Meritata vittoria della Lazio. Juve, non tornano i conti.

laziovsjuve copy copy copy(ASI) La Juve di Ronaldo, Dybala e Higuain non dovrebbe avere rivali in Italia. Una rosa sulla carta che ha due formazioni invidiabili nel mondo.

Eppure a dicembre, dopo una serie di brutte partite risolte dai soliti solisti, la Juve è a – 2 dall’inter di Conte e tallonata a 3 punti da quella Lazio che ha mostrato i limiti di questa squadra. -7 punti rispetto all’anno scorso, Allegri sempre più rimpianto, Paratici che è la controfigura di Marotta. La Juve non convince, non gioca bene e ha perso quella voglia di dominare senza tregua.

Partiamo da lontano e dal mercato. Questa estate è stato tutto confuso e caotico. Paratici prende Rabiot con uno stipendio da 7 milioni, il secondo dopo Ronaldo, e Ramsey a parametro zero. Due giocatori blasonati che dovevano far fare il salto di qualità, ma il primo è un oggetto misterioso e inaffidabile, il secondo è quasi sempre infortunato. Spendono quasi 70 milioni per De Ligt, giocatore di prospettiva, ma che ha mostrato diversi limiti di impostazione ed errori di marcatura notevoli; è poi tornato Buffon, forse più per i record che per altro e che ha mostrato con il Sassuolo di non essere più il campione che fu, danno via il funambolico Cancelo e arriva l’impalpabile Danilo e l’inutilizzato Demiral. Paratici cerca di disfarsi di Dybala e Higuain, che sono gli unici che stanno tenendo a galla la squadra e Madzukic che sta in tribuna fisso. Ci si aggrappa alle certezze Chiellini e Khedira che si infortunano gravemente, al riscatto di Douglas Costa, alle prese sempre con i soliti problemi muscolari. Si inasprisce il rapporto con Emre Can, escluso dalla lista Champion, ma ogni volta autore di prestazioni insufficienti.

E poi c’è il grande rebus: Sarri. Chiamato per il bel gioco, addirittura per vincere la Champion, ma i risultati sono inferiori ad Allegri e Conte. Sembra una squadra costruita per vincere e invece presenta lacune in difesa, problemi a centrocampo e con un Ronaldo in crisi di identità. Supponenza? Ambientamento di Sarri? Stufi di vincere dopo 7 anni? Sarri forse passerà alla storia per avere interrotto un ciclo vincente, lasciando lo scettro a quel Conte che ha costruito qualcosa di unico alla Juve e che sta facendo lo stesso all’Inter?

La situazione non è tragica, ma è doveroso intervenire, forse anche nel mercato. Manca un terzino sinistro per far fiatare Alex Sandro e anche Cuadrado spostato in difesa si dimostra inaffidabile (Lazio docet). Il trequartista con Bernardeschi sempre mediocre e Ramsey discontinuo non convince. Forse sarebbe più opportuno un 4-4-2 con in mezzo Pjanic e Bentancur e sui lati Cuadrado e Matuidi, con un acquisto di due difensori e un centrocampista, cedendo Emre Can? O quel 3-5-2 di Contiana memoria potrebbe dare più solidità e dinamismo? Bonucci, De Ligt e uno tra Rugani e Demiral, Cuadrado e Douglas Costa sulle fasce o anche Bernardeschi e Danilo, potrebbero dare più slancio alle punte?

In questa strana e a tratti preoccupante Juve c’è una sola certezza: i conti non tornato.  Bisognerà cambiare qualcosa se non si vuole veder Antonio Conte festeggiare l’inizio del suo nuovo ciclo all’Inter con Marotta. Un 3 a 1 contro l’Inter segnò la prima sconfitta di Conte in campionato nel suo secondo campionato. Quella batosta diede uno scossone alla squadra, sembrata un po’ paga del successo del primo anno. Questo primo stop di Sarri con un giusto 3 a 1 della Lazio segnerà quella svolta verso una sana critica che porterà la Juve ai suoi potenziali veri livelli? Al campo l’ardua sentenza.

Ultimi articoli

ITA, Rampelli (VPC-FDI): Se Draghi chiude accordo prima del voto, significa che c'e' un accordo inconfessabile

(ASI)"Il trasporto aereo di una nazione che gioca la sua economia sul marchio italiano, turismo, beni culturali, manifattura, enogastronomia, Made in Italy, è questione strategica e non può essere ipotecata ...

Lanzi e Croatti(M5S): "Parlamentarie, record partecipazione: M5S più vivo che mai"

(ASI) "La consultazione di ieri ha visto la partecipazione di 50.014 iscritti: il dato più alto di sempre per quanto riguarda la scelta delle liste politiche.

Maltempo: Coldiretti, gravi danni alle campagne

(ASI) Il maltempo con trombe d’aria, nubifragi, grandinate e precipitazioni violente si è abbattuto a macchia di leopardo su città e campagne distruggendo interi raccolti, di frutta e verdura, vigneti, ...

PNRR, Mollicone (Fdi) A Calenda: “Se PNRR rischia a dicembre colpa incapacitá Governo dei sedicenti “Migliori”, lasciano 434 decreti attuativi da emanare. Ci penserá il Governo di Centrodestra"

(ASI) “Segnalo a Carlo Calenda che se la rata di dicembre del PNRR è a rischio, non è certo a causa della destra, ma dell'incapacità del governo dei sedicenti migliori che non ...

Brambilla, Unione Cattolica: "Autunno caldo e inverno freddo" 

(ASI) Roma - "Questi sono i numeri del nostro Paese: il debito pubblico è salito nel mese di giugno a 2.766 miliardi di euro (dati Banca d'Italia), con un aumento di 11,2 miliardi ...

Flat Tax, Bitonci e Gusmeroli (Lega): Basta disinformazione della sinistra che non conosce la materia

(ASI) Roma – “Sulla flat tax leggiamo un sacco di bugie della sinistra. Sanno di perdere e si arrampicano sugli specchi, ma cosi non fanno il bene dell’Italia. Il nostro è ...

Diritto di Società: Il recupero crediti (A cura dell'avvocato Alesandro Di Dato)

Diritto di Società: Il recupero crediti (A cura dell'avvocato Alesandro Di Dato)

Istituto Friedman: preoccupazione per democrazia e stato di diritto in Moldova

(ASI) Roma - "Ultimamente seguiamo con preoccupazione lo sviluppo dello Stato di diritto nella Repubblica di Moldova, Stato che ha recentemente ottenuto lo status di candidato all'integrazione nell'Unione europea.

Il Fronte Comunista:  solidarietà ai lavoratori Eurospin della Regione Umbria

(ASI) Umbria - "Durante la crisi pandemica, la grande distribuzione organizzata ha continuato ad operare ininterrottamente per garantire alla popolazione l’accesso ai beni di prima necessità.

Crimea, esplode deposito munizioni. Russia: “È sabotaggio”

(ASI) A parere di Mosca si è trattato di un “sabotggio”. Non si placa la tensione in Ucraina, dove proseguono le ostilità. Un incendio, che ha causato l'esplosione di munizioni, è divampato ...