Elezioni del presidente della Repubblica: avremo uno scacchista al Quirinale?
(ASI) Oggi sono iniziate  le votazioni per il nuovo Presidente della Repubblica. Un appuntamento politico che è quasi abituale ormai descrivere come "una partita a scacchi" tra i vari partiti in Parlamento.
Così viene spontanea la domanda: quanti e quali politici sono appassionati di scacchi? Ebbene, dalle notizie trapelate dalla cronaca e dalla storia della Repubblica, sembra che i nostri polItici preferiscano di gran lunga la "scacchiera" delle trame e degli accordi, che non quella a 64 caselle. Con poche eccezioni: sembra accertato che l'attuale premier (e da alcuni considerato probabile candidato al Quirinale) Mario Draghi, ami giocare a scacchi on line nei pochi momenti liberi. C'è chi parla di una passione scacchistica anche del Presidente uscente, Sergio Mattarella, ma non ci sono prove chiare.
In passato certamente conosceva bene il gioco Aldo Moro, tanto che lo insegnava al nipotino (come emerge da una delle lettere scritte durante la prigionia delle Brigate Rosse). Sicuramente appassionato di scacchi era il deputato radicale, e ancora prima giornalista, Gianluigi Melega, che in un libro racconta che il suo avversario prediletto era l'esponente del Pdup Lucio Magri. E racconta di una simultanea con Karpov a cui partecipò anche l'esponente Psi (ed ex sindaco di Milano) Aldo Aniasi. Ma, diceva Melega con tristezza: "Negli ultimi anni alla Camera la scacchiera è sparita, e nessuno gioca più". Andando molto indietro del tempo, buon giocatore era Giuseppe Mazzini.
Diverso il discorso all'estero, dove invece i politici scacchisti sono numerosi. In primo luogo nel mondo comunista, forse anche per influenza della tradizione russo-sovietica. Erano validi giocatori Lenin (famosa la foto di una sua partita con Gorkij), Tito, Fidel Castro e soprattutto Che Guevara, che dedicò molti dei suoi sforzi da ministro a Cuba a diffondere il gioco e organizzare tornei internazionali. Si dilettava di scacchi anche Winston Churchill, e buoni giocatori erano il Presidente egiziano Nasser, i leader israeliani Begin e Netanyahu, e il cancelliere tedesco Helmut Schmidt.
Non sono pochi poi gli scacchisti che hanno tentato, con alterne fortune, la carriera politica. Tra questi il grande Kasparov, che è diventato uno dei principali oppositori del Presidente Vladimir Putin. Poi c'è l'attuale direttore generale della Fide, Dana Reizniece-Ozola, Wgm, che è stata ministro dell'Economia e poi delle Finanze della sua Lettonia, e Il Grande Maestro Viktorija Čmilytė, ex moglie di Shirov, attualmente leader dell'opposizione in Lituania.
 
*Grazie al sito "unoscacchista" per alcune di queste informazioni).
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Calabresi, Gasparri: non dimentichiamo suo esempio ma nemmeno odio che aizzò gli assassini 

(ASI) “Cinquant’anni fa, gli estremisti rossi di Lotta Continua assassinavano il commissario Luigi Calabresi. Esempio di correttezza, uomo onesto, che ha sacrificato sé stesso per l’ordine e la ...

Alleanza per Israele: parole Albanese inaccettabili, dimissioni subito

(ASI) Roma - “Le parole di Francesca Albanese, nuova Relatrice ONU per i diritti umani nei Territori palestinesi, con le quali giustifica la violenza dei terroristi palestinesi contro Israele e ...

Disuguaglianze, Scalfi (Azione): atti concreti per risanare i divari nella società

(ASI) “Il Covid ha accentuato le disuguaglianze nel nostro Paese in particolar modo per donne, giovani e Meridione. Anni di disinvestimenti sociali e materiali, accentuati dalla pandemia, ci hanno lasciato ...

La strana ricchezza di Zelensky 

(ASI) La ricchezza del leader di un'Ucraina dilaniata dalla guerra ha attirato l'attenzione dei politici europei. I Paesi Bassi hanno espresso interesse per le origini dei capitali del presidente ...

Pakistan, attentato a Karachi: vittime

(ASI) Una donna è morta e altre 11 persone, tra cui tre poliziotti, sono rimaste ferite in un'esplosione nella città meridionale di Karachi, in Pakistan. La polizia della città pachistana ha comunicato ...

Omotransfobia. Pro Vita Famiglia: Emergenza è fake news, no indottrinamento scuole

(ASI) Roma -  «Gli ultimi dati Oscad riferiti al 2021, su un totale di 361 segnalazioni di matrice discriminatoria, parlano di 77 segnalazioni riguardanti l’omotransfobia, in netto calo rispetto agli anni ...

Diritto & Società Bilancio consuntivo condominiale. L'analisi è dell'avvocato Alessandro Di Dato nella rubrica Diritto & Società

(ASI) Diritto & Società Bilancio consuntivo condominiale. L'analisi è dell'avvocato Alessandro Di Dato nella rubrica Diritto & Società

Frosinone, incontro tra i dirigenti dell'Ospedale Spaziani e i sindacalisti di Confintesa Sanità Lazio

(ASI) Presso i locali della Direzione Sanitaria dell’Ospedale Spaziani di Frosinone si è svolto un incontro tra il Direttore Sanitario dei presidi ospedalieri di Frosinone ed Alatri, Dr Fabi ed ...

Continua la polemica sul Reddito di Cittadinanza. A Napoli e provincia una spesa pari all’intero nord Italia

(ASI) Continua senza sosta la polemica sul Reddito di Cittadinanza, una misura nata con le migliori intenzioni, ma poi finita con la solita ‘frittata all’italiana’. Analisti ed esperti sono ...

Nato, Turhia: “No di Ankara all’ingresso di Svezia e Finandia”

(ASI) La Turchia "non dirà sì" all'ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato. Lo ha detto, nelle ultime ore nella capitale, il leader di Ankara, Recep Tayyip Erdogan, in una ...