×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Mazzoleni mazzola il Napoli per la gioia della Juve.

La Juve si aggiudica la sua quinta Supercoppa italiana per 4 a 2.

(ASI) Una vera battaglia. E non sembrava una partita d’agosto visto l’agonismo e la grinta delle due squadre. Juve senza lo squalificato Conte e con Carrera debuttante a dirigere i giochi schiera il solito 3-5-2, con l’assolto Bonucci, Barzagli, l’ex Inter Lucio, Lichsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, l’ex Udinese Asamoah, Matri e il ritornato Giovinco. Modulo quasi speculari per Mazzarri con Cannavaro, Campagnaro, Britos, Zuniga, Inler, Hamsik al centro su Pirlo, il neo acquisto Beharami e davanti l’innarestabile Pandev con 7 goal in sei partite e il matador Cavani. Mazzoleni ad arbitrare, Tagliavento e Rizzoli come arbitri di porta, Begonzi come quarto uomo. Per la prima volta si vede un sestetto arbitrale per garantire più regolarità.

Partita equilibrata fino al decimo, poi sale in cattedra la Juve, con Giovinco pericoloso su assiste di Pirlo; poi Lichsteiner mette un cross non capitalizzato e al 13’ Matri viene atterrato, ma Mazzoleni non fischia. La Juve prova a forzare, ma il Napoli si difende bene anche grazie a un grintoso Cavani che va su ogni pallone. Il Napoli attende e cerca il primo errore bianconere che arriva al ’25 che trova la linea difensiva zebrata altissima, Cavani la brucia in velocità si fa tutta la metà area avversaria, prova il tiro, ma trova un pronto Buffon che respinge, Lucio prova a mettersi di mezzo, ma con scatto felino di punta Cavani ribatte in rete. La Juve accusa il colpo e un duetto Cavani-Pandev impegna Buffon. Ma la Juve è dura a morire e Vidal s’inventa un cross che da destra verso sinistra trova il mancino al volo dell’ottimo Asamoah che con la pioggia diventa un tiro imprendibile per De Sanctis. La Juve si rianima, ma il Napoli continua a pungere e sotto pressione Bonucci al ’41 tenta un sombrero, che Pandev sfrutta, si porta di fronte a Buffone e con un pallonetto lo beffa, per l’entusiasmo partenopeo. La Juve prova a reagire, ma finisce in svantaggio il primo tempo.

Conte-Carrera mette dentro Vucinic per Matri, ma il Napoli si fa pericoloso su una dormita di Bonucci, ma Vucinic replica colpendo una traversa nel contropiede che trova la mano provvidenziale di De Sanctis. La Juve attacca, il Napoli s’innervosisce e De Sanctis deve fare gli starordinari 54’ su punizione di Pirlo e Cannavaro ci mette una pezza dopo che Vucinic aveva scartato il portiere. Poco prima Cavani è poco generoso e non vede ancora Hamsik libero. Mazzarri teme un espulsione e toglie l’ammonito Cannavaro per Fernandez. Le incursioni di Giovinco mettono in difficoltà il Napoli e Mazzarri leva Hamsik per Gargano. Le mosse non pagano, perché al ’71 Vucinic cade in area per colpa di Fernandez e Mazzoleni con un attimo d’icnertezza concede un contestato rigore. Vidal alla battuta spiazza De Sanctis. Le due squadre mantengono la tensione, finché all’improvviso viene espulso al ’84 Pandev per un presunto insulto al guardalinee. La partita s’innervosisce, ma degenera al ’93 quando Zuniga entra male su Lichsteiner e viene ammonito per la seconda volta. Mazzarri esplode e viene espulso e il Napoli rimane in 9 per i supplementari.

La partita si stranisce e la Juve si culla la vittoria, con un asfissiante possesso palla prima costringe Maggio a fare una autogoal da punizione di Pirlo per anticipare Bonucci e poi Marchisio stoppa magistralmente e serve Vucinic per il ko finale. Il secondo tempo supplementare vede una Juve attenta e un Napoli orgoglioso e caparbio, ma impotente.

La Juve vince così la sua quinta supercoppa italiana, si rifà della sconfitta per 5 a 1 del 1990 e della finale di Coppa Italia persa a maggio, il Napoli indignato per la prima volta in una premiazione non si presenta a ritirare la medaglia d’argento. Buffon alza la coppa e la dedica a Conte e a chi teoricamente avrebbe potuto alzare ancora quella coppa: Alessandro Del Piero. E’ la prima volta senza il numero 10, un nuovo trofeo si aggiunge, ma dopo 19 anni non c’è più il suo apporto. E’ iniziato un nuovo capitolo della storia della Juve.

 

Daniele Corvi – Agenzia Stampa Italia

 

Ultimi articoli

ITA, Rampelli (VPC-FDI): Se Draghi chiude accordo prima del voto, significa che c'e' un accordo inconfessabile

(ASI)"Il trasporto aereo di una nazione che gioca la sua economia sul marchio italiano, turismo, beni culturali, manifattura, enogastronomia, Made in Italy, è questione strategica e non può essere ipotecata ...

Lanzi e Croatti(M5S): "Parlamentarie, record partecipazione: M5S più vivo che mai"

(ASI) "La consultazione di ieri ha visto la partecipazione di 50.014 iscritti: il dato più alto di sempre per quanto riguarda la scelta delle liste politiche.

Maltempo: Coldiretti, gravi danni alle campagne

(ASI) Il maltempo con trombe d’aria, nubifragi, grandinate e precipitazioni violente si è abbattuto a macchia di leopardo su città e campagne distruggendo interi raccolti, di frutta e verdura, vigneti, ...

PNRR, Mollicone (Fdi) A Calenda: “Se PNRR rischia a dicembre colpa incapacitá Governo dei sedicenti “Migliori”, lasciano 434 decreti attuativi da emanare. Ci penserá il Governo di Centrodestra"

(ASI) “Segnalo a Carlo Calenda che se la rata di dicembre del PNRR è a rischio, non è certo a causa della destra, ma dell'incapacità del governo dei sedicenti migliori che non ...

Brambilla, Unione Cattolica: "Autunno caldo e inverno freddo" 

(ASI) Roma - "Questi sono i numeri del nostro Paese: il debito pubblico è salito nel mese di giugno a 2.766 miliardi di euro (dati Banca d'Italia), con un aumento di 11,2 miliardi ...

Flat Tax, Bitonci e Gusmeroli (Lega): Basta disinformazione della sinistra che non conosce la materia

(ASI) Roma – “Sulla flat tax leggiamo un sacco di bugie della sinistra. Sanno di perdere e si arrampicano sugli specchi, ma cosi non fanno il bene dell’Italia. Il nostro è ...

Diritto di Società: Il recupero crediti (A cura dell'avvocato Alesandro Di Dato)

Diritto di Società: Il recupero crediti (A cura dell'avvocato Alesandro Di Dato)

Istituto Friedman: preoccupazione per democrazia e stato di diritto in Moldova

(ASI) Roma - "Ultimamente seguiamo con preoccupazione lo sviluppo dello Stato di diritto nella Repubblica di Moldova, Stato che ha recentemente ottenuto lo status di candidato all'integrazione nell'Unione europea.

Il Fronte Comunista:  solidarietà ai lavoratori Eurospin della Regione Umbria

(ASI) Umbria - "Durante la crisi pandemica, la grande distribuzione organizzata ha continuato ad operare ininterrottamente per garantire alla popolazione l’accesso ai beni di prima necessità.

Crimea, esplode deposito munizioni. Russia: “È sabotaggio”

(ASI) A parere di Mosca si è trattato di un “sabotggio”. Non si placa la tensione in Ucraina, dove proseguono le ostilità. Un incendio, che ha causato l'esplosione di munizioni, è divampato ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113