Quella provinciale chiamata Juventus che annaspa nella mediocrità a metà classifica

veronavsjuve(ASI) Che tristezza. Che tristezza vedere giocare così male la Juventus. Ne soffre metà Italia ma gioisce l’altra metà.  La vecchia signora che non ha più nulla del vecchio splendore, lottae perde come una qualsiasi provinciale, e per due volte di seguito viene sconfitta da due provinciali vere, Sassuolo e Verona.

Non due sconfitte qualsiasi, due lezioni di calcio. Il gioco, la forza, la classe, lo spettacolo, che erano prerogative quasi esclusive delle grandi, come, appunto, la Juventus, oggi ce l’hanno le piccole come Sassuolo, Verona e Atalanta. Una rivoluzione, l’effetto del lockdown, certamente, come dice il presidente della società bianconera Andrea Agnelli, ha inciso molto sui conti ed ora bisogna confrontarsi con i bilanci in rosso, vendendo i migliori esperando nel sostegno dello Stato.

Uno come Cristiano Ronaldo, che era quello che faceva i gol e faceva vincere, consentendo di nascondere le magagne,la Juventus non se lo può più permettere, così come l’Inter a strapagare Lukaku. E allora se mancano le stelle i risultati stentano ad arrivare e lo spettacolo, e la classifica, soffrono. La Juventus ha un solo autentico fuoriclasse,Paulo Dybala, gli altri sono solo bravi, ma niente di più, e qualcuno, addirittura, non mi sembra nemmeno da Juventus. Questo passa il convento. Ora se ne è reso conto, e lo ha capito, anche Massimiliano Allegri che al “Bentegodi” è stato tutto il tempo, al limitare della sua area, a spronare, sostenere, incoraggiare, un gruppo chiaramente in affanno, che annaspava nella sua mediocrità, sovrastato fisicamente e tatticamenteda quelli che non vengono considerati campioni solo perché i loro compensi sono modesti, ma lì sul campo hanno la visione, i tempi, il passo delle stelle strapagate. Vedere Barak e soprattutto Caprari disegnare schemi, proporre azioniin verticale, veloci, ficcanti a squarciare la difesa bianconera, presidiata ancora dagli ultimi, generosi sforzi di Chiellini, è uno spettacolo.

E vedere Giovanni Simeoneche manda il pallone all’incrocio dei pali con una semplicità e naturalezza come pochi, anche questo è spettacolo.È il capolavoro di un ex, Igor Tudor, vice allenatore di Andrea Pirlo, subentrato a Eusebio Di Francesco,alla guida della squadra veronese, ultima dopo tre sconfitte consecutive ed ora a pari punti con la Juventus e il migliore attacco con 21 gol in 8 gare. Per i tifosi juventini la vetta, per sperare nella vittoria del campionato,ormai è troppo lontana, fuori dalla portata del binocolo di Allegri.C’è però il cammino in Europa ed è già tanto. In attesa di tempi migliori.

Fortunato Vinci – www.lidealiberale.com – Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Minacce israeliane all'Iran. Israele può permettersi il rischio di una risposta nucleare iraniana?

(ASI) Il Medio Oriente, oggi più che mai, appare come un territorio incandescente. Il primo aprile Israele con un attacco aereo ha colpito Damasco, distruggendo il consolato iraniano e ...

Continuano le polemiche sui libri di Roberto Vannacci. Sì ad un confronto civile, no alla intolleranza

(ASI) Bologna - Il 24 aprile 2024, alla vigilia della Festa della Liberazione del 25 aprile, al Centro Ca Nova di Medicina a Bologna è in programma la presentazione del secondo libro di Roberto ...

Università: Nasce il “Premio di Laurea di Iniziativa” nell'ambito del piano di assunzioni della società

(ASI) Il primo bando pilota parte in collaborazione con il Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni (DEMI) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Il bando rientra nelle attività ...

La Campania locomotiva del Mezzogiorno. Gianni Lepre (economista): “natalità e nuzialità leve economiche antiche ma efficaci”

(ASI) La regione Campania si conforme sempre di più locomotiva del Mezzogiorno e non solo per i dati macroeconomici, ma anche e soprattutto per l’andazzo sociale e produttivo diretto ...

Giovanni Gentile: a 80 dalla sua tragica fine verso l’infinito

(ASI) Firenze – Giovanni Gentile, non può che essere riconosciuto tra i massimi filosofi e pensatori che l’Italia abbia mai avuto. Il 15 aprile 1944, trovava morte a causa di un agguato ...

Dalle Filippine no all’imperialismo militare Usa

(ASI) Il presidente filippino Ferdinand Marcos ha dichiarato che gli Stati Uniti non avranno accesso ad altre basi militari filippine: “La risposta è no. Le Filippine non hanno in programma di ...

Energia, iWeek: SWG, il 51% degli italiani voterebbero “Sì” a un referendum sul nucleare. 

Sei cittadini su dieci a favore dell’implementazione delle nuove tecnologie nucleari in Italia. Il 65% considera un rimpianto l’aver rinunciato al nucleare  (ASI) Milano – Il&...

Testimoni di Geova, sulla sensibilizzazione alla lotta alla tossicodipendenza che coinvolge in tutto il mondo circa 300 milioni di persone, un numero di casi che sta aumentando vertiginosamente alle stelle. Il sito JW.ORG fornisce, a tal proposito, cont

 (ASI) Perugia - Intervento di Roberto Guidotti, portavoce dei Testimoni di Geova,  sulla sensibilizzazione alla lotta alla tossicodipendenza che coinvolge in tutto il mondo circa 300 milioni ...

Verso il Club delle Città Bilionarie: l'esperienza di Changzhou nello sviluppo delle nuove forze produttive di qualità

(ASI) Conosciuta come la Città del Dragone, Changzhou, centro di livello prefetturale da circa 5,2 milioni di abitanti, si trova nella provincia del Jiangsu, all'interno della regione deltizia del Fiume Azzurro, ...

Domani Schlein incontra la stampa estera

  (ASI) La segretaria del Partito democratico Elly Schlein incontrerà i corrispondenti della stampa estera domani, lunedì 15 aprile alle ore 10.30, presso la sede dell'Associazione della stampa estera (Via del Plebiscito, 102 – ...