed infatti i briganti di strada oggi hanno la divisa dei vigili o quella degli ausiliari del traffico, ma la tecnica dell’imboscata, finalizzata all’estorsione, all’esazione del “pizzo” ed alla spartizione del bottino con il Capo, è sempre la stessa.
Ogni giorno, lungo le strade della città, un esercito di piccoli, ma tenaci briganti di strada tende agguati agli automobilisti, sbucando dal nulla, come ectoplasmi famelici, facendo letteralmente strage di contravvenzioni in danno di inermi ed impotenti vittime alle quali è stata anche tolta la speranza dell’intervento dei salvatori in divisa!
Si è trattato, come si può notare, di una metamorfosi satanica nella quale il brigante si è trasformato nell’uomo in divisa e il Capo è diventato il Sindaco.
Nell’oriente antico il Grande Amministratore era il Satrapo e i suoi esattori, gli Scherani con i quali divideva il bottino.
E così il cerchio è chiuso e........vae victis!
E nessuno mi venga a dire che le cose vanno diversamente a Perugia ed in questa ultima Repubblica Sovietica che si chiama Regione Umbria!
Fulvio Carlo Maiorca - Avvocato

 


 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Giorgia Meloni alla convention di Vox: una visione per una nuova Europa

(ASI) Madrid ha ospitato "Europa Viva 24", una convention che ha radunato i rappresentanti dell'ultradestra europea, tra cui membri di gruppi conservatori (Ecr) e di Identità e Democrazia. L'evento, organizzato da ...

Perché non abbiamo capito nulla delle elezioni europee

(ASI) Padova -  Quello che la maggior parte della popolazione sa, è che nell’Unione Europea si svolgeranno dal 06 al 09 giugno le elezioni per il rinnovo del Parlamento. Il resto, ...

Ramona Castellino e Carla Peroni(Ancora Italia Roma): Senza una teoria rivoluzionaria, non può esserci un partito rivoluzionario

(ASI) "La Sezione romana di Ancora Italia rilancia il comunicato del nazionale:" Senza una teoria rivoluzionaria, non può esserci un partito rivoluzionario!

Il servilismo volontario

(ASI) «Gli uomini coraggiosi per conquistare il bene che desiderano non temono di affrontare il pericolo; la gente intraprendente non rifiuta la fatica. Invece gli uomini deboli e pressoché storditi ...

Amministrative di Gubbio: il sondaggio Winpoll di oggi dà al secondo posto Rocco Girlanda e vincente al ballottaggio contro la candidata delle sinistre

(ASI)  Manca poco alle elezioni amministrative a Gubbio. L’ultimo sondaggio realizzato da WinPoll registra una salita tra alcuni candidati del centrodestra come l'ex parlementare Rocco Girlanda ...

Chicco Forti. Filini,Rizzetto,Tozzi,Calovini,de Bertoldi (Fdi) il ritorno in Italia successo diplomatico Governo Meloni

(ASI) Dopo 25 anni vissuti in prigione negli USA, a causa di una complessa vicenda giudiziaria, Chicco Forti, ritorna in Italia per scontare la pena nel nostro Paese.

Giornata Api: Coldiretti, SOS Invasione miele dall’estero, +23% nel 2024

Alveare Italia in difficoltà anche per le anomalie climatiche, ma la direttiva breakfast porterà più trasparenza (ASI) "Nel 2024 sono aumentate del 23% le importazioni di miele straniero, mentre le anomalie climatiche, ...

FNC UGL Comunicazioni Catania al sit-in contro la privatizzazione di Poste Italiane

(ASI) La FNC UGL Comunicazioni di Catania ha partecipato oggi, di fronte la Prefettura di Palermo, al sit-in per esprimere il proprio dissenso verso la seconda tranche di privatizzazione ...

Congiuntura, Confindustria: Economia italiana in crescita, ma velocità diverse: bene i servizi, turismo record, male l'industria.

(ASI) Economia italiana in crescita, ma a velocità diverse: turismo record, bene servizi ed export netto, male l’industria. Aumenta ancora il lavoro, ma salgono anche le ore autorizzate ...

Pace, Ricci (PD): "Condivido l'Appello di Trieste del mondo cattolico. Ci impegna alla costruzione della pace, che passa dai territori"

(ASI) Roma - "Ho letto negli scorsi giorni l'appello sul tema della pace che numerose associazioni e sigle cattoliche hanno lanciato e rivolto da un lato per suscitare un doveroso ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113