(ASI) Prima c’erano tante mezzecalzette, insofferenti, perché Mario Draghi non diceva quello che voleva fare, cioè se stare a palazzo Chigi o ambire al Quirinale, ed ora che non lo ha detto ma lo ha fatto chiaramente capire che è disponibile per salire al Colle, adesso c’è il panico. I primi ad essere tarantolati dalla notizia,naturalmente, sono state le truppe, sempre più risicate, al servizio di Silvio Berlusconi.

Le dichiarazioni che hanno fatto sono state penose, nel goffo e patetico tentativo di spiegare come e perché Mario Draghi sia, invece, molto più utile, anzi indispensabile, alla guida del governo, con ciò sperando, fino all’ultimo, di lasciare il posto libero al Quirinale al loro datore di lavoro. All’unisono hanno detto che è indispensabile che rimanga a palazzo Chigi. Ma è un’ipotesi, come ho motivato nei giorni scorsi,di terzo grado, cioè impossibile. Stare un anno, senza la protezione di Sergio Mattarella, in balia dei Salvini e dei Renzi, dei Conti e dei Letta, con la minaccia della crisi ad ogni momento, è una torturache non si augura nemmeno ai peggiori nemici. E poi per fare cosa? Per essere messo alla porta nella primavera del 2023, appena finite le votazioni, come peraltro è giusto che sia, per lasciare la guida del governo ai vincitori delle elezioni. No, questa di rimanere al governo per un altro anno è da escludere in maniera categorica. O al Quirinale o a Città della Pieve, il titolo che ho scritto qualche settimana fa, è sempre valido ed èsempre di stretta attualità. Le sue dimissioni, se non dovesse essere eletto al Colle, sono scontate, ma non per fare un dispetto. Sonodoverose, oltre che politicamente corrette, perché Mario Draghi è stato un presidente del Consiglio giunto a palazzo Chigi con una procedura quantomeno anomala, voluto, imposto ai partiti, da Sergio Mattarella, e la maggioranza che lo ha finora sostenuto è stata creata, sull’onda dell’emergenza, dal capo dello Stato. Se al Quirinale dovesse andare qualsiasi altra persona, le dimissioni di Draghi sono opportune, a prescindere. A questo punto è legittimo chiedersi come mai ci siano stati così tanti turbamenti, incertezze e inquietudini sulla disponibilità di Draghi per il Colle. Delle ragioni del centrodestra abbiamo detto, tanto che dopo un vertice hanno deciso di rinviare la loro decisione a gennaio. Gli altri, dai 5 Stelle al Pd, Iv e Leu, hanno il terrore delle possibili elezioni nella primavera prossima. Un anno prima della scadenza naturale della legislatura significaperdere un anno di emolumenti, quasi 150 mila euro, e per la stragrande maggioranza di questi parlamentari anche di non rivedere più questa pacchia, mi pare che sia, già questo, un buon e valido motivo per rimanere attaccati al seggio a tutti i costi. È vero che Draghi nell’ultima conferenza stampa ha detto che la legislatura dovrà continuare, anche dopo la elezione del nuovo capo dello Stato, ma non è sicuro, con lui al Colle non ci sarebbe nulla di scontato, come hanno visto tutti i partiti in questi mesi. Allora, chi potrebbe essere più affidabile, nel senso di essere rassicurante nei confronti dei parlamentari, di promettereloro di non sciogliere le Camere e nello stesso tempo (quasi) sicuro che non rimarrebbe, per l’età, (83 primavere) sette anni al Quirinale? Il mio algoritmo dice un nome: Giuliano Amato. 

P.S.Agli amici, affezionati lettori (tanti, oltre ogni più rosea previsione) gli auguri di un buon Natale e di un felicissimo anno nuovo.

Fortunato Vinci – www.lidealiberale.com – Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2022 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.