Cina. Rinvigorire l'economia, linee-guida per 2024 ripartono da luci ed ombre di quest'anno

xi jinping 2399584k(ASI) Tra l'11 e il 12 dicembre scorsi si è svolta a Pechino la Conferenza Centrale sul Lavoro Economico, il consueto appuntamento che tratteggia il bilancio dell'anno che sta per concludersi e presenta le linee-guida di politica economica del governo per l'anno venturo.

Durante il dibattito, sotto l'egida di Xi Jinping e degli altri sei membri del Comitato Permanente del Politburo, è emerso come nel corso del 2023 l'economia del colosso asiatico si sia ripresa piuttosto bene dopo essersi messa alle spalle le fasi più critiche della pandemia, iniettando nuova linfa allo «sviluppo di alta qualità», vero e proprio paradigma della crescita cinese nella fase di nuova normalità avviata nel corso dell'ultimo decennio.

Nonostante alcuni fattori di preoccupazione osservati tra il secondo e il terzo trimestre - come il tasso di disoccupazione giovanile, la persistente incertezza legata alla situazione finanziaria di alcuni grandi operatori immobiliari ed una più debole domanda estera - lo scorso novembre il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita, fissandole al 5,4% per quest'anno (rispetto al 5% stimato ad ottobre) e al 4,6% per il prossimo anno (rispetto al 4,2% stimato ad ottobre), con un particolare apprezzamento per l'attenzione che Pechino ha riservato alle misure di aggiustamento del mercato immobiliare e ai rischi connessi al debito pubblico locale e alle piccole e medie banche [E. Cheng, CNBC 7/11/2023].

«Per rinvigorire ulteriormente l'economia, la Cina deve ancora superare alcune difficoltà e sfide, tra cui la mancanza di una domanda efficace, la sovrapproduzione in alcuni settori, flebili aspettative sociali, determinati rischi e problemi nascosti, colli di bottiglia nella circolazione interna, ma anche le crescenti complessità, severità ed incertezze dell'ambiente esterno», è stato osservato durante la due-giorni [Xinhua, 12/12/2023].

Le esigenze nell'ambito della pianificazione del lavoro di riforma nel 2024 riguardando dunque molteplici aspetti. Dall'incontro è giunta la richiesta al governo di compiere maggiori sforzi per perseguire il progresso garantendo la stabilità, consolidare la stabilità attraverso il progresso e definire con precisione il «nuovo» prima di eliminare il «vecchio».

È stata inoltre sollecitata l'introduzione di politiche aggiuntive che contribuiscano a stabilizzare le attese, la crescita e l'occupazione, oltre ad impegni concreti sia per promuovere la transizione dei modelli di crescita, l'aggiustamento strutturale ed il miglioramento della qualità e dell'efficienza sia per consolidare le fondamenta di uno sviluppo economico stabile con prospettive positive.

«Il Paese dovrebbe consolidare gli aggiustamenti anticiclici ed interciclici delle politiche macro, nonché continuare ad applicare una politica fiscale proattiva ed una politica monetaria prudente, contemplando più forti meccanismi di innovazione e coordinamento degli strumenti politici», si legge ancora nella nota diffusa al termine della Conferenza.  

Più nel dettaglio, i funzionari hanno chiesto di: ampliare ragionevolmente la portata dei titoli speciali emessi dai governi locali come fondi di capitale; adottare nuove politiche di riduzione strutturale di tasse e imposte; supportare anzitutto l'innovazione scientifico-tecnologica e lo sviluppo del settore manifatturiero. L'accento è stato posto anche sugli sforzi mirati a preservare una «liquidità ragionevole e sufficiente», a mantenere l'ampiezza del finanziamento sociale e l'offerta monetaria in linea con gli obiettivi attesi di crescita e i livelli di prezzo.

Gli istituti di credito dovrebbero dunque essere stimolati ad aumentare il sostegno all'innovazione scientifico-tecnologica, alla transizione verde, alla finanza inclusiva per le micro e piccole imprese e all'economia digitale. Al contempo, l'esecutivo dovrebbe adottare misure per corroborare la coerenza dell'orientamento di politica macroeconomica, per rinforzare il coordinamento nelle politiche fiscali, monetarie, occupazionali, industriali, regionali, scientifico-tecnologiche ed ambientali, nonché per includere le politiche non-economiche nella valutazione della coerenza di politica macroeconomica al fine di garantire che le decisioni assunte siano sinergiche.

Nello specifico sono nove le aree su cui viene ritenuto essenziale intervenire nel corso del prossimo anno: l'innovazione scientifico-tecnologica, che dovrà trainare lo sviluppo di un sistema industriale al passo coi tempi; l'espansione della domanda interna; l'approfondimento delle riforme negli ambiti fondamentali; l'incremento dell'apertura di alto livello; la prevenzione e il disinnesco in modo costante ed efficace dei rischi presenti negli ambiti fondamentali; l'agricoltura e le aree rurali; lo sviluppo integrato tra aree urbane ed aree rurali e lo sviluppo coordinato tra regioni; l'avanzamento nei programmi di conservazione ecologica e promozione dello sviluppo verde e a basso contenuto carbonico; la garanzia ed il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione.

 

Andrea Fais - Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

L'impresa di fare Impresa: l'educazione finanziaria. A cura di Maddalena Auriemma

L'impresa di fare Impresa: l'educazione finanziaria. A cura di Maddalena Auriemma

Strage Suviana, Barzotti (M5S): subito una riforma seria su appalti e subappalti

(ASI) Roma - “Nei primi due mesi del 2024, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, sono cresciute sia le denunce di infortunio (+7,2%) sia le morti (+19%). Sono numeri da insicurezza sul ...

 Ecommerce: +27% durante lo scorso anno

Presentato il report annuale di Casaleggio Associati sull’Ecommerce in Italia dal titolo “AI-Commerce: le frontiere dell'Ecommerce con l'Intelligenza Artificiale”                    &...

Dl Pnrr4. Bucalo (FdI): bene emendamento assunzione nei ruoli docenti di sostegno da I fascia GPS

(ASI) "Ancora una volta il governo Meloni è attento alle esigenze del mondo della scuola, e nello specifico al settore sostegno. Da molti anni, infatti, nonostante le immissioni in ruolo derivanti ...

UE, Beghin (M5S): eurodeputati a libro paga di stati stranieri vanno espulsi

(ASI) “Prima il Qatargate adesso il Russiagate. Le Istituzioni europee si scoprono vulnerabili davanti ai tanti, troppi, tentativi di influenza dei Paesi stranieri.

Difesa, Gasparri: audizione Figliuolo ha confermato qualità dei nostri reparti

(ASI) “Grazie alle nostre Forze Armate impegnate su tanti fronti internazionali. L’audizione del generale Figliuolo nelle commissioni Difesa di Senato e Camera ha confermato la qualità e la rilevante ...

"Gianluca, storia di un malandrino"

(ASI) Successo di pubblico e di critica ha riscossodirettore la presentazione del fumetto "Storia di un Malandrino" (Guida Editori) scritto dai Docenti A. Gryllos, L. Palumbo, M. R. Spalice, che ...

Sottosegretario Prisco: Anniversario della Polizia di Stato, occasione per ringraziare

(ASI) Perugia -  “Desidero cogliere questa occasione dell’anniversario della fondazione della Polizia di Stato, che ho voluto celebrare qui, nella mia città, per ringraziare tutti gli appartenenti a ...

Brasile lancia programma federale per arginare la deforestazione dell’Amazzonia

(ASI) Il presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, ha lanciato il nuovo programma “Unione dei Comuni per la Riduzione della Deforestazione e degli Incendi Forestali in Amazzonia”; ...

Innovazione: nasce l'intergruppo parlamentare per il digitale

(ASI) Si è svolta presso la Camera dei Deputati, la conferenza stampa dal titolo "Parlamento: Digitale e tecnologia", in cui è stato presentato il Gruppo Interparlamentare per il digitale.