ansia(ASI) L’ansia è compagna di vita buona e giusta, mentre il disturbo d’ansia è differente, e si manifesta quando questa compagna prende il sopravvento. Il disturbo d’ansia necessita di trattamento - farmacologico o psicoterapeutico -ed il primo episodio si manifesta con perdita di autocontrollo, sintomi somatici come tachicardia, tachipnea, tremore, intensa sudorazione, disturbi gastrointestinali.

Il farmaco cura il sintomo, ma la causa deve essere necessariamente rimossa con sedute di psicoterapia basate su colloqui individuali o con il nucleo familiare. Gli ansiolitici possono dare dipendenza e vanno smessi gradualmente. Si rende indispensabile la  modificazioni degli schemi mentali non adeguati  per  mettere in atto comportamenti idonei e funzionali.

Il fenomeno patologico si sviluppa quando l'ansia diventa troppo intensa, troppo duratura o sproporzionata rispetto alle cause che la determinano, producendo una compromissione del funzionamento della persona. I disturbi d'ansia possono colpire tutte le fasce d'età , con frequenza  più alta nei soggetti esposti maggiormente a più fattori stressogeni, legati al lavoro e connessi con incarichi di responsabilità. Il messaggio che deve essere trasmesso è quello  di intercettare prima possibile il disturbo d'ansia  per evitare la cronicizzazione, che rende più difficile il trattamento.

La fiducia in se stessi prima,  e nel terapeuta dopo, rappresenta il punto di partenza per sconfiggere i disturbi d'ansia.

Dr. Raffaele Garinella per A.S.I.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.